Windows 7 è morto: come migrare gratuitamente a Windows 10?

By | Maggio 9, 2020
come migrare gratuitamente a Windows 10?

Le campane a morte sono suonate per Windows 7. Il 14 gennaio 2020, Microsoft ha interrotto il supporto per il suo sistema operativo. Ecco come passare a Windows 10 gratuitamente o a buon mercato e sbarazzarsi dei problemi di incompatibilità hardware.

Windows 7 si è spento. Microsoft non ha esteso la sua agonia. Il vecchio sistema ha il 32,7% degli utenti, contro il 47,6% di Windows 10 (fonte: Netsharemarket ). È ancora molto forte, ma la fine effettiva degli aggiornamenti di questo sistema dovrebbe inevitabilmente spingere gli utenti a passare a Windows 10, su cui Microsoft lavora dal 2015.

Leggi qui: Windows 7: Google promette di aggiornare Chrome fino al 15 luglio 2021

Dal 14 gennaio 2020, pertanto, non esiste più alcun “supporto esteso” per Windows 7. Dietro questi termini sono infatti nascosti gli aggiornamenti apportati dall’editor al sistema operativo, aggiornamenti che riguardano Vulnerabilità e patch di sicurezza di Windows 7. Chiaramente, senza questo ampio supporto, il sistema si trova impotente di fronte agli attacchi di virus, malware, ecc.

Microsoft specifica sul suo sito, che le aziende possono beneficiare di un’estensione di questo supporto e quindi hanno la possibilità di utilizzare Windows 7 oltre il 14 gennaio 2020. Ma devono mettere le mani in tasca, perché per Windows 7, lo sviluppo di patch di sicurezza richiede a Microsoft di creare team di sviluppo appositamente dedicati.

Windows 7 è morto: come migrare gratuitamente a Windows 10?

1. È necessario un backup prima di eseguire l’aggiornamento a Windows 10

Prima di tutto, è indispensabile salvare tutti i tuoi dati a cui tieni, nel caso in cui le cose non vadano come previsto.

Dove salvare i tuoi preziosi dati personali?

Inutile dire che è inutile salvare i file sullo stesso disco rigido e sulla stessa partizione in cui sono già memorizzati i propri dati. Chiaramente, non salvare in particolare su C ed evita il più possibile di farlo su un’altra partizione del disco rigido principale:

  • Se si dispone di più di un disco rigido interno, scegliere un’unità secondaria.
  • Altrimenti, compra un disco rigido esterno e collegalo al computer tramite USB.
  • È anche possibile salvare i file su DVD o Blu-Ray, anche se per questo procedimento si perde più tempo.
  • Un’altra possibilità: backup su cloud. Sarai quindi in grado di accedere a tutti i tuoi dati da qualsiasi parte della casa o anche dall’esterno.

2. Quale metodo dovrei usare per proteggere i miei dati?

Per salvare i tuoi dati hai due metodi:

  • Se vuoi salvare solo i tuoi documenti, video, foto e musica, è sufficiente un semplice copia e incolla da Esplora risorse su un altro supporto. Seleziona tutte le cartelle, sottocartelle e file di cui vuoi eseguire il backup, salvali su un’altra unità o sul Cloud e il gioco è fatto. Tieni presente che, in questo caso, non stai eseguendo il backup della configurazione di Windows 7.
  • Un’altra opzione: eseguire il backup dell’intero sistema, nonché dei dati personali. Per questo, è necessario utilizzare un software di backup completo. Certamente, durante la migrazione a Windows 10, lo strumento Microsoft esegue “al volo” un backup di Windows 7. È quindi teoricamente possibile tornare allo stato iniziale in caso di preoccupazione o insoddisfazione del nuovo sistema operativo. Ma il backup o anche il ripristino possono andare storti. Rischi di perdere tutti o parte dei tuoi dati o persino di ripristinare un sistema inutilizzabile. È quindi più vantaggioso salvare l’intera configurazione, compresi i documenti personali. Nel caso di problemi seri, puoi trovare tutti i tuoi dati in pochi minuti e riprovare una migrazione a Windows 10. Se ci sono dozzine di software di backup completo, consigliamo di testare Macrium Reflect, che consente di eseguire il backup del sistema e dei dati personali e di ripristinarli in caso di difficoltà. Il programma ti consente anche di creare un disco di avvio o una chiave USB, su cui è possibile avviare e che ti consentirà di ripristinare un backup.

3. Come passare da Windows 7 a Windows 10 senza problemi?

Il modo più semplice per migrare da Windows 7 a Windows 10 è utilizzare la piccola utility fornita da Microsoft. A proposito, un anno fa Microsoft ha dovuto interrompere la migrazione gratuita dalla vecchia versione del sistema operativo a quella nuova. Eppure è ancora possibile farlo. Sbrigati prima che sia troppo tardi, perché Microsoft può in qualsiasi momento rendersi conto del suo errore e porre fine a questo servizio gratuito … A meno che non sia volontario, chi lo sa?

Scarica lo strumento per l’aggiornamento a Windows 10 gratuito

Scarica la piccola utility di aggiornamento di Windows 10 disponibile a questo indirizzo:

Scarica lo strumento di aggiornamento di Windows 10

Avvia il piccolo programma in questione. Nella prima finestra che appare, che corrisponde al contratto di licenza, fai clic su Accetta. Il software verifica quindi che la tua configurazione possa supportare l’aggiornamento, quindi la preparazione inizierà automaticamente. È possibile interrompere questa operazione in qualsiasi momento facendo clic sulla funzione Annulla aggiornamento, situata nella parte inferiore sinistra della finestra. Puoi anche continuare a lavorare come se nulla fosse successo facendo clic sul pulsante Riduci a icona. Il processo non si interromperà e potrai occuparti della tua attività con Windows 7, mentre il software scarica e prepara l’installazione di Windows 10. L’operazione dura circa venti minuti. La prima fase termina e la seconda può iniziare.

