Guida definitiva al backup e al ripristino del registro di Windows

By | Gennaio 9, 2021
Guida definitiva al backup e al ripristino del registro di Windows

Windows memorizza praticamente tutto ciò che lo fa funzionare in un database basato su file gerarchico chiamato registro di Windows. Il registro contiene tutte le impostazioni di configurazione per il sistema operativo, i programmi, i servizi, i componenti e praticamente tutto il resto. Qui è memorizzato tutto, dalla dimensione delle icone al colore della barra delle applicazioni.


Il registro è composto da milioni di chiavi e valori. Puoi pensare alle chiavi come cartelle e ai valori come ai dati archiviati all’interno delle cartelle. Nell’editor del registro, le chiavi sembrano effettivamente cartelle e i valori sono ciò che contiene le impostazioni effettive. Ogni chiave nel registro può avere più di un valore, un po’ come una cartella può contenere più di un file memorizzato al suo interno.

Inoltre, i valori possono memorizzare dati di diversi tipi, inclusi String, Binary, DWORD, QWORD e altri. Non hai davvero bisogno di capire quel livello di dettaglio, ma si spera che tu capisca la struttura del registro.


In termini di backup del registro, hai davvero due opzioni: eseguire il backup di parti del registro manualmente tramite esportazione o eseguire il backup dell’intero registro utilizzando Ripristino configurazione di sistema. Quando si apporta una modifica al registro, è sempre una buona idea creare un punto di ripristino e quindi eseguire il backup anche della sezione modificata del registro.

C’è un modo per esportare l’intero registro, ma non è una buona opzione per diversi motivi. In primo luogo, otterrai un file di grandi dimensioni che devi archiviare da qualche parte. In secondo luogo, se stai modificando solo un’impostazione, il tentativo di importare nuovamente l’intero registro in un secondo momento potrebbe sovrascrivere molti altri valori più recenti che sono stati scritti in altre parti del registro dopo l’esportazione. 


Questo può effettivamente portare a più problemi e possibile corruzione. Infine, potresti non essere nemmeno in grado di importare di nuovo l’intero registro perché molte chiavi saranno utilizzate da Windows e quindi semplicemente non verranno scritte.

L’opzione migliore per eseguire il backup e il ripristino dell’intero registro è utilizzare Ripristino configurazione di sistema. Pertanto, quando si effettua una modifica, creare prima un punto di ripristino e quindi eseguire il backup manuale dell’unica sezione modificata. Se c’è un problema, puoi sempre ricaricare la sezione esportata facendo semplicemente doppio clic sul file.reg in Windows.

Se non riesci più ad accedere a Windows perché la modifica del registro ha incasinato qualcosa di più gravemente, puoi semplicemente avviare le Opzioni di ripristino avanzate e scegliere il punto di ripristino precedente che avevi creato. Spiegherò entrambi i metodi in dettaglio di seguito.

Apertura dell’editor del registro


Innanzitutto, parliamo dell’apertura dell’editor del registro. In quasi tutte le versioni recenti di Windows, è possibile aprire l’editor del registro facendo clic sul pulsante Start e digitando regedit.

Probabilmente sai già come farlo considerando che hai trovato questo articolo mentre cercavi di imparare come eseguire il backup del registro. Ovviamente, prima di apportare modifiche al registro, dovresti sempre eseguirne il backup. Ora andiamo al punto principale di questo articolo sui diversi modi in cui è possibile eseguire il backup del registro di Windows.

Parti / sezioni di backup del registro

In molti dei miei post, ho menzionato modifiche o suggerimenti che richiedono la modifica di una chiave o di un valore nel registro. Se hai intenzione di apportare una singola modifica qua e là, non devi necessariamente eseguire il backup dell’intero registro.

Supponiamo che tu stia modificando un valore memorizzato nella seguente chiave:

HKEY_LOCAL_MACHINE – SOFTWARE – Microsoft – Windows – CurrentVersion – Explorer

È possibile fare clic con il pulsante destro del mouse su Explorer e scegliere Esporta  per eseguire un backup dell’intera chiave insieme a tutte le sottochiavi e ai loro valori.

Noterai che ci sono parecchie altre sottochiavi sotto la chiave principale di Explorer. Per impostazione predefinita, verrà esportato solo il ramo selezionato insieme alle sottochiavi e ai valori. Se si desidera esportare l’intero registro, è necessario scegliere Tutto in Intervallo di esportazione quando si salva il file.reg.

Ancora una volta, non consiglio di eseguire il backup dell’intero registro in questo modo poiché finirai per ottenere un errore  Impossibile importare quando provi a importare nuovamente il file.

Quindi continua a esportare solo i rami selezionati e avrai maggiori possibilità di essere in grado di reimportare il file di registro in un secondo momento. Ora parliamo dell’utilizzo di Ripristino configurazione di sistema per eseguire un backup completo del registro.

Backup dell’intero registro tramite Ripristino configurazione di sistema

Utilizzando Ripristino configurazione di sistema, non incorrerai in problemi di ripristino a uno stato precedente perché Windows gestisce tutti i problemi bloccati e in uso per te. Creerai sempre un punto di ripristino durante l’utilizzo di Windows ed è molto semplice da fare.

Fare clic su Start e digitare Crea punto di ripristino e fare clic sul primo risultato. Verrai acquistato direttamente alla scheda Protezione del sistema nella finestra di dialogo Proprietà del sistema.

Fare clic sul pulsante Crea in basso e verrà visualizzata un’altra finestra di dialogo che richiede una descrizione. Fare clic sul pulsante Crea e verrà creato il punto di ripristino.

Dovrebbero essere necessari solo pochi minuti per creare il punto di ripristino. Una volta completato, è possibile ripristinare un punto di ripristino creato in precedenza in due modi: tramite la stessa  finestra di dialogo Ripristino configurazione di sistema in Windows o tramite la schermata Opzioni di ripristino avanzate. Ti mostrerò entrambi i metodi di seguito.

Ripristina il registro tramite Windows

Se sei ancora in grado di avviare Windows e accedere al sistema, puoi provare a ripristinare il registro aprendo Ripristino configurazione di sistema. Fare clic su Start e digitare ripristino configurazione di sistema e fare clic sul primo risultato.

Quando viene visualizzata la finestra di dialogo Ripristino configurazione di sistema, vai avanti e fai clic su Avanti. Nella schermata seguente, vedrai un elenco di tutti i diversi punti di ripristino attualmente sul sistema.

Vedrai i punti di ripristino creati manualmente insieme a quelli creati automaticamente. È possibile selezionare la casella Mostra altri punti di ripristino per vedere tutti i punti di ripristino archiviati nel sistema. Se si fa clic sul pulsante Cerca programmi interessati, verrà visualizzato un elenco di tutti i programmi installati dopo la creazione del punto di ripristino poiché verranno rimossi. Ti dirà anche quali programmi sono stati rimossi dopo la creazione del punto di ripristino che verrà ripristinato.

Fare clic su Avanti e Fine e questo è tutto. Il sistema verrà ripristinato al punto di ripristino precedente e dovresti essere a posto. Tieni presente che Ripristino configurazione di sistema non altera i tuoi dati personali quando si modifica lo stato del sistema. Controlla solo il registro, i programmi e i file di sistema.

Ripristina il registro tramite le opzioni di ripristino

Se non sei in grado di accedere a Windows, puoi comunque utilizzare il ripristino del sistema, ma solo tramite Opzioni di avvio avanzate in Windows 7 e Opzioni di ripristino avanzate in Windows 8 e Windows 10. Il metodo è leggermente diverso per tutti e tre i sistemi operativi, quindi Li spiegherò tutti di seguito.

Ripristino di Windows 7

Per Windows 7, è necessario riavviare il computer e quindi premere il tasto F8 durante l’avvio iniziale. Verrà visualizzata la schermata Opzioni di avvio avanzate e la prima opzione sarà Ripara il computer.

Selezionalo e premi Invio. Questo caricherà la finestra di dialogo Opzioni ripristino di sistema e qui dovrai scegliere Ripristino configurazione di sistema.

Di nuovo, devi solo scegliere il ripristino a cui vuoi tornare e il gioco è fatto. Normalmente, se si verificano problemi durante il caricamento di Windows, la schermata Opzioni di avvio avanzate verrà visualizzata automaticamente.

Tieni presente che se non riesci a caricare le opzioni di avvio utilizzando F8, potresti dover utilizzare un disco di ripristino del sistema. È possibile creare un disco di riparazione su qualsiasi PC Windows 7 facendo clic su Start e digitando disco di riparazione del sistema.

Inserisci un CD o un DVD e fai clic sul pulsante Crea disco. Una volta che hai questo disco, puoi avviare direttamente da esso per ottenere le opzioni di ripristino del sistema mostrate sopra. L’unica cosa di cui hai bisogno per assicurarti è che l’ ordine di avvio abbia l’unità CD / DVD ROM elencata per prima.

Ripristino di Windows 8

In Windows 8, l’intera procedura di ripristino e la GUI sono completamente diverse. Invece della noiosa interfaccia DOS di prima, ora hai una moderna GUI dall’aspetto stravagante, che rende le cose molto più semplici.

F8 non funziona più quando si tenta di accedere a questa nuova interfaccia. Fortunatamente, ho già scritto un post sui diversi metodi che puoi utilizzare per accedere alla schermata delle opzioni di avvio avanzate in Windows 8. Una volta che sei arrivato alla schermata principale, fai clic su Risoluzione dei problemi.

Nella sezione Risoluzione dei problemi, vai avanti e fai clic su Opzioni avanzate in basso.

Infine, fai clic su Ripristino configurazione di sistema nell’ultima schermata e otterrai la familiare finestra di dialogo di ripristino del sistema per scegliere il punto di ripristino a cui desideri tornare.

In Windows 8, puoi creare un disco di ripristino del sistema come in Windows 7 oppure puoi creare un’unità di ripristino USB. Per creare un disco di riparazione, fare clic su Start e digitare recdisc.exe e creare il tipo di unità di ripristino nell’unità di ripristino.

Ancora una volta, devi solo crearli utilizzando un computer diverso se non sei in grado di caricare le opzioni di ripristino sul tuo PC attuale.

Ripristino di Windows 10

La procedura in Windows 10 è esattamente la stessa una volta che si arriva alla schermata delle opzioni di avvio avanzate, ma leggermente diversa in Windows. Poiché il menu Start è tornato in forma completa in Windows 10, puoi fare clic su di esso e quindi fare clic su Impostazioni.

Quindi, fai clic su Aggiorna e ripristina nella finestra di dialogo Impostazioni. Come puoi vedere, la finestra di dialogo Impostazioni in Windows 10 è completamente diversa da quella in Windows 8.

Infine, sarai in grado di fare clic sul pulsante Riavvia ora in Avvio avanzato. Questo ti porterà alla stessa schermata Scegli un’opzione in cui farai clic su Risoluzione dei problemi.

Si spera che le istruzioni dettagliate sopra consentano di eseguire il backup e il ripristino del registro in modo sicuro e semplice in Windows 7, Windows 8 e Windows 10. In caso di domande, non esitare a pubblicare un commento.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *