MBR vs GPT

MBR vs GPT: quale formato è migliore per un’unità SSD?

Se installi una nuova copia di Windows su un disco rigido, ti potrebbe essere chiesto di scegliere quale standard di partizionamento del disco desideri utilizzare. La scelta è solitamente tra Master Boot Record (MBR) e GUID Partition Table (GPT).


La maggior parte degli utenti probabilmente non conosce la differenza tra queste due opzioni e dal momento che sei qui, sospettiamo che nemmeno tu. Se hai un computer moderno, è molto probabile che l’unità di sistema sia un SSD nuovo, quindi quale è la scelta giusta per quel tipo di tecnologia di unità?

Allaccia le cinture, perché la risposta richiede una lezione di storia molto piccola e un background sulla tecnologia del disco rigido che non ti aspettavi di imparare oggi.

MBR vs GPT

MBR è il sistema tradizionale per tenere traccia delle partizioni su un disco rigido. È stato introdotto per la prima volta nei primi anni ’80 insieme a PC DOS 2.0 e IBM PC XT. Da allora, è diventata la soluzione standard per le tabelle delle partizioni, nonché un modo per gestire più partizioni avviabili.


GPT è il sostituto ufficiale per MBR ed è stato introdotto insieme al nuovo standard del firmware per computer UEFI, che ha sostituito il BIOS tradizionale.

I due tipi di tabelle delle partizioni differiscono sotto vari aspetti, ma la cosa più importante che devi sapere è che GPT è lo standard più recente ed è generalmente superiore a MBR. Ciò non significa che l’MBR sia morto! Molti computer utilizzano ancora un BIOS tradizionale non UEFI e i nuovi computer sono perfettamente in grado di utilizzare i dischi MBR.

Cosa sono le partizioni e perché usarle?

L’impatto principale di questa scelta influisce sulla natura delle partizioni del disco. Una partizione è una divisione virtuale del tuo disco rigido fisico. Ad esempio, è possibile partizionare un’unità da 2 TB in una partizione avviabile da 1 TB e una partizione da 1 TB per l’archiviazione dei dati.


Perché dovresti farlo? In quello scenario significherebbe che potresti formattare la partizione di sistema e reinstallare il sistema operativo senza toccare nulla sull’altra partizione.

Il partizionamento può creare più partizioni avviabili con diversi sistemi operativi. È comune per gli utenti che devono utilizzare sia Linux che Windows per creare partizioni per ciascuno e quindi scegliere il sistema operativo di loro scelta all’avvio. Ubuntu vs Windows 10: quale sistema operativo è migliore per te?

Le partizioni vengono utilizzate anche per scopi di ripristino. Ad esempio, la maggior parte dei laptop ha una partizione protetta sull’unità di sistema principale che contiene software e dati che possono ripristinare la macchina alle impostazioni di fabbrica. Ci sono altri usi per le partizioni oltre a questo, ma quelli sono i più importanti.


Lo svantaggio dell’utilizzo delle partizioni rispetto all’utilizzo di più unità fisiche è che c’è una riduzione delle prestazioni. Poiché le partizioni esistono sulla stessa unità fisica, possono verificarsi conflitti di accesso. Su un SSD moderno, tuttavia, questo problema è in gran parte risolto.

È interessante notare che l’approccio opposto al partizionamento di un’unità consiste nel combinare più unità fisiche in un’unità virtuale. Ciò può offrire prestazioni sorprendenti e vantaggi di ridondanza. Dai un’occhiata a HDD Raid vs SSD Raid: le principali differenze che dovresti sapere per maggiori informazioni.

Perché gli SSD sono speciali?

Perché le persone pongono la domanda MBR vs GPT specificamente per quanto riguarda gli SSD? Le unità a stato solido stanno diventando la tecnologia standard delle unità per computer. Sono molto più affidabili delle unità meccaniche e molto, molto più veloci.


Tuttavia, gli SSD vengono forniti con un elenco dei propri problemi. Il principale è il fenomeno dell’usura SSD. Scrivi i dati su un SSD troppe volte e l’unità passa alla modalità di sola lettura e ha raggiunto la fine della sua vita.