L’installazione dell’aggiornamento di Windows 10 è generalmente la più lunga. Richiede almeno tra 30 e 40 minuti e saranno necessari almeno due riavvii del PC. La buona notizia è che non dobbiamo fare niente durante questo processo, oltre a rispondere ad alcune domande. Non spegnere il computer, lascia che Windows procedi, si occupa di quasi tutto.

Cosa succede se l’utilità di aggiornamento non funziona?

Se il piccolo strumento di migrazione gratuito non funziona più, dovrai acquisire una licenza ufficiale di Windows 10, non ti resta che andare al negozio online Microsoft.

4. Come installare correttamente Windows 10 e le sue applicazioni?

Durante l’installazione di Windows 10 e indipendentemente dal metodo utilizzato, il sistema offre di configurare alcune cose. Una delle prime schermate che appare ti offre di attivare o meno i parametri per la protezione dei dati. Se non desideri che il sistema apprenda nulla delle tue abitudini, disattiva tutte le opzioni offerte. Ti preghiamo di notare che disabilitare la funzione “Annunci pertinenti” non ti impedirà di ricevere di volta in volta annunci. Saranno ancora lì, ma quelli che appariranno saranno meno mirati, tutto qui.

Cortana, ne abbiamo proprio bisogno?

Windows 10 ti chiede se attivare Cortana o meno. Per la cronaca, questo è l’assistente a cui è possibile porre tutti i tipi di domande, oralmente o digitandoli nella barra di ricerca. Una specie di Google Assistant o Alexa in un linguaggio semplice, ma per PC. Se vuoi usarlo, fai clic sul pulsante “Usa Cortana”. Puoi farne a meno e disattivare l’assistente nel momento stesso dell’installazione di Windows 10. Per fare ciò, fare clic su “Non ora”.

Durante l’installazione del sistema operativo, Windows ti chiederà anche quali applicazioni devono essere associate ai file multimediali memorizzati (foto, musica, film, ecc.). Selezionando la funzione “Fammi scegliere le applicazioni predefinite”, puoi impedire ad Microsoft Edge, ad esempio, di essere il browser che si apre sempre. È possibile modificare questa impostazione anche dopo l’installazione del sistema.

Il passaggio finale: aggiornamento dell’aggiornamento

La migrazione da Windows 7 a Windows 10 è completa … O quasi. A questo punto, dovresti trovare il famoso sistema operativo desktop, nonché tutte le applicazioni e i documenti che hai utilizzato in Windows 7. Ma poiché un’installazione di Windows 10 non è mai veramente finita, dovrai andare nel centro di Windows Update per scaricare e applicare le ultime patch del sistema operativo. Ciò dovrebbe anche consentire di installare i driver per l’hardware che non è stato riconosciuto durante l’installazione di Windows 10. Per accedere a Windows Update, fare clic sul pulsante Start, quindi sul piccolo ingranaggio. Quindi apri il menu Impostazioni, che sostituisce quasi completamente il Pannello di controllo.

5. Problema del driver durante la migrazione a Windows 10?

Durante la migrazione a Windows 10, non è raro avere problemi con i driver. I produttori dopo alcuni anni rinunciano a supportare tutto il loro hardware e a volte ci vuole fatica per mettere le mani sui driver in grado di funzionare con l’ultima versione di Windows. Ecco come affrontare (quasi) tutti i mali.

Avviare un aggiornamento del database di Windows

Per impostazione predefinita, Windows memorizza diverse migliaia di driver nel suo programma di installazione. Quando si esegue la migrazione da Windows 7 a Windows 10, lo strumento di installazione fa quindi riferimento a questa base per trovare e installare i driver corretti. Se si verifica un problema e l’hardware non è stato installato correttamente, vai a Gestione dispositivi o Gestione computer e confermare. Nella finestra che si apre, seleziona la funzione Azione, quindi Aggiungi hardware di vecchia generazione . Fare clic su Avanti e selezionare la funzione Cerca e installa automaticamente il nuovo hardware (consigliato). Se Windows non è in grado di installare i driver, premere il pulsante Avanti. Prova a trovare i riferimenti delle tue periferiche nell’elenco che appare e convalida con il pulsante Avanti. I driver dovrebbero installarsi.

Installa i driver manualmente

Se i driver non sono installati correttamente, è probabilmente perché Windows 10 non li ha nel suo database. In alcuni casi, il sistema operativo può anche installare driver errati, rendendo l’hardware non funzionante. Sarà quindi necessario trovare i driver sul sito del produttore e installarli manualmente. Sempre da Gestione dispositivi, individua il tuo hardware e fai clic destro su di esso. Selezionare la funzione Sfoglia il mio computer per trovare il software del driver. Nel campo Cerca driver sul computer, fare clic su Sfoglia e selezionare la directory in cui si trovano i driver recuperati dal sito del produttore. I driver dovrebbero quindi installarsi senza problemi. Nota che questa operazione sarà necessaria con ogni aggiornamento di Windows 10 se il sistema ha i driver sbagliati durante l’installazione automatica.

3 thoughts on “Windows 7 è morto: come migrare gratuitamente a Windows 10?

  1. Pingback: L’app di social media cinese TikTok ha superato Facebook – Notizie sulla tecnologia

  2. Pingback: Windows 7: ecco un trucco per continuare a ricevere aggiornamenti di sicurezza – Notizie sulla tecnologia

  3. Pingback: Windows 7 è morto? Canonical ti invita a provare Ubuntu – Notizie sulla tecnologia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *