Come collegare una chiavetta USB o un HD al tuo smartphone

By | Novembre 17, 2020
Come collegare una chiavetta USB o un HD al tuo smartphone

Arriva il momento in cui le informazioni di cui hai bisogno si trovano su un HD, un SSD o un’unità flash, ma non hai il tuo computer a portata di mano e hai solo il tuo smartphone per aiutarti. Come accedere alle informazioni da unità esterne sul tuo Android? Oggi te lo spieghiamo velocemente.


Molti smartphone Android hanno uno slot per schede microSD, una mano sul volante che aiuta non solo ad espandere lo spazio interno dei dispositivi, ma anche a trasmettere informazioni senza dover ricorrere al cloud o alle connessioni wireless, cosa che può richiedere tempo. Ma non sempre abbiamo una microSD a nostra disposizione, quindi dischi rigidi tradizionali, unità flash, SSD e persino schede SD possono essere la soluzione.

Quindi guardi la parte inferiore del tuo dispositivo e noti una connessione micro USB o USB di tipo C e ti chiedi come puoi farlo funzionare. Con accessori speciali o il nostro cavo OTG “fix it all”, possiamo realizzare questo collegamento. Vedremo.

Pen drive per smartphone

Poco più di un anno fa questi accessori erano ancora un po’ strani e difficili da trovare, ma oggigiorno è più facile ed economico acquistare un accessorio così importante. Le società di memorie specializzate come Kingston e SanDisk hanno già modelli per questo scopo.


La cosa migliore è che queste chiavette USB sono minuscole e hanno due connessioni, rendendola una vera carta nella manica. Da un lato, una connessione micro USB o USB Type-C. Dall’altro, una comune USB A per il collegamento ai computer. Collega il lato più piccolo allo smartphone e Android riconoscerà questo gadget come spazio extra proprio come una micro SD.

Adattatori specifici

Se il tuo disco esterno o unità flash è di tipo USB A, quello grande, per computer, puoi comunque contare su un adattatore. Puoi avere la fortuna di avere uno di questi nella confezione del tuo smartphone, ma puoi anche trovarne uno facilmente nei negozi di elettronica o nei negozi online.

Trasformano semplicemente la connessione del tuo accessorio in micro USB o USB Type-C, rendendoli compatibili con il tuo smartphone. Tuttavia, tieni presente che hai bisogno di un adattatore di buona qualità con la garanzia di poter effettuare tale connessione.


Per le schede SD, hai due opzioni. Utilizzare un lettore di schede standard accanto a uno di questi adattatori o acquistare un adattatore che legge la scheda SD direttamente sulla connessione dello smartphone. Si tratta di soluzioni importanti per chiunque utilizzi una fotocamera che utilizza SD e ha bisogno di passare le foto su Internet o di modificarle sullo smartphone.

Cavo OTG, il burlone 

Ogni utente Android dovrebbe avere uno di questi. Un cavo OTG serve così tante cose che dovrebbe davvero entrare in tutte le custodie degli smartphone. Possono essere gli adattatori di cui abbiamo parlato nell’articolo precedente, ma possono essere anche cavi più grandi e ancora più completi.

Con il cavo OTG non solo sarai in grado di collegare tutti i tuoi dischi rigidi, SSD, unità flash e schede, ma anche una miriade di altri accessori, come cavi di rete, mouse, tastiere e altro.


Come scoprire se il tuo smartphone è compatibile OTG

Tuttavia, alcuni smartphone potrebbero non essere compatibili con la tecnologia On The Go. Se il tuo smartphone è più vecchio, se non hai più la confezione o se non sei sicuro del numero di modello, puoi utilizzare l’app gratuita USB OTG Checker per verificare Compatibilità. USB OTG è presente nativamente su Android da Honeycomb (3.1), quindi è più che probabile che il tuo dispositivo sia già compatibile.

Attenzione con dispositivi più grandi

Quando si collega un disco rigido esterno al notebook o al PC, l’unità è alimentata dal computer. Lo stesso accade quando colleghi il tuo dispositivo di archiviazione al tuo telefono Android. Tuttavia, la maggior parte degli smartphone non è in grado di fornire la stessa potenza di un computer e questo può causare problemi.

La maggior parte degli smartphone può fornire solo 0,5 A di alimentazione. Se il tuo disco esterno richiede più di quello, verrà semplicemente disconnesso, non funzionerà. I dischi rigidi richiedono più potenza per l’avvio, a causa del loro motore interno. Se scopri che l’unità da 1 TB continua a disconnettersi, questo è probabilmente il tuo problema.


Puoi risolvere il problema aggiungendo una fonte di alimentazione. Dovrai acquistare un adattatore che ti consenta di collegare una fonte di alimentazione, nonché la connessione al tuo dispositivo. Questo tipo di cavo USB OTG è più difficile da trovare, ma risolve il problema.

Fallo e non dovresti avere problemi a connettere la tua memoria esterna al tuo smartphone Android. Assicurati solo di collegare prima la fonte di alimentazione e lo smartphone, quindi l’unità esterna. Questo problema può verificarsi anche su alcuni SSD esterni, ma non su tutti.

Quale formattazione usare su HD?

Potresti già avere familiarità con USB OTG senza conoscerne il nome. Ogni volta che colleghi una tastiera o un mouse ad Android, utilizzi la tecnologia OTG e questo non è più complicato che collegare un disco rigido al tuo smartphone. Detto questo, ci sono alcune condizioni per garantire che l’unità esterna venga riconosciuta.


Tutti i dispositivi compatibili con USB possono essere utilizzati purché non richiedano un’alimentazione esterna. Inoltre, il tuo dispositivo di archiviazione (disco rigido o pendrive) deve essere nel formato FAT32. Il supporto NTFS non verrà riconosciuto.

Se il tuo disco o unità flash non è in questo formato, devi formattarlo e metterlo in FAT32, ma ricorda che perderai tutti i dati prima di riformattare, quindi assicurati di salvarlo in un altro posto prima.

Come accedere ai file su queste unità esterne

Con uno di questi accessori in mano, effettua semplicemente la connessione. Se il disco o la chiavetta non viene riconosciuta in quel momento, attendere qualche istante, in quanto potrebbe volerci meno di un minuto grazie al cavo o all’accessorio,

Per gestire i file sul disco rigido o sull’unità flash collegata allo smartphone, è sufficiente utilizzare un file explorer. Quando il dispositivo è connesso, viene visualizzata una nuova cartella. Il nome del disco può essere USBDriveA in generale, ma questo può variare a seconda delle versioni e delle interfacce del sistema. Ecco il nome che ho dato alla pen drive, 32 GB. Se hai problemi a trovarlo, tocca il pulsante barra (“/”) per tornare alla cartella root del tuo smartphone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *