Come eseguire il root dei telefoni e tablet Android

Come eseguire il root dei telefoni e tablet Android

Vuoi un maggiore controllo sul tuo smartphone? Il root di Android apre un nuovo mondo di possibilità, ma può anche invalidare la garanzia, lasciarti con uno smartphone rotto o peggio. Non è per i deboli di cuore.


Produttori e operatori ti dissuaderanno dal root e non sono solo messaggi allarmanti. Nel peggiore dei casi, se non si seguono correttamente le istruzioni, si può danneggiare irreparabilmente il dispositivo, ma molte persone ritengono che ne valga la pena per i potenziali benefici. Con un telefono root, puoi rimuovere bloatware, velocizzare il tuo processore e personalizzare ogni elemento dell’aspetto del software del tuo telefono.

Questa guida su come eseguire il root dei telefoni Android ti guiderà attraverso i passaggi necessari per eseguire il root del tuo dispositivo. Mentre alcuni telefoni possono essere rootati in pochi minuti, altri ci metteranno un po’ di più. Ma una cosa è chiara: il root del telefono è uno dei modi migliori per sfruttare il vero potenziale del tuo dispositivo Android.

Che cos’è il root?

Il root di un telefono o tablet Android è simile al jailbreak di un iPhone: in pratica, ti consente di immergerti più a fondo nel sottosistema di un telefono. Dopo il rooting puoi accedere a tutto il sistema operativo, personalizzare praticamente qualsiasi cosa sul tuo dispositivo Android e puoi aggirare tutte le restrizioni che il tuo produttore o operatore potrebbe aver applicato.

Il rooting viene eseguito meglio con cautela. È necessario eseguire il backup del telefono Android prima di installare – o “flashare”, in termini di rooting – una ROM personalizzata (una versione modificata di Android).

Perché dovresti fare il root?

Uno dei maggiori incentivi per eseguire il root del tuo telefono Android è che puoi rimuovere il bloatware altrimenti impossibile da disinstallare (anche se a volte puoi disabilitarlo – consulta la nostra guida sulla disabilitazione del bloatware).

Su alcuni dispositivi, il root abiliterà le impostazioni precedentemente disabilitate, come il tethering wireless. Ulteriori vantaggi includono la possibilità di installare strumenti specializzati e ROM personalizzate, ognuna delle quali può aggiungere funzionalità extra e migliorare le prestazioni del telefono o del tablet.


Non c’è un’abbondanza eccessiva di app root, ma quelle che ci sono, sono molto utili. Alcune app ti consentiranno di eseguire automaticamente il backup di tutte le tue app e dei dati sul cloud, bloccare la pubblicità sul web e sulle app, creare tunnel sicuri su Internet, overcloccare il tuo processore o rendere il tuo dispositivo un hotspot wireless.

Perché non fai il root?

Esistono essenzialmente quattro potenziali contro per il rooting del tuo Android.

  • Annullamento della garanzia: alcuni produttori o operatori annullano la garanzia se si esegue il root del dispositivo, quindi vale la pena ricordare che è sempre possibile annullare il root. Se è necessario rispedire il dispositivo per la riparazione, è sufficiente eseguire l’installazione del software ufficiale.
  • Brick del tuo telefono: se qualcosa va storto durante il processo di rooting, corri il rischio di danneggiare il tuo dispositivo. Il modo più semplice per evitare che ciò accada è seguire attentamente le istruzioni. Assicurati che la guida che stai seguendo sia aggiornata e che la ROM personalizzata sia specifica. Se esegui bene la guida, non dovrai preoccuparti di murare il tuo smartphone.
  • Rischi per la sicurezza: il rooting introduce alcuni rischi per la sicurezza. A seconda di quali servizi o app utilizzi sul tuo dispositivo, potrebbe creare una vulnerabilità di sicurezza. E alcuni malware sfruttano lo stato rooted per rubare dati, installare malware aggiuntivo o indirizzare altri dispositivi con traffico Web dannoso.
  • App disabilitate: alcune app e servizi attenti alla sicurezza non funzionano su dispositivi con root: piattaforme finanziarie come Google Pay o Unicredit Banking non lo supportano. Per questo vedere Magik.

