Tutti gli 8 film di Harry Potter classificati dal peggiore al migliore

By | Settembre 11, 2022
film di Harry Potter

Giuro solennemente che non sto tramando nulla di buono. Il franchise di Harry Potter è un fenomeno globale come pochi altri. Sono passati 13 anni dall’uscita dell’ultimo libro, nove anni dall’uscita dell’ultimo film nelle sale, eppure la proprietà intellettuale è forte come non mai. Harry Potter è onnipresente sotto forma di parchi a tema, maratone di Freeform(RIP), videogiochi e, naturalmente, romanzi altamente rileggibili. Questo tipo di longevità è rara ed è dovuta alla qualità della storia che J.K. Rowling ha voluto raccontare più di 20 anni fa e al mondo lussureggiante e tangibile che ha creato. Ma Harry Potter non inizia e finisce con i libri. Come per ogni cosa popolare al giorno d’oggi, Hollywood ha chiamato piuttosto rapidamente, e il primo film di Harry Potter è uscito poco più di un anno dopo l’uscita del quarto libro della Rowling. Ma in un altro piccolo miracolo, il franchise cinematografico di Harry Potter è stato in grado di mantenere un livello di qualità raramente riscontrabile in serie cinematografiche che si estendono oltre uno o due film, per non parlare di otto.


I film di Harry Potter hanno visualizzato ciò che i lettori dei libri avevano a lungo fantasticato nella loro testa e, con l’apporto creativo e la benedizione della Rowling, sono stati in grado di evolversi e crescere proprio come i romanzi, con quattro registi diversi che hanno apportato una varietà di sapori alla serie da un film all’altro senza sacrificare il personaggio, la storia o la continuità. È un risultato magnifico, reso ancora più impressionante dal fatto che non c’è un film completamente brutto nel gruppo. Prima di iniziare, però, una breve nota: Ai fini di questa rubrica, valuto ogni film Harry Potter innanzitutto come un film, non necessariamente come si colloca rispetto al rispettivo romanzo: cosa è stato omesso, cosa è stato aggiunto, ecc. Detto questo, iniziamo… ecco a voi tutti i film di Harry Potter.

Leggi anche: I 10 migliori giochi di Harry Potter di tutti i tempi

8 film di Harry Potter dal peggiore al migliore

8. Harry Potter e la Camera dei Segreti. Con i suoi 161 minuti, La Camera dei Segreti è il film più lungo del franchise e, forse non a caso, è anche l’ultimo a cercare di inserire nel film (quasi) tutto quello che c’è nel libro. Il regista Chris Columbus espande il mondo che ha costruito così bene nel primo film con un sequel un po’ più cupo e molto più pesante dal punto di vista della trama, e anche se il film non è male di per sé, è sicuramente il più laborioso del gruppo. Sebbene sia certamente troppo lungo e a tratti serpeggiante, c’è ancora molto da apprezzare in La camera dei segreti. Columbus è riuscito a realizzare il personaggio di Dobby, riuscendo a trovare il giusto equilibrio tra il divertente e l’irritante per creare un personaggio in computer grafica di grande impatto visivo e davvero adorabile. Columbus fa anche un ottimo lavoro nel definire ulteriormente il mondo dei maghi con temi come la causa dei purosangue e il passato oscuro di Hogwarts. Tuttavia, sebbene La Camera dei Segreti sia abbastanza piacevole (il solo fatto di trovarsi nel mondo di Harry Potter è molto importante), non è all’altezza della brillantezza del resto del franchise.

7. Harry Potter e i Doni della Morte – Parte 1. È difficile giudicare un film che è dichiaratamente una mezza storia, ma dal momento che viene presentato come un’entrata separata nella serie di Harry Potter, I doni della morte – Parte 1 deve essere valutato come tale. I lettori del libro hanno avuto problemi con la natura itinerante della prima metà del libro finale, quindi molti si aspettavano un adattamento cinematografico un po’ lento di quei capitoli iniziali. E mentre i Doni della Morte – Parte 1 è molto avvincente per la prima ora o giù di lì (vedere questi personaggi in giro per il mondo babbano è un bel cambiamento di ritmo), nella seconda metà perde decisamente di ritmo.

Ciò è dovuto in parte al fatto che Harry, Ron e Hermione sono a caccia di una direzione senza meta, scomparendo da un luogo splendido all’altro mentre bisticciano tra di loro. Questo conflitto tra i personaggi è necessario per preparare il finale emotivo dei Doni della Morte – Parte 2, ma la visione di un film che è quasi tutto una preparazione diventa un po’ monotona. E forse il problema più grande dei Doni della Morte – Parte 1è proprio questo: un sacco di preparativi per il finale senza molto spazio per la resa dei conti. È una necessità, e il regista David Yates e lo sceneggiatore Steve Kloves l’hanno gestita al meglio, ma in un solo film hanno dovuto gettare le basi per tutta la faccenda della bacchetta, portare Ron ed Hermione verso un punto in cui possono esprimere i loro sentimenti romantici l’uno per l’altra, introdurre la storia segreta di Silente, spiegare i Doni della Morte e consolidare la posta in gioco che porta alla Battaglia di Hogwarts, il tutto senza concludere uno solo di questi fili.

Il film funziona benissimo come parte di un insieme, ma come film a sé stante lascia molto a desiderare. Questo non vuol dire che la Parte 1 non abbia dei meriti, tuttavia. Ci sono persino sprazzi di brillantezza, dalla sequenza animata dei Doni della Morte al ballo di Harry ed Hermione, una tregua dalla grave serietà che li circonda e una sequenza che ricorda al pubblico che si tratta di ragazzi. Ragazzi che hanno il peso del mondo sulle spalle e che per la prima volta agiscono completamente e totalmente da soli.


6. Harry Potter e il calice di fuoco. È con Calice di fuoco che i romanzi di J.K. Rowling hanno fatto il loro primo grande passo verso l’età adulta, espandendosi non solo in termini di dimensioni ma anche di portata, e il regista Mike Newell è altrettanto all’altezza della sfida di introdurre un mondo di maghi molto più grande di Hogwarts e di dare al franchise la prima importante apparizione sullo schermo di Voldemort. È tra questi due compiti gravosi, però, che Newell brilla davvero, perché riprende il tema dell’adolescenza nascente di Harry Potter e il calice di fuoco lo sposta nel regno del romanticismo, affrontando i sentimenti imbarazzanti dei personaggi adolescenti nei confronti dell’altro sesso. Il regista gestisce molto bene questo aspetto, con un’abbondanza di drammi per Harry, Ron e Hermione a causa dell’incombente ballo e dell’arrivo di studenti stranieri.

La portata di Harry Potter e il calice di fuoco è ingombrante e il ritmo del film soffre un po’ in alcuni punti, ma le emozioni del terzo atto sono davvero forti, anche se l’arrivo di Voldemort non è così terrificante come avrebbe potuto/dovuto essere. I temi del film riecheggiano l’arco della serie di Harry, che si trova ancora una volta di fronte a una sfida impossibile per la quale non gli è stata data altra scelta che partecipare. Questa è la vita di Harry: da bambino gli è stato conferito il riconoscimento e la reputazione di “Prescelto”, senza alcuna possibilità di scelta, ed è costantemente costretto ad essere all’altezza della situazione semplicemente perché deve farlo.

Harry Potter e il calice di fuoco è probabilmente il miglior romanzo della Rowling sull’intera serie di Potter, ma è qui che le cose si confondono: solo perché è il miglior libro non significa che sia il miglior film. Ho visto questo film prima di aver letto i libri e non mi è piaciuto per niente, ma dopo aver letto la serie l’ho amato. Chi ha familiarità con i libri è in grado di dare spessore alle parti del film che non sono all’altezza, e questo è il caso di Harry Potter e il calice di fuoco. Non si tratta certo di un brutto film e Newell vi apporta un’energia deliziosamente britannica, ma non è coeso come altri episodi del franchise cinematografico.

5. Harry Potter e la pietra filosofale. Anche se non è così appariscente, raffinato o impressionante come gli altri film del franchise, Harry Potter e la pietra filosofale merita un immenso credito per aver impostato questa serie in modo così meraviglioso e per aver gettato una fantastica base su cui costruire gli altri film. Il regista Chris Columbus non solo è stato responsabile di mettere insieme l’incredibile cast, ma ha anche catturato il mondo dei maghi della Rowling su pellicola in un modo che è sembrato comprensibile e del tutto affascinante. Harry Potter e la pietra filosofale è raccontato attraverso gli occhi di un bambino di 11 anni, e quindi il film era destinato a essere un po’ più giovane rispetto ai capitoli successivi, ma Columbus si rifiuta di parlare al pubblico in modo sminuito ed evita saggiamente di addentrarsi nel terreno dei film per bambini.

Anche se è il film più leggero del gruppo, Harry Potter e la pietra filosofale funziona ancora meravigliosamente come un fantastico ingresso nel franchise di Potter. La combinazione vincente di fascino e intelligenza permea tutto il film, e Columbus riesce ad azzeccare l’amicizia fondante dei nostri tre eroi, culminando in un gran finale che lascia brillare ognuno di loro. Chi può resistere all’adorabile Ron Weasley che comanda con gusto una scacchiera gigante seduto in cima a un cavaliere di pietra?

4. Harry Potter e l’Ordine della Fenice. In quello che segnerebbe l’ultimo cambio di regia per la serie, David Yates fa il suo debutto con l’Ordine della Fenice, un film dalle tinte politiche. E’ l’unico film non scritto da Steve Kloves (Michael Goldenberg si è occupato della sceneggiatura quando Kloves ha rifiutato di tornare, anche se poi ha cambiato idea ed è tornato per il Principe Mezzosangue), ma il team ha continuato a lavorare per creare il film più adulto. Yates affronta abilmente i temi del potere e della corruzione attraverso il personaggio meravigliosamente realizzato di Dolores Umbridge, interpretato alla perfezione da Imelda Staunton, che potrebbe essere la migliore interpretazione dell’intero franchise. Il personaggio è disgustoso, disarmante e terrificante allo stesso tempo, e il suo impatto a Hogwarts spinge Harry e compagni a prendere in mano la situazione.


È chiaro fin dall’inizio che L’Ordine della Fenice sarà un film piuttosto diverso, poiché Yates sceglie di aprire il film nel caldo dell’estate, in una nuova location, con un confronto stratificato tra Harry e Dudley. La successiva introduzione dell’Ordine serve ancora una volta a dimostrare che Harry A) non è solo nella sua ricerca; e B) è gravemente carente di informazioni su ciò che sta realmente accadendo. Il ritorno di Sirius Black (Gary Oldman) rafforza l’impatto emotivo del film e approfondisce l’arco di Harry, mentre il film ci regala alcune delle migliori scene Harry-Snape del franchise. Il tutto culmina in una battaglia visivamente sorprendente e commovente tra Voldemort e Silente al Ministero della Magia, realizzata in modo tanto inaspettato quanto di grande impatto. Con la sua chiara padronanza dei personaggi, dei temi e delle ambientazioni, non c’è da stupirsi che Yates sia rimasto a vedere questo franchise fino alla fine.

3. Harry Potter e il Principe Mezzosangue. Il regista David Yates, alla sua seconda esperienza con il franchise, si cimenta in un materiale che è al tempo stesso tra i più leggeri e i più cupi della serie. Il Principe Mezzosangue è certamente il film più divertente del franchise, con Yates e il cast che si divertono nel territorio della commedia romantica per gran parte della storia. Jim Broadbent conferisce al Professor Lumacorno una qualità goffa che non va mai sopra le righe, mentre i numerosi incontri di Harry e Ron con il sesso opposto forniscono un sacco di materiale comico, che culmina nell’imbarazzante scambio di battute “Hermione ha una bella pelle” durante una chiacchierata notturna. Radcliffe, Grint e Watson brillano in questi momenti e a volte sembra che abbiano aspettato tutta la serie per mettere a segno queste battute comiche.

Eppure, per tutta la sua leggerezza, Il principe mezzosangue affronta un materiale devastantemente oscuro. La storia si sviluppa magnificamente fino alla morte di Silente (la decisione di Yates di tagliare su una marea di bacchette che puntano verso il cielo nel periodo immediatamente successivo è un lampo di genialità) e al “tradimento” di Piton senza che il culmine sembri uno sconvolgente cambiamento di tono, e Yates e lo sceneggiatore Steve Kloves intrecciano la storia di Voldemort e l’introduzione degli horcrux con facilità. È questo meraviglioso equilibrio tonale a rendere Il principe mezzosangue uno dei film più toccanti della serie, che passa dalle risate alle lacrime in un attimo.

E non siamo ancora arrivati ai risultati tecnici del film. Yates e il direttore della fotografia Bruno Delbonell sono ambiziosi con le immagini del film, optando per un palato più morbido e ricco, che si traduce in un film lussuoso come pochi; Il prigioniero di Azkaban è splendido, ma Il principe mezzosangue ha la migliore fotografia della serie. Il compositore dell’Ordine della Fenice, Nicholas Hooper, torna a creare forse la migliore colonna sonora del franchise dai tempi di John Williams, muovendosi abilmente tra due toni selvaggiamente diversi. Yates chiude il film con un appropriato addio a Hogwarts, preparandosi meravigliosamente per il finale a due. Ma il sapiente dosaggio di umorismo, brividi e devastazione emotiva rende il Principe Mezzosangue uno dei migliori film della serie e un’impresa ardua da seguire.

2. Harry Potter e i Doni della Morte – Parte 2. I Doni della Morte – Parte 1 era quasi tutta una montatura, ma I Doni della Morte – Parte 2 entra nel vivo fin dal primo fotogramma e non lo molla più. Questo film è un payoff in tutti i sensi: payoff emotivo, payoff d’azione, payoff di relazione. Il regista David Yates aveva il non invidiabile compito di concludere il franchise cinematografico più popolare dai tempi di Guerre stellari in modo da soddisfare anche i fan più accaniti, e ha assolutamente centrato l’obiettivo con il film più impegnativo della serie.

