Monopattino elettrico: cosa c’è da sapere

Monopattino elettrico: cosa c'è da sapere

Monopattino elettrico: cosa c’è da sapere

Per gli spostamenti piccoli e veloci in città, il monopattino elettrico sta diventando la migliore soluzione rispetto ai più tradizionali mezzi di trasporto. È un dispositivo molto comodo, leggero, pratico, e facile da usare. È anche abbastanza divertente, soprattutto se lo si utilizza nel tempo libero o per andare al parco.


Per questi motivi i monopattini elettrici in Italia giorno dopo giorno aumentano, rendendo indispensabile anche una regolamentazione “ufficiale” del mezzo su strada. Se sei orientato anche tu a questo acquisto, ecco cosa c’è da sapere.

Aspetti da valutare

Il monopattino elettrico perfetto non esiste. In commercio c’è una moltitudine di modelli tra cui scegliere, ognuno coi propri pro e i propri contro. Ci sono però, ai fini dell’acquisto, alcuni fattori da valutare, affinché possa tu portare a casa il miglior monopattino elettrico, o meglio quello più adatto alle tue esigenze.

Innanzitutto devi tener conto del peso del mezzo e della sua praticità di utilizzo. Devi optare per un modello che abbia il cavalletto laterale e che si pieghi quando non ti serve (così da ottimizzare lo spazio).

Un monopattino elettrico con seduta è un plus ulteriore che può avvantaggiare i tuoi spostamenti, così come vantaggioso è considerare un tempo di ricarica minimo e un’autonomia elevata della batteria.

Per una questione di sicurezza valuta la presenza di ammortizzatori anteriori e posteriori che agevolano il viaggio. Tieni conto anche della tipologia di ruote installate, nonché della presenza di luci a led per vedere e farsi vedere anche se ci si sposta nelle ore serali.

Il telaio step-through

Tra le caratteristiche che non dovresti mai trascurare ai fini della scelta c’è la presenza di un telaio step-through. Quest’ultimo permette di salire sulla pedana di spostamento con entrambi i piedi.


Per quanto non sia un requisito indispensabile, fa la differenza in termini di spostamento, dal momento che permette in modo più comodo e agevole di andare da un punto all’altro della città senza troppi disagi e scomodità fisici.

Se ad esempio vuoi un monopattino elettrico per andare a lavoro, dovrai considerare molto la praticità. Tant’è che ti consigliamo un modello più avanzato, con motore potente e pneumatici ramponi, con telaio step-through o anche con la sella.

Considerazioni specifiche sulla velocità e sulla batteria

Per il discorso sulla velocità, andiamo a vedere più nel dettaglio cosa valutare in termini di autonomia e resistenza. Un elemento che influisce sulla velocità è il peso del conducente: più è pesante il carico più si avrà un calo di prestazioni. In genere comunque in un monopattino elettrico di media qualità, la velocità si aggira intorno ai 25-30 km orari.

Per la batteria invece, quasi tutti i modelli montano la ricaricabile agli ioni di litio, che possono avere una vita di 2 anni o anche più, se tenute correttamente. Tieni conto della capacità, della durata e del tempo di ricarica.

Freni, sospensioni e ruote

I modelli più diffusi di monopattino elettrico hanno le ruote gommate, ideali per circolare su strade lisce, tipo quelle delle piste ciclabili, o anche su marciapiedi. Lo pneumatico cambia a seconda del tipo di camera d’aria e le sue dimensioni influiscono sulle capacità di guida nonché sulla maneggevolezza del mezzo.

Con pneumatici più grandi e resistenti viene garantita una maggiore velocità, ti elevano maggiormente dal suolo ma diminuiscono la capacità di percorrere le salite. Ovviamente ruote più grandi sono ideali anche per attraversare strade con buche, dossi o terreni dissestati.


Occhio anche alle sospensioni che consentono uno spostamento più fluido e senza “strattoni”. I modelli con queste caratteristiche sono in genere quelli più costosi.

Per i freni invece, vanno tenuti d’occhio per una questione di sicurezza. Tra i più utilizzati troviamo drum, hub o a disco. In alcuni modelli sono presenti sia il freno posteriore che il freno anteriore, in altri hanno solo posteriore o anche solo anteriore.

Per scegliere quelli migliori il consiglio è di cercare online, prima dell’acquisto, se ci sono i video dei test di frenata del modello che hai scelto.

Il clima

È bene evidenziare che a seconda della zona in cui vivi e del clima che fa dalle tue parti, può cambiare il modello di monopattino elettrico per cui optare.

Se ti trovi in una città calda e soleggiata puoi scegliere un qualunque modello, mentre se dalle tue parti fa molto freddo devi propendere per un dispositivo più resistente. Questo perché se finisce troppa acqua sul dispositivo e intacca il motore potrai dire addio al tuo monopattino.

Il prezzo

Un buon monopattino elettrico non costa di certo poco. Sicuramente i modelli base possono costare anche 200 euro, ma se vuoi un buon monopattino di qualità media spenderai tra i 300 e i 400 euro. Per modelli più avanzati e tecnologici, il costo può sforare anche gli 800 euro.


Di certo, come detto sopra, non sono dispositivi perfetti, e come ogni cosa hanno dei pro e contro. I vantaggi e svantaggi dei monopattini elettrici si equilibrano, di certo più il mezzo è di qualità e più diminuiscono i contro. Una buona soluzione potrebbe essere quella di acquistare il monopattino utilizzando i bonus governativi o magari aspettare le svendite che avvengono durante la stagione dei saldi o il black friday.

Possiamo concludere dicendo che un monopattino elettrico rappresenta un investimento destinato a durare nel tempo.

Più lo paghi e più dura negli anni. Inoltre, grazie al tuo nuovo mezzo sarai meno proteso all’uso dell’auto, abbattendo tutta una serie di costi (benzina, parcheggi…) e incidendo positivamente anche sull’impatto ambientale.

Lascia un commento