Per prolungare la durata degli SSD e ottenere il massimo dalle prestazioni, è importante formattarli utilizzando uno standard ottimizzato per l’archiviazione SSD. Per i sistemi Windows che sarebbe NTFS, per macOS sarebbe APFS. Dovresti anche utilizzare un sistema operativo moderno che sia compatibile con SSD e sappia come gestirli correttamente.

Dati tutti i terribili avvertimenti sull’utilizzo di formati o software sbagliati con SSD, è comprensibile che le persone si chiedano se MBR o GPT siano i migliori per un SSD.


La risposta breve è che dovresti usare GPT. La risposta lunga dipende da alcuni fattori che potrebbero influenzare la scelta nella tua situazione specifica.

È tutta questione di avvio

MBR può avere solo quattro partizioni “primarie” avviabili per unità. È possibile avere più partizioni, ma si tratta di partizioni “logiche” che esistono all’interno di uno speciale tipo di partizione estesa.

Onestamente, per la maggior parte delle persone ci sono più partizioni di avvio del necessario. In caso contrario, la tua unica scelta è GPT, che supporta ben 128 partizioni avviabili.

Questa non è l’unica differenza relativa all’avvio tra i due standard della tabella delle partizioni. Se stai utilizzando un computer con un BIOS tradizionale e non la più recente implementazione UEFI, non puoi eseguire l’avvio da un’unità che utilizza GPT. Tale unità può ancora essere letta da un computer basato su BIOS, semplicemente non può avviarsi da esso. Quindi non devi preoccuparti delle unità esterne.

Compatibilità del sistema operativo

GPT è incompatibile con i sistemi operativi Windows precedenti a Windows 8. Quindi, se vuoi eseguire quei sistemi operativi più vecchi, non avrai altra scelta che usare MBR. Se stai eseguendo quel sistema operativo su un computer basato su BIOS, ovviamente è piuttosto un punto controverso, come abbiamo appena spiegato sopra.

Se hai un motivo specifico per cui desideri eseguire un sistema operativo precedente in una configurazione ad avvio multiplo su un computer moderno, considera invece di eseguirlo in una macchina virtuale. Ad esempio, se è ancora necessaria un’applicazione specifica che funziona solo in Windows XP, dovrebbe funzionare correttamente usando qualcosa come VirtualBox.

Conversione da MBR a GPT: dovresti?

È possibile convertire da MBR a GPT, ma di solito ciò comporta l’eliminazione di tutti i dati sul disco. Allo stesso modo, esistono metodi per eseguire una conversione sul posto, ma è necessario eseguire il backup di tutti i dati per sicurezza, quindi non ha molto senso.

Vale la pena convertire un disco esistente da MBR a GPT solo se MBR ti limita in qualche modo. Non consigliamo di farlo per nessun motivo specifico. Se lo desideri davvero, dovresti attendere la prossima volta che formatti l’unità per apportare la modifica.

MBR vs GPT è importante per gli SSD?

Non esiste una connessione diretta tra l’utilizzo di un SSD e la scelta di MBR o GPT. Detto questo, è meglio usare GPT come nuovo standard su qualsiasi computer basato su UEFI. Se stai utilizzando un SSD con un computer basato su BIOS e desideri eseguire l’avvio dal disco, MBR è la tua unica scelta.

Poiché gli SSD tendono ad essere molto più piccoli in termini di capacità, il limite di capacità di 2 TB dell’MBR non entra quasi mai in gioco. Inoltre, la piccola dimensione media degli SSD rende improbabile che tu abbia bisogno di molte partizioni avviabili su di esso.

Ciò che importa è che GPT offre un’esperienza di avvio veloce, stabile e robusta. Poiché GPT diffonde informazioni cruciali sulla tabella delle partizioni attorno all’unità, a differenza di MBR, può ripristinare l’unità danneggiata che interessa solo una partizione. In modo che i dati del record di avvio persi possano essere ricostruiti.

Non è una scelta importante, ma quando ti viene chiesto e il computer specifico può utilizzare lo standard più recente, GPT è quasi sempre la strada giusta da percorrere.

Leave a Reply