Come pilotare un drone – Guida per i principianti

Come pilotare un drone

Come pilotare un drone – Guida per i principianti

I droni sono ovunque in questi giorni, quindi potresti essere tentato di provare a farne volare uno. Ma come si fa a pilotare esattamente un drone? Se ti stai chiedendo come pilotare una di queste fantastiche macchine volanti, inizieremo dal livello più elementare e spiegheremo come pilotare un drone in modo che chiunque possa provarlo.


Cosa conta come un drone?

Quando le persone si riferiscono a “droni” cosa intendono? In realtà c’è un po’ di confusione su questo. In senso stretto, qualsiasi imbarcazione senza pilota è un “drone”. Alcuni sono controllati a distanza, altri sono autonomi o sono una combinazione di entrambi. Ciò significa che i giocattoli radiocomandati sono tecnicamente droni.

Tuttavia, nel senso che la maggior parte delle persone usa la parola, si riferisce ad aeromobili multirotore come quadricotteri, esacotteri e ottocotteri. È così che useremo la parola qui.

Come volano i droni

I droni multirotore volano usando la spinta di ciascun rotore per sollevarsi. I rotori lavorano in coppia, contrastando la coppia l’uno dell’altro. Ciò significa che se tutti i rotori girano alla stessa velocità, il drone dovrebbe rimanere sospeso in posizione.

Variando le velocità relative di ciascun rotore, il drone può beccheggiare, rollare e imbardare. Il controller tramuta quei comandi in regolazioni della potenza del motore per ottenere il movimento giusto.

Giroscopi, blocco altitudine, GPS e sensori di collisione

Oltre a capire come regolare la potenza del motore per ottenere rollio, beccheggio e imbardata, ci sono altri modi in cui i droni rendono il volo più facile per te.

Tutti i moderni hanno un giroscopio elettronico a bordo. Questo dispositivo consente al drone di rimanere automaticamente a livello. Senza un giroscopio potresti mantenere manualmente il livello del drone in ogni momento!


Molti droni hanno anche un altimetro, che dice al drone qual è la sua altitudine. Ciò rende possibile una funzione nota come “blocco dell’altitudine”. Con un blocco dell’altitudine, il drone continuerà a librarsi all’altezza in cui lo hai lasciato.

Infine, i droni più costosi hanno spesso un’unità GPS integrata. Questo indica al drone la sua posizione percepita sulla Terra, lasciandolo sospeso sul posto senza andare alla deriva avanti e indietro.

La combinazione di tutte e tre queste funzionalità consente a un drone di mantenere automaticamente la sua posizione nello spazio 3D. Questo rende facile volare anche per i principianti. Tuttavia, è probabile che i droni da corsa e i droni giocattolo di fascia bassa abbiano solo di un giroscopio. Questo li rende molto più difficili da pilotare, ma anche più gratificanti se stai cercando una sfida.

È probabile che anche i droni di fascia alta abbiano sensori di collisione a ultrasuoni. Questi sensori possono rilevare oggetti come i muri e fermare il drone prima che si schianti. Non tutte le direzioni di volo saranno coperte nella maggior parte dei casi. Quindi prendi nota di dove possono vedere i sensori. Non sono infallibili, quindi è meglio non fare affidamento su di loro.

Tu e le leggi sui droni

Prima ancora di acquistare un drone, dovresti rivedere le normative sui droni per il tuo paese e nazione. Ci sono regole su dove puoi volare, se il tuo drone deve essere registrato e se devi ottenere una licenza di pilota di terra. Non possiamo fornire informazioni universali qui, perché ogni paese o governo ha regole diverse.

Imparare i controlli di base

Alcuni droni vengono pilotati utilizzando i controlli dello smartphone sullo schermo, ma la stragrande maggioranza viene controllata utilizzando un controller fisico dedicato. Se hai mai utilizzato un controller per videogiochi, il layout di base dovrebbe esserti familiare quando impari per la prima volta a pilotare un drone.