Come preparare il dispositivo Android per il root

Uno dei modi più semplici per eseguire il root di un dispositivo Android è utilizzare un’app e diverse app di rooting hanno attirato l’attenzione nel corso degli anni: FramarootFirmware.mobiKingo RootBaiduRoot e One Click Root sono tra i più affidabili.

Questi servizi di solito eseguono il root del dispositivo il tempo necessario per lavarsi i denti. Ma alcuni di essi supportano solo i dispositivi che eseguono versioni precedenti di Android, quindi potrebbe essere necessario fare un po’ di shopping per trovare quello che funziona per il tuo dispositivo.

Se stai cercando di eseguire il root di un dispositivo ancora più vecchio, dovresti fare un giro sul sito più vecchio di CFRoot.

In passato il root delle versioni Android da Android 7.0 Nougat verso l’alto era più difficile, poiché veniva controllata l’integrità crittografica del dispositivo per rilevare se i file di sistema del dispositivo erano stati manomessi, inibendo le app. Per fortuna, le app per il root sono migliorate e il root di versioni più recenti di Android è molto più semplice di prima.


Se il tuo telefono non è compatibile con un’app di root con un clic, dovrai dedicare un po’ di tempo alla ricerca di alternative sui forum Android. Il punto migliore da cui iniziare è il forum degli sviluppatori XDA: cerca una discussione sul tuo telefono o tablet e probabilmente troverai un metodo.

Prepararsi per il root

Esegui il backup di tutto ciò di cui non puoi vivere senza prima di iniziare.

Prima di iniziare, dovrai anche assicurarti che il tuo dispositivo sia completamente carico.

Dovrai attivare il debug USB e lo sblocco OEM. Fallo aprendo Impostazioni sul tuo dispositivo. Se non vedi Opzioni sviluppatore nella parte inferiore della schermata Impostazioni, segui questi passaggi per attivarlo.

  1. Tocca Informazioni sul telefono e trova il numero di build. Il percorso esatto dipende dal tuo telefono, ma di solito si trova in informazioni sul software.
  2. Tocca il numero di build sette volte e le Opzioni sviluppatore verranno visualizzate nella pagina principale delle Impostazioni. Potrebbe essere necessario confermare il passcode di sicurezza per abilitarlo.
  3. Tocca il tasto Indietro per visualizzare le nuove opzioni per gli sviluppatori.
  4. Tocca Opzioni sviluppatore.
  5. Selezionare per abilitare il debug USB.
  6. Selezionare per abilitare lo sblocco OEM.

Installazione degli strumenti della piattaforma SDK Android

In passato il root comportava il download dell’intero kit di sviluppo Android di Google. Per fortuna, non è più così, e tutto ciò che serve è gli strumenti della piattaforma SDK Android.

Scarica e installa gli strumenti della piattaforma SDK Android dal sito per sviluppatori di Google. Ci sono scelte per Windows, Mac e Linux. Queste istruzioni sono per computer Windows. Estrai i file compressi. Quando ti viene chiesto in quale directory installare il software, ti consigliamo di impostarlo su C: android-sdk. Se scegli una posizione diversa, ricordati di ricordarla.


Installazione dei driver di dispositivo

Per garantire che il tuo computer sia in grado di comunicare correttamente con il tuo smartphone o tablet, dovrai installare i driver USB appropriati.

I dispositivi di alcuni produttori vengono forniti con i driver inclusi nel software del telefono, quindi tutto ciò che devi fare per installare il driver USB appropriato è collegare il telefono al PC tramite cavo USB. OnePlus ne è un esempio, ma vale la pena collegare prima il telefono per vedere se i driver USB verranno installati automaticamente.

