USB-C: tutto ciò che devi sapere

By | Luglio 6, 2021
USB-C

I connettori USB di tipo C, spesso chiamati USB-C, sono piccoli e di forma sottile e hanno un aspetto asimmetrico e ovale. Sono diversi dai precedenti tipi di Universal Serial Bus (USB) in molti modi oltre al semplice aspetto.

Una delle principali differenze tra il connettore del cavo USB-C rispetto a USB di tipo A e USB di tipo B è che è completamente reversibile. Ciò significa che non esiste un modo “giusto verso l’alto” in cui deve essere collegato.

Come crittografare un’unità USB su PC Windows o Mac

Come trasformare stampante USB in stampante WiFi

USB-C supporta USB 3.2 e 3.1 ma è anche retro compatibile con USB 3.0 e USB 2.0. Vedere la tabella di compatibilità fisica USB per i dettagli.

Il cavo USB-C a 24 pin è in grado di trasmettere video, alimentazione (fino a 100 watt) e dati (fino a 10 Gb/s), il che significa che può essere utilizzato non solo per il collegamento di monitor ma anche per la ricarica ad alta potenza di dispositivi e il trasferimento di dati da un dispositivo a un altro, ad esempio da un telefono a un computer o da un telefono a un altro.

Il cavo USB-C standard ha un connettore USB di tipo C su entrambe le estremità. Tuttavia, per i dispositivi che richiedono cavi USB di tipo C, sono disponibili convertitori da USB-C a USB-A che possono essere utilizzati per caricare dispositivi USB-C o trasferire dati da essi a un computer tramite la porta USB standard di tipo A.

I cavi e gli adattatori utilizzati per USB di tipo C sono generalmente bianchi, ma non è un requisito. Possono essere di qualsiasi colore: blu, nero, rosso, ecc.

Gli usi dell’USB di tipo C

Poiché l’USB di tipo C è relativamente nuovo e non così comune come l’USB di tipo A e B, è molto probabile che la maggior parte dei tuoi dispositivi richieda già un cavo USB-C.


Tuttavia, proprio come con le precedenti implementazioni di USB, USB-C sarà un giorno disponibile in tutti i dispositivi che attualmente vediamo utilizzare USB, come unità flash, laptop, desktop, tablet, telefoni, monitor, power bank e hard disk esterni.

Il MacBook di Apple è un esempio di computer che supporta USB-C per la ricarica, i trasferimenti di dati e l’uscita video. Alcune versioni di Chromebook hanno anche connessioni USB-C. USB-C viene utilizzato anche per alcune cuffie al posto del jack standard.

Poiché le porte USB-C non sono comuni come USB Type-A, alcuni dispositivi, hanno entrambi i connettori in modo che possano essere utilizzati su entrambi i tipi di porta USB.

Anatomia di USB-C

USB-C descrive il connettore stesso, il rettangolo arrotondato o la forma ovale con 24 pin all’interno. Una delle migliori caratteristiche di USB-C rispetto ai suoi predecessori è che la spina è reversibile, il che significa che non devi mai preoccuparti di collegarla capovolta.


Il layout a 24 pin è 3 volte quello disponibile anche sull’USB 3.0 di ultima generazione che supporta le spine USB-A e MicroUSB. Ci sono tre parti principali del layout, una che supporta il vecchio standard USB 2.0 e due che supportano dati ad alta velocità. L’architettura dati ad alta velocità a doppia corsia è ciò che differenzia USB-C da USB 3.0.

Cosa posso fare con USB-C?

Prima diamo un’occhiata a cosa puoi potenzialmente fare con USB-C. Come ho detto all’inizio, parte di ciò che è così convincente sull’USB-C è che può prendere il posto di tante altre porte. È stato un po’ un punto dolente per i primi utilizzatori poiché i produttori di laptop hanno iniziato a sostituire le porte legacy con USB-C, costringendo le persone a portare dongle o dock per riempire il vuoto. Tuttavia, questo sta diventando sempre meno un problema con più prodotti compatibili con USB-C.

Uno dei luoghi in cui puoi davvero sentire i vantaggi dell’USB-C è la connessione a un monitor USB-C. Puoi inviare l’immagine al monitor, farlo funzionare come hub USB e se il monitor ha una propria fonte di alimentazione alimenterà anche il tuo laptop tramite un singolo cavo Thunderbolt 3 USB-C, è una situazione di docking da sogno. Utilizzando cavi e dispositivi compatibili, puoi aspettarti fino a 4K a 60 fotogrammi al secondo su due monitor o 5K a 60 fps su un singolo monitor.

Con il venerabile jack per cuffie da 3,5 mm che scompare rapidamente dagli smartphone, USB-C può diventare la soluzione per cuffie cablate o per quelli che non possono fare affidamento sulle opzioni Bluetooth.

