Come installare Magisk e Magisk Manager

Come installare Magisk e Magisk manager

Come installare Magisk e Magisk Manager

Attualmente sono due i metodi più diffusi per effettuare il root di un dispositivo Android. Uno è l’utilizzo di SuperSU di Chainfire, che abbiamo usato e amato nel corso degli anni. Il secondo metodo consiste nel flashare Magisk di topjohnwu. SuperSU ha goduto di un monopolio nel mondo del rooting Android per un periodo di tempo significativo, fino al debutto di Magisk. Magisk è diventato rapidamente una delle scelte preferite da coloro che desiderano effettuare il rooting del proprio dispositivo Android. I vantaggi del root Android con Magisk sono numerosi e ne parleremo tra poco. Uno dei più importanti è che Magisk offre anche diverse altre funzionalità, come quella di nascondere il root alle app che non funzionano sui dispositivi Android root. In questo articolo, vi presentiamo l’ultima versione di Magisk Zip e l’ultima versione di Magisk Manager. Si noti che questo articolo sarà sempre aggiornato con l’ultima versione di Magisk Zip e Magisk Manager. Per comodità, abbiamo incluso anche delle semplici guide con cui è possibile effettuare facilmente il root del proprio dispositivo Android utilizzando Magisk.


Che cos’è Magisk?

Magisk è una popolare soluzione di root per Android che si presenta sotto forma di file ZIP che viene utilizzato per il root dei dispositivi Android. È stato sviluppato dallo sviluppatore topjohnwu nel 2016 come metodo alternativo per il root dei dispositivi Android rispetto al famoso SuperSU di Chainfire. Magisk si presenta sotto forma di file zip che può essere flashato tramite una recovery personalizzata come la TWRP per ottenere il root sui dispositivi Android. Una volta che avete flashato il file zip di Magisk tramite TWRP, potete gestire le attività frontali, tra cui, ma non solo, l’accesso root da parte del manager, tramite un’app chiamata Magisk Manager.

Caratteristiche di Magisk

Di seguito sono riportate alcune delle caratteristiche più interessanti di Magisk:

  1. È possibile modificare facilmente le partizioni di sistema/vendite sul proprio dispositivo Android senza manometterle. È vero, con Magisk si mantengono intatte le partizioni di sistema. Questo è il motivo per cui Magisk viene chiamato ” systemless root”. Magisk modifica solo l’immagine di avvio e installa i file necessari nelle partizioni /data e /cache senza apportare alcuna modifica alla partizione /system .
  2. Magisk è open source. Potrebbe non sembrare una cosa importante, ma in realtà lo è. A differenza di SuperSU, che è proprietario di Chainfire, Magisk è open source e i suoi codici sorgente sono disponibili per chiunque voglia svilupparli ulteriormente o aggiungere funzionalità.
  3. Magisk viene fornito con Magisk Manager, un’applicazione front-end molto semplice da usare. Aiuta a gestire i privilegi di root (concessione/revoca) e a gestire i moduli Magisk (ne parleremo tra poco).
  4. È possibile installare facilmente gli aggiornamenti OTA delle ROM stock ufficiali se si è rootati con Magisk.
  5. Alcune applicazioni e giochi non funzionano sui dispositivi Android rooted. Questo perché i dispositivi Android rooted attivano il controllo di sicurezza SafetyNet di Google. Quando un dispositivo Android viene rootato con Magisk, c’è un’opzione che aiuta gli utenti a nascondere la funzionalità di rooting dal controllo di sicurezza di Google. Più controllo per voi!
  6. Viene fornito con una piccola utility chiamata Resetprop, che consente di apportare modifiche alle proprietà del sistema, comprese quelle di sola lettura.

Come installare Magisk e fare il root Android?

Il funzionamento di Magisk è duplice.

  1. Magisk Zip – Flashabile TWRP.
  2. Magisk Manager APK – Installabile come un normale file APK.

La soluzione per il rooting di Magisk si presenta sotto forma di file zip che deve essere installato tramite una recovery Android personalizzata come la TWRP. Una volta che abbiamo flashato Magisk tramite TWRP Recovery, possiamo procedere con il resto della configurazione per iniziare a usare Magisk. Di seguito sono riportati i passaggi da seguire per installare con successo Magisk sul vostro dispositivo Android:

  1. Sbloccare il bootloader.
  2. Installare la recovery TWRP.
  3. Flash Magisk File Zip.
  4. Installare e configurare Magisk Manager.

Vedremo di seguito tutti i procedimenti nel dettaglio.

1. Sbloccare bootloader Android

Prima di sbloccare il bootloader del vostro dispositivo, tenete presente che questa procedura cancellerà completamente tutti i dati presenti sul dispositivo. Pertanto, prima di procedere, eseguire un backup completo del dispositivo Android. Ci sono alcuni prerequisiti che devono essere soddisfatti prima di poter procedere allo sblocco del bootloader del dispositivo Android. Essi sono:


  1. Scaricare i driver ADB e Fastboot.
    Windows
    Mac
    Linux
  2. Installare i driver USB di Google. Installare e configurare i driver USB di Google
  3. Attivare le Opzioni sviluppatore. Aprire le impostazioni. Toccare Informazioni sul telefono. Toccare continuamente il numero di build fino a visualizzare un messaggio simile a “Ora sei uno sviluppatore”. Nota: in alcuni dispositivi come Huawei, MIUI o Samsung, l’opzione Numero build potrebbe non essere presente nel punto sopra indicato. Basta fare una ricerca nelle impostazioni per trovarla.
  4. Abilitare l’opzione di sblocco OEM. Andare su Impostazioni. Toccare Opzioni sviluppatore. Toccare l’opzione Sblocco OEM e attivarla.