Altrimenti, ecco un elenco di driver dei produttori più popolari:

Segui le istruzioni dell’installer. Una volta installati i driver, procedere al passaggio successivo.

Sbloccare il bootloader del tuo telefono Android

Prima di iniziare, devi sbloccare il bootloader del tuo dispositivo. Il bootloader, in poche parole, è il programma che carica il sistema operativo del dispositivo. Determina quali applicazioni vengono eseguite durante il processo di avvio del telefono o del tablet.

Alcuni produttori richiedono una chiave per sbloccare il bootloader. MotorolaHTCLG e Sony forniscono istruzioni dettagliate su come eseguire questa operazione, ma un avvertimento: richiedono la registrazione come sviluppatore.

Sfortunatamente per gli utenti dei dispositivi Huawei e Honor, i bootloader di questi telefoni non possono più essere sbloccati. Huawei ha annullato la possibilità di richiedere codici di sblocco a luglio 2018. Se desideri ancora eseguire il root del tuo dispositivo Huawei o Honor, dovrai utilizzare un servizio di terze parti come DC-Unlocker.

Dopo aver eseguito tali passaggi, è possibile iniziare il processo di sblocco. Dovrai mettere il tuo dispositivo in modalità fastboot. E’ diverso per ogni telefono, ma sulla maggior parte dei dispositivi, riavviare il dispositivo tenendo premuto il pulsante Power e Volume giù per 10 secondi.

Dopo aver avviato Fastboot, vai alla cartella in cui hai decompresso in precedenza i tuoi file SDK Android. Quindi apri il prompt dei comandi del tuo computer tenendo premuto MAIUSC + clic destro e selezionando “Apri un prompt dei comandi qui”. Se il dispositivo richiede un codice, otterrai una lunga serie di caratteri. Incollalo nella casella sul sito Web del produttore del dispositivo, invia il modulo e attendi un’email con una chiave, un file e ulteriori istruzioni.

Per sbloccare il bootloader del dispositivo, collegalo al computer e mettilo nuovamente in modalità fastboot. Apri il prompt dei comandi digitando cmd nel menu Start.

Per i dispositivi Google Nexus e Pixel, i comandi sono semplici:

  • Telefoni Nexus: digita “fastboot oem unlock” (senza virgolette) e premi invio
  • Telefoni pixel: digita “fastboot flashing unlock” (senza virgolette) e premi invio

Il comando di Motorola è leggermente diverso:

  • Digitare “oem unlock UNIQUE_KEY” (senza virgolette), sostituendo “UNIQUE KEY” con il codice ricevuto

Su HTC:

  • Digitare “unlocktoken Unlock_code.bin” (senza virgolette), sostituendo “Unlock_code.bin” con il file ricevuto.

Conferma lo sblocco e ti avvicini di un passo al root del tuo dispositivo Android.

Alcuni produttori e operatori permettono lo sblocco del bootloader, ma ciò non significa che non possa essere eseguito. Prova a cercare nel forum degli sviluppatori XDA soluzioni alternative e soluzioni non ufficiali.

Come eseguire il root del dispositivo Android con più programmi

Esistono molti modi diversi per eseguire il root del telefono o del tablet. Ecco alcuni dei nostri preferiti.

Rooting con Framaroot

Framaroot è un servizio di root con un clic e mira a rendere il processo di root facile per tutti con un semplice pulsante “root” con un clic. Tuttavia, potresti dover saltare un paio di cerchi per iniziare.

  1. Scarica l’APK.
  2. Installalo: potrebbe essere necessario toccare il pulsante Origini sconosciute nelle impostazioni di sicurezza di Android per completare l’installazione.
  3. Apri l’app e tocca Root.
  4. Se l’app trova che è in grado di eseguire il root del tuo dispositivo, lo farà. In caso contrario, dovrai provare un altro metodo.
  5. Se è possibile eseguire il root del dispositivo, è possibile procedere e eseguire il root del dispositivo.
  6. Sarà quindi necessario scaricare ed eseguire SuperSU per gestire l’accesso root.

E’ tutto – sei a posto!

Root del tuo dispositivo Android con Firmware.mobi

Firmware.mobi, un’utilità di sblocco dello sviluppatore Chainfire, non è il modo più semplice per eseguire il root del tuo smartphone Android, ma è uno dei più stabili. Funziona su oltre 300 dispositivi e fornisce istruzioni dettagliate che rendono il processo di root il più semplice possibile.

Dovrai scaricare il file ZIP appropriato per il tuo dispositivo.

Una volta che lo hai fatto, segui questi passaggi:

  1. Estrai la cartella.
  2. Passa a esso e trovare il file root-windows.bat. Fare doppio clic su di esso.
  3. Attendere l’esecuzione dello script e premere un tasto qualsiasi.
  4. Al termine del processo, il telefono si riavvierà automaticamente e verrà eseguito il root.

Root del tuo dispositivo Android con BaiduRoot

BaiduRoot, un’utilità software di Baidu Inc. con sede a Pechino, supporta oltre 6.000 dispositivi Android, ma poiché questi includono solo dispositivi che eseguono Android 2.2 fino ad Android 4.4, avranno un uso limitato. Tuttavia, se hai un telefono davvero vecchio in giro, questo è un ottimo strumento per il root. È codificato in cinese, ma un abile traduttore ha rilasciato una versione inglese.

BaiduRoot è una delle applicazioni di rooting più semplici. Una volta scaricato sul tuo computer, basta seguire le istruzioni sullo schermo passo-passo.

Innanzitutto, dovrai decomprimere il file. Trova Baidu_Root.RAR ed estrai il suo contenuto (se stai usando Windows, potresti aver bisogno di un’applicazione di terze parti come 7-Zip ).

Quindi, collega il dispositivo che si desidera eseguire il root sul computer tramite USB e trasferire i file. Una volta fatto, scollegare il telefono.

Dovrai installare l’applicazione BaiduRoot manualmente. Segui questi passi:

  1. Sul tuo smartphone o tablet, vai su Impostazioni> Sicurezza (o Blocca schermo e sicurezza).
  2. Attiva / disattiva fonti sconosciute e premi OK sul popup.
  3. Trova la cartella contenente l’app BaiduRoot e tocca il file APK. Segui le istruzioni per completare l’installazione.

Ora passa a BaiduRoot.

  1. Apri BaiduRoot e accetta il contratto di licenza.
  2. Tocca il pulsante Root al centro dello schermo.
  3. Dopo alcuni secondi, riceverai un messaggio che indica che il dispositivo è stato rootato correttamente.

Ecco un video che mostra il processo di installazione.

Rooting con One Click Root

One Click Root è un nuovo strumento di rooting che mira a eliminare parte della natura complicata dal rooting. L’idea di One Click Root è proprio lì nel nome; un clic e il gioco è fatto. Costa 40€  eseguire il root del telefono, ma promette di non murare il telefono, tranne in caso di negligenza dell’utente.

La procedura di root con un clic è semplice.

  1. Verifica che il tuo dispositivo sia supportato
  2. Scarica il programma One Click Root per Windows / Mac.
  3. Collega il tuo dispositivo tramite cavo USB.
  4. Abilita il debug USB sul tuo dispositivo.
  5. Esegui il root con un clic e lascia che il software gestisca il tutto.

Come usare Kingo Android Root

Kingo Root può essere installato su un computer basato su Windows o direttamente sul dispositivo che si desidera eseguire il root. Innanzitutto, controlla per vedere se il tuo dispositivo è compatibile con Kingo controllando l’elenco ufficiale. Quindi, scarica il programma Kingo Android Root per Windows e installalo. In alternativa, scarica l’APK di root Kingo Android sul tuo dispositivo, seleziona la casella Origini sconosciute e installalo.

Se hai scelto di utilizzare il client Windows, assicurati di abilitare la modalità di debug USB sul tuo telefono.

Da lì, l’utilizzo è piuttosto semplice:

  1. Avvia Kingo Root sul tuo computer e collega il tuo dispositivo tramite USB.
  2. Kingo Root dovrebbe rilevare automaticamente il dispositivo e richiedere di effettuare il root. Fai clic su Root, quindi attendi: Kingo impiegherà solo pochi minuti per concedere i privilegi di root.

Se preferisci eseguire il root senza un computer, segui queste istruzioni:

  1. Installa l’APK Kingo Root.
  2. Apri l’app Kingo Root.
  3. Se il tuo dispositivo è compatibile, vedrai un pulsante di root con un clic. Toccalo ed abbi pazienza: può volerci un po’ di tempo.
  4. Se il root ha esito positivo, verrà visualizzato un segno di spunta di grandi dimensioni.

Risorse che ti serviranno dopo aver effettuato il root e come sradicare

Probabilmente nessun altro sistema operativo mobile è parallelo alla diversità del sistema operativo Android. Per questo motivo, non esiste un modo universale per eseguire il root del dispositivo. Se le opzioni precedenti non funzionano, non preoccuparti. Esiste probabilmente una guida su come eseguire il root del tuo dispositivo specifico disponibile da qualche parte online: alcune risorse affidabili includono il forum degli sviluppatori XDA e il forum Phandroid.

Una volta trovata la guida giusta per il tuo telefono o tablet, è semplicemente una questione di lavorare metodicamente attraverso i passaggi elencati. Potrebbe essere complicato e richiedere del tempo. Ma a condizione di seguire la guida passo dopo passo, dovrebbe essere un processo relativamente indolore.

Scarica Root Checker

Dovrai scaricare un’app per assicurarti che il tuo dispositivo sia stato rootato correttamente. Esistono diverse app disponibili su Google Play Store che, una volta scaricate, ti diranno se hai l’autorizzazione di un superutente – un segno rivelatore che ci sei riuscito. Root Checker è molto popolare: semplicemente installando l’app ed eseguendola ti dirà se il tuo telefono ha autorizzazioni come superutente.

Installa un’app per la gestione del root

Il rooting renderà il tuo telefono più vulnerabile alle minacce alla sicurezza. L’installazione di un’app per la gestione del root ti garantirà maggiore tranquillità. Normalmente, ogni app che richiede privilegi di root richiederà la tua approvazione.

È qui che entrano in gioco le app per la gestione del root, come SuperSU. SuperSU ti consente di autorizzare o rifiutare le richieste dei siti per l’autorizzazione dei super utenti.

Quindi terrà traccia delle app consentite e concederà automaticamente l’autorizzazione al successivo utilizzo dell’app. SuperSU terrà inoltre traccia di quante volte un’app chiede i permessi

Come sradicare il tuo dispositivo Android

Per tutti i vantaggi che puoi ottenere dal root, potresti voler tornare al principio. Qualunque sia il metodo che si tenta, assicurarsi sempre di eseguire il backup dei dati prima di apportare modifiche di grandi dimensioni al telefono.

Elimina il root con SuperSU

SuperSU ti consente di rootare i telefoni con un clic. Apri l’app SuperSU, vai alle Impostazioni e scorri verso il basso fino a visualizzare il pulsante Unroot. Toccalo, premi continua e inizierà il processo di eliminazione del root.

Unroot con Universal Unroot

Un altro metodo è Universal Unroot. Rimuove i privilegi di root sulla maggior parte dei dispositivi Android, ma non è perfetto. Un tempo costava un dollaro, ma ora è gratuita poiché gli sviluppatori non la stanno più aggiornando. Ma se hai un dispositivo più vecchio che è supportato, è un buon modo per esserne sicuri.

Lascia un commento