Mentre le versioni precedenti soffrivano di una serie di problemi tra cui il consumo di energia, USB Audio Device Class 3.0, una specifica creata dall’USB Implementers Forum (USB-IF nel 2016, ha portato le opzioni audio USB-C più in linea con il vecchio standard da 3,5 mm.

Era in risposta diretta ai dispositivi che lasciavano cadere il tradizionale jack per cuffie e offriva la standardizzazione attorno a una porta esistente insieme a nuove funzionalità come il rilevamento di hotword e il supporto per la cancellazione del rumore.

Protocolli USB 

Il protocollo USB è l’informazione cruciale che ti consente di sapere cosa può fare una specifica porta o cavo USB-C. Al momento la maggior parte dei dispositivi e dei cavi USB-C supporta almeno USB 3.2 Gen 2, ma possono ricorrere a USB 2.0 e alla fine saranno in grado di supportare USB4. Ecco una rapida panoramica di questi protocolli .

USB 2.0

Questo protocollo esiste dal 2000 e la maggior parte lo assocerà alle familiari e ancora onnipresenti porte USB-A rettangolari o alle porte micro USB più piccole. Sebbene non sia il più comune, viene comunque visualizzato in alcuni cavi o adattatori USB-C, in genere la varietà da USB-A a USB-C. Questo può limitare la velocità di trasferimento dei dati, fino a un massimo di 480 Mbps. Inoltre, le velocità di ricarica saranno più lente con 5 volt a 0,5 amp per una potenza massima di 2,5 watt. Ciò li rende tutt’altro che ideali per caricare dispositivi come un moderno smartphone di punta e praticamente inutili per caricare un laptop.

USB 3.2 di prima generazione (USB superveloce)

È qui che le cose si fanno un po’ confuse poiché questo era originariamente noto come USB 3.0 e poi USB 3.1 Gen 1, ma all’inizio del 2019 l’USB-IF ha annunciato la nuova convenzione di denominazione con il rilascio del protocollo 3.2. Qualunque sia il nome, offre un enorme aumento della velocità dei dati da USB 2.0, fino a 5 Gbps o quasi 10 volte più veloce. La ricarica non fa un salto così significativo, ma quasi raddoppia salendo fino a 5 volt a 0,9 ampere per una potenza massima di 4,5 watt.

USB 3.2 Gen 2 (SuperSpeed ​​USB 10 Gbps)

Storia simile qui sulla denominazione, questa era precedentemente nota come USB 3.1 e poi USB 3.1 Gen 2. Come suggerisce il nome più user-friendly, questo protocollo raddoppia la velocità rispetto al suo predecessore con un massimo di 10 Gbps. Anche in questo caso non otteniamo lo stesso salto dal lato della ricarica, ma 5 volt a 1,5 ampere producono 7,5 watt o circa due terzi in più. È qui che le porte USB-A e USB Micro superano.

USB 3.2 Gen 2×2 (SuperSpeed ​​USB 20 Gbps)

Solo un nome precedente questa volta, USB 3.2. Come suggerisce il nome tecnico (SuperSpeed ​​USB 20GBps), questo finalmente sfrutta le capacità ad alta velocità a doppia corsia di USB-C. Prevedibilmente ciò porta a un altro raddoppio della velocità fino a 20 Gbps. Finalmente vediamo lo stesso urto anche sul fronte della potenza con 5 volt a 3 ampere con una potenza massima di 15 watt.

USB4

Ci aspettiamo di vedere prodotti USB4 nel 2021 e la caratteristica principale è l’alta velocità di trasferimento dati che raddoppia fino a 40 Gbps. Ciò che USB4 porterà anche è una maggiore chiarezza per USB-C in quanto integra la tecnologia Thunderbolt di Intel, qualcosa che al momento è supportato solo occasionalmente e dovrebbe portare a risparmi sui prezzi degli accessori Thunderbolt in futuro. Allo stesso modo, USB4 includerà USB Power Delivery per impostazione predefinita, che può aumentare notevolmente la velocità di ricarica del dispositivo ed è attualmente implementata in modo incoerente.

Compatibilità USB di tipo C

I cavi USB di tipo C sono molto più piccoli di USB-A e USB-B, quindi non si collegano a quel tipo di porte.

Tuttavia, sono disponibili molti adattatori che ti consentono di fare qualsiasi cosa pur mantenendo il tuo dispositivo USB-C, come collegarlo a una vecchia porta USB-A con un cavo USB-C/USB-A che ha il nuovo USB -C connettore da un lato e il vecchio connettore USB-A dall’altro.

Se stai utilizzando un dispositivo più vecchio che ha solo spine USB-A, ma il tuo computer ha solo una connessione USB-C, puoi comunque utilizzare quella porta USB 3.1 con quel dispositivo utilizzando un adattatore con le connessioni appropriate su entrambe le estremità ( USB Type-A da un lato per il dispositivo e USB Type C dall’altro per collegarlo al computer).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.