Una volta soddisfatti i requisiti di cui sopra, seguite la seguente guida per sbloccare il bootloader sul vostro dispositivo. Nota: questa è una guida generica che funziona su dispositivi con Android stock o quasi. Per altri dispositivi, controllare la procedura di conseguenza.

  1. Collegare il dispositivo al PC tramite cavo USB.
  2. Andare alla cartella in cui sono installati ADB e Fastboot sul PC. Aprire un prompt dei comandi all’interno della cartella. Per farlo: Tenere premuto Shift + Fare clic con il pulsante destro del mouse > Selezionare “Apri finestra di comando qui” o “Apri finestra PowerShell qui”.
  3. Sul computer, eseguire il seguente comando nel prompt dei comandi: adb devices
  4. Se è la prima volta che si collega il dispositivo al PC con il Debug USB attivato, verrà richiesto “Consenti Debug USB?”. Toccare “Consenti sempre da questo computer” e toccare OK.
  5. Ora eseguite il comando seguente per riavviare il dispositivo in modalità bootloader: adb reboot bootloader
  6. Una volta che il dispositivo è in modalità bootloader, eseguire il seguente comando nel prompt dei comandi: fastboot oem unlock. È possibile che sul dispositivo venga visualizzata una schermata di conferma. In tal caso, utilizzare i tasti del volume per selezionare Sì e premere il tasto di accensione per confermare la selezione.

Una volta completato il processo di sblocco del bootloader, il dispositivo si riavvierà in modalità bootloader. Eseguire il seguente comando per riavviare il dispositivo: fastboot reboot. Ora il dispositivo si riavvia nel sistema operativo Android.

2. Installare la recovery TWRP Recovery Android

  1. Andate sul portale ufficiale dei dispositivi TWRP e scaricate il file immagine della TWRP Recovery per il vostro dispositivo: Portale ufficiale dei dispositivi TWRP.
  2. Scaricate il file .img della TWRP Recovery per il vostro dispositivo dal link qui sopra. Rinominare il file in recovery.img.
  3. Ora inserire il file recovery.img nella cartella ADB e Fastboot (sul mio PC il percorso è C:\Abd and Fastboot, quindi l’ho incollato qui).
  4. Collegare il dispositivo al PC tramite cavo USB.
  5. Aprire una finestra del prompt dei comandi tenendo premuto il tasto Maiusc + clic destro > selezionare Apri finestra di comando.
  6. Una volta aperta la finestra di comando, digitate il seguente comando per avviare il dispositivo in Bootloader: adb reboot bootloader
  7. Una volta che il dispositivo è in modalità Bootloader, installare il file recovery.img digitando il comando seguente: fastboot flash recovery.img
  8. Ora è sufficiente riavviare il dispositivo digitando il comando: fastboot reboot

Congratulazioni, avete installato con successo la TWRP Recovery sul vostro dispositivo Android. Ora potete procedere con il passo successivo.

3. Installare Magisk su Android tramite TWRP

  1. Scaricate l’ultimo file zip di Magisk dal link nella sezione download qui.
  2. Trasferire il file Magisk Zip scaricato nella memoria interna del telefono.
  3. Se il dispositivo è collegato al PC, scollegarlo.
  4. Riavviare il dispositivo in TWRP Recovery.
  5. Una volta entrati nella TWRP Recovery: Toccate ‘Install’ e selezionate l’ultimo file zip di Magisk scaricato e ‘Swipe to confirm flash’ per installare Magisk sul vostro dispositivo Android.
  6. Una volta completato il processo di cui sopra, riavviare il dispositivo.

4. Installare e configurare Magisk Manager

  1. Scaricate l’ultimo file APK di Magisk Manager dalla sezione download qui.
  2. Copiare il file APK scaricato sul telefono.
  3. Assicuratevi che le fonti sconosciute siano abilitate sul vostro dispositivo Android.
  4. Aprire un file manager di propria scelta e navigare nella cartella in cui è stato copiato il file APK di Magisk Manager.
  5. Toccare il file e installarlo come un normale APK.
  6. Fatto.

Una volta installato, il gioco è fatto. Basta aprire l’applicazione Magisk Manager e verificare che tutto sia a posto. Questo passaggio completa l’intera configurazione di Magisk sul vostro dispositivo!

Conclusione

Magisk è un player relativamente nuovo sul mercato, ma non ha nulla da invidiare alla popolare soluzione di rooting SuperSU. Oltre a offrire un modo per effettuare il rooting Android, Magisk è dotato di una serie di funzioni che aggiungono valore all’intera esperienza. Se state pensando a quale metodo di rooting utilizzare, Magisk o SuperSU, provate Magisk e non ve ne pentirete!

Lo uso come soluzione di rooting da circa un anno e non ho avuto alcun problema. Magisk è costantemente in fase di sviluppo e gli aggiornamenti vengono distribuiti molto più velocemente. Inoltre, Magisk è veloce nell’aggiungere il supporto ai nuovi dispositivi. Con Google che sta cambiando così tanto il funzionamento interno di Android, la creazione di una soluzione di rooting perfetta diventa ogni giorno più difficile. Ma con Magisk, potete essere certi che il vostro dispositivo rimarrà sempre rootato, indipendentemente dalle nuove versioni di Android. Come abbiamo già detto, Magisk è Open Source, proprio come Android, ed è destinato a rimanere.


Lascia un commento