Ci sono due stick di controllo su entrambi i lati del controller. Uno per il pollice sinistro e uno per il destro. Potrebbero esserci pulsanti aggiuntivi sul controller, ma differiscono da un modello all’altro, quindi consulta il manuale del tuo drone per sapere cosa fanno.

Sono disponibili due layout standard per i controlli delle levette, noti rispettivamente come Modalità 2 e Modalità 1.

La modalità 2 è di gran lunga la più popolare. La maggior parte dei droni e delle imbarcazioni radiocomandate verrà spedita con un controller in modalità 2 o con il controller impostato in modalità 2 se supporta entrambe le modalità.

Questo è un layout in modalità 2:

La levetta sinistra controlla l’acceleratore e l’imbardata. Spingendo la levetta in alto o in basso, il drone verrà accelerato su o giù. In altre parole, guadagnerai o perderai quota. Lo stick non torna al centro, ma rimarrà nella sua posizione di accelerazione, anche se si toglie il dito dal controllo.

Spingendo la levetta a sinistra o a destra, il drone ruoterà a sinistra o a destra. Significa che il “naso” del drone punterà in una direzione diversa.


Spostandoti sulla levetta destra, spingendo la levetta in alto o in basso, il drone si alzerà o abbasserà. Ciò significa che il drone si muoverà nella direzione del naso (bastone in avanti) o della coda (bastone all’indietro). Più spingi o tiri il controllo del beccheggio, più velocemente il drone volerà in avanti o indietro.

Spingendo a sinistra o a destra sulla levetta destra, il drone rotolerà in ciascuna direzione. In altre parole, si muoverà lateralmente.

Questo è un layout in modalità 1:

Abbiamo ancora accelerazione, imbardata, rollio e beccheggio. Tuttavia, ora si sono trasferiti. Quello che è successo è che acceleratore e beccheggio hanno posizione invertita, ma rollio e imbardata sono ancora nella stessa posizione della modalità 2.

Ricorda che puoi combinare questi ingressi di controllo in vari modi per produrre manovre diverse. Ad esempio, se spingi la levetta destra negli angoli di un controller Modalità 2, il tuo drone volerà diagonalmente. Se combini gli input di imbardata e rollio, puoi eseguire virate in virata.

Prima di volare

Prima di imparare a pilotare un drone, dovrai fare un po’ di preparazione. Consulta il manuale del tuo drone per istruzioni sui controlli preliminari e su come prepararlo al volo. Ciò di solito comporta l’inserimento delle batterie, la sincronizzazione del drone e del controller e la verifica che non ci siano danni visibili o altri problemi che puoi individuare a occhio.

Iniziare

Prima di volare, vale la pena considerare un simulatore di drone per esercitarsi con i controlli. Ci sono alcune app, con controlli sullo schermo simulati. Puoi anche spendere qualche soldo e acquistare un simulatore di computer che in realtà viene fornito con un controller fittizio. In ogni caso, esercitarsi in volo e abituarsi ai comandi in un simulatore è il modo più sicuro per imparare.

In alternativa, ti consigliamo di acquistare un drone nano economico per esercitarti nel volo manuale. I controlli sono esattamente gli stessi.

Il trucco per imparare a pilotare un drone come principiante è iniziare lentamente e lavorare per padroneggiare una cosa prima di passare a quella successiva. Questa è la nostra sequenza pratica suggerita:

  • Decolla e poi atterra finché non ti senti sicuro.
  • Quindi, esercitati semplicemente a liberarti in un punto.
  • Quindi, impara a imbardare. Fai girare il drone in posizione mantenendo il tuo hover.
  • Esercitati in beccheggio e rollio.
  • Quando ti senti sicuro di tutte queste manovre, prova a combinare ciò che hai imparato volando in circoli in senso orario e antiorario.
  • Infine, esercitati a volare seguendo uno schema a otto.

Non andare di fretta! Pratica, pratica, pratica! Alla fine la tua coordinazione e la memoria muscolare diventeranno abbastanza buone da poter volare senza pensarci. Divertiti!

Lascia un commento