La seconda parte è di natura quasi operistica, con un gran finale nel luogo in cui tutto è iniziato: Hogwarts. Non solo le scenografie sono esaltanti, ma sono ancorate a personaggi che abbiamo imparato ad amare nel corso di sette film, e Yates gioca su questo attaccamento con risultati emotivamente sconvolgenti. Gestisce la morte di molti volti familiari in modo inaspettato: l’ovvio gioco di manipolazione sarebbe stato quello di mostrare la morte di Fred con una musica gonfia, ma Yates e Kloves rivelano invece il destino di Fred dopo il fatto, circondato dalla sua famiglia, con risultati molto più sconvolgenti.


Forse il compito più difficile del film era quello di affermare Piton come un eroe (o probabilmente il protagonista) con un’unica sequenza. Yates, Kloves e Alan Rickman sono all’altezza della sfida in uno dei momenti più emozionanti del franchise che non solo lascia il pubblico in lacrime per il coraggioso e caro Piton, ma solidifica anche lo scopo di Harry: deve morire. Ci sono così tanti modi in cui i Doni della Morte – Parte 2 sarebbero potuti andare male, ma visto quanto meravigliosamente il team di registi di Harry Potter si è comportato in precedenza, credo che non dovrebbe essere una sorpresa che abbiano portato a casa questa cosa con lo stesso livello di qualità massima che avevamo visto in precedenza. Harry Potter si chiude in modo glorioso con un film che non solo è una conclusione superba, ma anche un’entrata in scena del tutto soddisfacente.

Leggi anche: 8 migliori film di supereroi del 2022

1. Harry Potter e il prigioniero di Azkaban. L’importanza de Il prigioniero di Azkaban per la serie di film di Harry Potter non può essere sopravvalutata. È il film che ha stabilito la direzione creativa e la formula dei film successivi, poiché la serie si è trovata ad affrontare un problema cruciale dopo La cameradei segreti. Come adattare libri sempre più lunghi in lungometraggi soddisfacenti? La soluzione: tutto ciò che viene raccontato dal punto di vista di Harry o che riguarda direttamente il suo personaggio viene inserito, mentre tutto il resto può essere eliminato.

Ma non è stata solo la regola del POV che Azkaban ha stabilito per il futuro; è stata anche la libertà di essere creativi, davvero creativi. Il regista Alfonso Cuaron ha modificato in modo significativo l’aspetto e l’atmosfera di Harry Potter senza eliminare completamente ciò che Chris Columbus aveva costruito nei due film precedenti, ampliando allo stesso tempo la profondità dei personaggi e, beh, diventando strano. Dalla sequenza dell’autobus dei cavalieri al coro di Hogwarts (più le rane) ai Dissennatori, Il prigioniero di Azkaban è assolutamente tattile: si può sentire questo mondo. Ed è una prova della visione di Cuaron e della splendida fotografia del direttore della fotografia Michael Seresinche quasi ogni fotogramma della pellicola sembra un dipinto. Le iridi, il salice che segna i cambiamenti di stagione, il movimento della macchina da presa attraverso l’orologio: questo film è pieno di immagini indimenticabili.

Azkaban è anche il film in cui Radcliffe, Grint e Watson entrano davvero in scena come attori e iniziano a forgiare un percorso che rende questi personaggi propri. Radcliffe, in particolare, brilla al fianco di Gary Oldman e David Thewlis (Lupin), mentre continua l’incessante ricerca di una figura paterna da parte del personaggio. Cuaron e Co. hanno avuto il non invidiabile compito di rifondere Silente dopo la scomparsa del grande Richard Harris, ma Michael Gambon raccoglie il testimone in modo eccellente: la sua interpretazione non cerca di emulare quella di Harris né disonora la precedente caratterizzazione dell’attore.

E mentre la questione del time turner è eseguita alla perfezione (Azkaban è davvero una delle storie più snelle della serie di libri della Rowling), raccontare semplicemente la storia non è sufficiente per Cuaron: tutto è al servizio del personaggio, che a sua volta serve la linea tematica del film, ovvero la crescita dell’adolescenza. Quando entrano nella pubertà, questi giovani personaggi iniziano a forgiare un percorso di indipendenza, e Cuaron lo cattura meravigliosamente in modi sia sottili (ogni attore indossa la propria uniforme in modo leggermente diverso in questo film) che evidenti (Harry che “scappa di casa” all’inizio).

I meriti del Prigioniero di Azkaban sono pressoché infiniti e, mentre il franchise di Harry Potter avrebbe dato vita ad altre eccezionali opere negli anni successivi, il film di Cuaron segna ancora il punto più alto della creatività di uno dei migliori, più diversi e più soddisfacenti franchise cinematografici di tutti i tempi. A rischio di sembrare un cliché, Harry Potter e il prigioniero di Azkaban è pura magia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.