Come bloccare i siti Web in Safari su Mac

By | Aprile 29, 2020
Come bloccare i siti Web in Safari su Mac

Mentre la maggior parte dei siti Web che incontri sono in genere informativi e ti aiutano con le attività in cui sei bloccato, ci sono anche altri siti Web che ti distraggono principalmente dal lavoro che stai facendo. Questi siti Web spesso funzionano come magneti e ti tengono incollato a loro per lunghi periodi di tempo. Se ti ritrovi a vagare su questi siti per lunghe ore, potresti voler bloccare questi siti sul tuo computer. 


In questo modo stai imponendo indirettamente restrizioni su te stesso e rendendo inaccessibili questi siti Web. La funzione ti aiuta anche a bloccare i siti Web che non vuoi che i tuoi figli vedano. Questi possono essere siti per adulti o altri siti che non ritieni appropriati per i tuoi figli. Indipendentemente dal ragionamento, bloccare i siti su Safari su un Mac è un processo abbastanza semplice e può essere fatto utilizzando tre diversi metodi.

Usa il Controllo genitori per bloccare i siti Web in Safari su Mac

Se hai dato un’occhiata all’interno del pannello Preferenze di Sistema sul tuo Mac, probabilmente hai visto questo menu chiamato Controllo genitori. Ti consente di impedire che determinati contenuti vengano visualizzati sul tuo Mac e ti consente anche di bloccare i siti Web scelti. Fai clic sul logo Apple nell’angolo in alto a sinistra dello schermo e seleziona Preferenze di Sistema. Quando il pannello si apre, trova e fai clic sull’opzione che legge Controllo genitori.

Seleziona l’account utente su cui desideri abilitare le restrizioni dalla barra laterale di sinistra. Quando viene visualizzato un menu nel riquadro destro, fare clic sulla scheda che dice Web. Abilita la seconda opzione che dice Prova a limitare l’accesso ai siti Web per adulti e quindi fai clic sul pulsante Personalizza accanto ad essa.

Nella schermata seguente, fai clic sul pulsante + (più) sotto la sezione Non consentire mai a questi siti Web di aggiungere un nuovo sito Web all’elenco dei blocchi. Digita l’URL del sito Web che desideri bloccare e premi Invio. Sentiti libero di aggiungere tutti i siti web che desideri nell’elenco. Fai clic su OK quando hai finito.

L’utente non sarà in grado di accedere ai siti Web specificati nell’elenco dei blocchi. L’elenco è personalizzabile ed è possibile aggiungere e rimuovere siti Web in qualsiasi momento. C’è anche una sezione che ti consente di specificare i siti Web che sono sempre consentiti. Potrebbe contenere siti web educativi dei tuoi figli e cose del genere.

Potrebbe interessarti: Come crittografare una cartella su MacOS usando Utility Disco

Modifica il file degli host per limitare l’accesso ai siti Web in Safari su Mac

Se hai mai provato a bloccare i siti Web su un PC Windows, hai già familiarità con il file hosts. Questo file può essere utilizzato per limitare l’accesso a determinati siti Web sul tuo computer ed è disponibile anche sulla piattaforma Mac. Utilizzerai l’app Terminale per aprire e modificare il file. Avvia l’ app Terminale sul tuo Mac, digita il seguente comando e premi Invio.

sudo nano / etc / hosts

Dal momento che è un comando sudo, ti verrà chiesto di inserire la password dell’amministratore. Immettere la password e premere Invio. Quando il file si apre, premi Invio dopo la riga che dice localhost 127.0.0.1. Ciò ti consentirà di aggiungere una nuova riga al file. Ecco la parte in cui si blocca effettivamente un sito. Digitare 127.0.0.1, premere la barra spaziatrice, quindi inserire l’indirizzo Web del sito che si desidera bloccare. Ad esempio, se si desidera bloccare bing.com, verrà utilizzata la seguente riga:

127.0.0.1 bing.com

È possibile aggiungere tutti i siti Web all’elenco dei blocchi desiderati. Assicurati di inserire ogni sito Web in una nuova riga e non modificare il prefisso che è l’indirizzo IP locale del tuo Mac. Dopo aver inserito gli URL per tutti i siti Web che si desidera bloccare, premere i tasti Control + O sulla tastiera per salvare il file. Uscire dalla modalità di modifica del file premendo i + X Controllo chiavi. Una volta tornati alla normale finestra Terminale, digitare il comando seguente per svuotare la cache DNS:

sudo dscacheutil -flushcache

Rimuoverà i file della cache DNS in modo che questi file non interferiscano con le funzioni del file hosts. I siti Web specificati rimarranno bloccati fino a quando si trovano nel file degli host.

Utilizzare un’app per bloccare i siti Web in Safari su Mac

Entrambi i modi indicati sopra utilizzano gli strumenti integrati disponibili sul Mac per eseguire l’operazione. Se non li trovi convenienti e preferisci un’opzione più semplice, puoi utilizzare un’app di terze parti per bloccare i siti sul tuo Mac.

Entra in SelfControl, un’app gratuita per computer Mac che ti consente di ritrovare la tua attenzione bloccando i siti non produttivi sul tuo computer. Con questa app, puoi persino definire la durata per cui desideri che i siti specificati rimangano bloccati. Trascorso tale periodo di tempo, i siti specificati saranno nuovamente accessibili. Scarica l’app, spostala nella cartella Applicazioni e avvia l’app. Nell’interfaccia principale, fai clic sul pulsante Modifica lista nera per specificare i tuoi siti Web.

Fare clic sul segno + (più) nella schermata seguente per aggiungere siti Web all’elenco dei blocchi. Facoltativamente, è anche possibile importare i siti Web da bloccare da Internet. Trascina il cursore sull’interfaccia principale per regolare la durata del blocco. Quindi fare clic sul pulsante Avvia per iniziare il periodo di blocco. I siti selezionati rimarranno inaccessibili per il periodo di tempo che hai scelto nell’app.

Un’ulteriore funzionalità fornita da questa app è un elenco chiamato whitelist. Ciò che questo elenco fa è che consente di specificare i siti che si desidera accedere mantenendo bloccati tutti gli altri siti su Internet. Prestare attenzione durante l’utilizzo di questa funzione e utilizzarla solo in determinate circostanze in cui solo alcuni siti Web scelti devono essere consentiti sulla macchina.

Potrebbe interessarti: Come trasferire file da Android a Mac

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *