Come funziona la ricarica wireless?

By | Gennaio 19, 2021
Come funziona la ricarica wireless

La ricarica wireless ti consente di ricaricare i tuoi gadget senza dover collegare un cavo USB. È abbastanza utile, ma come funziona effettivamente? Quali sono gli svantaggi? Parleremo di tutto ciò che devi sapere su come funziona la ricarica wireless proprio qui. Presto dimenticherai com’era tutta quella confusione di cavi!

In genere, i caricabatterie wireless utilizzano una proprietà del magnetismo e dell’elettricità nota come carica “a induzione”. Fondamentalmente, la corrente elettrica viene convertita in un campo magnetico. Questo campo induce quindi una corrente elettrica nel dispositivo che si desidera caricare.

È un po’ una semplificazione, ma è essenzialmente ciò che accade nel processo di ricarica wireless. Ci sono due bobine, una in ogni dispositivo, che convertono l’energia da una forma all’altra.

Questa è la forma più comune di ricarica wireless che probabilmente troverai in gadget come smartphone o smartwatch. La ricarica a induzione funziona solo su distanze molto brevi. Di solito 10 mm o meno. Quindi, sebbene l’alimentazione sia “wireless”, di solito è necessario appoggiare il dispositivo su una sorta di pad di ricarica affinché la potenza possa fluire. I caricabatterie a induzione come questi utilizzano segnali a bassa frequenza per trasferire l’alimentazione dal caricabatterie al dispositivo.

L’alternativa risonante

Non sarebbe bello entrare in una stanza e fare in modo che tutti i tuoi dispositivi siano alimentati? Questa è la promessa della ricarica risonante. Utilizzo di onde radio ad alta frequenza per inviare alimentazione ai dispositivi in ​​modalità wireless. 

Il grande vantaggio di questo metodo è che le onde ad alta frequenza possono viaggiare molto più lontano di quanto possano gestire i caricatori a induzione. Stiamo parlando di più metri. Quindi, finché rimani nel raggio della bobina, il tuo dispositivo si accenderà. 

È un’idea futuristica, ma il pioniere dell’elettricità Nikola Tesla lo stava già facendo più di un secolo fa. Se la storia fosse andata in una direzione leggermente diversa, l’elettricità wireless sarebbe potuta essere il modo standard di fare le cose oggi.

Una corsa a due cavalli

Esistono diversi approcci al funzionamento della ricarica wireless, ciascuno con i propri pro e contro. Diverse aziende hanno visioni diverse su come tutti noi desideriamo utilizzare l’alimentazione wireless nella vita quotidiana. Ciò ha dato origine a più standard per la ricarica wireless e, come probabilmente avrai intuito, questi standard non interagiscono tra loro.

I caricabatterie wireless Qi utilizzano il metodo di induzione a corto raggio e questo è ciò che troverai nella maggior parte dei dispositivi personali che si caricano in modalità wireless. Tuttavia, puoi acquistare cover per la ricarica speciali per smartphone che aggiungono funzionalità Wireless.

Più veloce! Più veloce!

Una cosa che potresti notare della ricarica wireless, indipendentemente dallo standard, è che non offrono molta potenza. La ricarica rapida è diventata praticamente lo standard quando si utilizza un cavo. I moderni smartphone e laptop USB-C possono spesso accettare qualsiasi cosa tra 40 e 60 watt. Utilizzando USB-C Power Delivery, puoi effettivamente spostare 100 W di potenza su un cavo USB-C, ma non le attuali batterie agli ioni di litio in un telefono possono accettarlo.

I caricabatterie Qi o AirFuel non offrono la stessa potenza, ma entrambi gli standard si stanno evolvendo. Al momento in cui scrivo, la ricarica rapida wireless da 40 W ha iniziato a entrare nel mercato e AirFuel spera di raggiungere i 100 W in futuro. Possiamo anche aspettarci che la tecnologia della batteria migliori, rendendo più facile caricare i dispositivi più rapidamente. 

Tuttavia, al momento, uno dei principali svantaggi della ricarica wireless è che è più lenta rispetto all’utilizzo di una connessione cablata diretta e non può alimentare attivamente dispositivi che richiedono anche una quantità moderata di energia per funzionare.

Un caricatore per dominarli tutti

Un grande vantaggio della ricarica wireless è che elimina tutti i diversi standard di cavo. Bene. questo presuppone che tutti i tuoi dispositivi utilizzino lo stesso standard, ma la ricarica Qi sta diventando piuttosto onnipresente per dispositivi come gli smartphone.

Quindi chiunque abbia un dispositivo Qi può semplicemente metterlo sul tuo pad e ricaricarlo. È fantastico, ma la vera caratteristica killer è la possibilità di caricare più dispositivi sullo stesso pad di ricarica contemporaneamente. Hai bisogno di un caricabatterie con una bobina per ogni dispositivo che desideri caricare. 

Ad esempio, i “caricabatterie tripli” hanno tre bobine e quindi tre punti di ricarica. Puoi mettere tre dispositivi uno accanto all’altro e caricarli contemporaneamente. Questa può essere una soluzione piuttosto elegante. Ad esempio, se metti un caricatore triplo su un tavolino nel tuo salotto, è un posto centrale dove le persone possono mettere i loro dispositivi.

Dispositivi che si caricano solo in modalità wireless

La maggior parte dei dispositivi che si caricano in modalità wireless, come gli smartphone, offrono anche la possibilità di effettuare la ricarica via cavo. Tuttavia, ci sono alcuni dispositivi che ti consentono solo di caricarli in modalità wireless. Gli smartwatch ne sono un esempio e se ci pensi, ha senso. 

Se vuoi creare un dispositivo che sia veramente resistente alla polvere e all’acqua, avere un sacco di porte può essere un problema. Per non parlare del fatto che piccoli dispositivi come auricolari wireless o smartwatch spesso non hanno comunque spazio per connettori standard. 

Come funziona la ricarica wireless su dispositivi più grandi? Sebbene non ci siano ancora telefoni, tablet o laptop di cui siamo a conoscenza con l’esclusiva ricarica wireless, non dare per scontato che non accadrà mai. Un dispositivo completamente sigillato che utilizza solo la comunicazione e la ricarica wireless aprirebbe nuove porte in termini di robustezza e design.

Telefoni e power bank che forniscono ricarica wireless

Gli stessi caricabatterie wireless sono diventati wireless, nel senso che ora puoi trovare power bank e persino smartphone in grado di caricare i dispositivi in ​​modalità wireless utilizzando lo standard Qi. 

Gli smartphone come il Note 10+ hanno una funzione nota come “Wireless Powershare” ed è molto utile per caricare dispositivi come auricolari wireless o smartwatch. I power bank wireless sono ovviamente utili anche per quel caso d’uso, ma fanno anche emergere l’interessante possibilità di attaccare il telefono al power bank e utilizzarlo temporaneamente come un pezzo senza cavi.

Un futuro wireless

La ricarica a induzione Qi a corto raggio è sicuramente destinata a rimanere, ma abbiamo visto alcune dimostrazioni impressionanti della ricarica a lungo raggio utilizzando il metodo di risonanza. Montare un TV LCD con una bobina del ricevitore, semplicemente portandolo nel raggio di un’altra bobina installata all’interno di un muro lo accenderà. 

Con l’alimentazione e il trasferimento dei dati possibili in modalità wireless, ci sono nuove strade che i designer di prodotti possono intraprendere. Potremmo dirigerci verso un futuro interessante di dispositivi che hanno sempre alimentazione, non hanno bisogno di essere aperti e in alcuni casi potrebbero non aver più bisogno di batterie per funzionare.

Naturalmente, ci vorrà del tempo prima che l’alimentazione wireless a lungo raggio diventi la norma. Puoi sicuramente aspettarti anche un bel po ‘di respingimento. Ci sono già molte preoccupazioni (solitamente ingiustificate) sulle tecnologie delle radiazioni elettromagnetiche come il 5G che causano problemi di salute o problemi ambientali. Ci aspettiamo che lo stesso tipo di reclamo sorga quando la trasmissione di potenza wireless a lungo raggio diventa più comune. 

Per ora, tuttavia, nessuno sembra avere problemi con la ricarica a induzione a brevissimo raggio. Quanti dei tuoi dispositivi possono caricare in modalità wireless? Con che frequenza usi questa funzione? Ci piacerebbe saperlo nei commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *