Epidemia in Cina: le maschere mediche sono utili contro il coronavirus?

By | Febbraio 7, 2020
le maschere mediche sono utili contro il coronavirus

Epidemia in Cina: le maschere mediche sono utili contro il coronavirus? In Cina, molti residenti indossano maschere mediche per proteggersi dal “coronavirus 2019-nCoV” che ha ucciso diverse persone. Ma quanto sono efficaci queste maschere?


Il coronavirus ” 2019-nCoV ” ha causato la morte di 26 persone e contaminato non meno di 830 (valutazione datata 24 gennaio 2020). 40 milioni di cinesi sono confinati nell’epicentro dell’epidemia virale. L’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) non ha ancora dichiarato un’emergenza internazionale.

Coronavirus: i ricercatori di Hong Kong hanno sviluppato un vaccino

Le maschere mediche sono utili contro il coronavirus?

In caso di epidemia, le organizzazioni raccomandano di indossare una maschera protettiva. Si dice che il negozio online cinese Taobao abbia proibito ai venditori della piattaforma di aumentare i prezzi per sfruttare l’effetto della paura. Tuttavia, non tutti hanno la stessa efficacia e non sono raccomandate per lo stesso uso.

Maschere chirurgiche, per proteggere l’ambiente

Le maschere antispruzzo, di tipo chirurgico, sono state progettate per essere indossate dai malati. Hanno lo scopo di “evitare a chi le indossa, la proiezione di secrezioni dalle vie aeree superiori o saliva che possono contenere agenti infettivi trasmissibili: mediante goccioline (trasmissione da goccioline di saliva o secrezioni di vie aeree superiori) o per via aerea (trasmissione per via aerea di particelle fini inferiori a 5 micron)”, come spiegato dal Ministero della Salute italiano.

Dovrebbe essere indossata al primo sintomo in modo da non contaminare chi ti circonda. Si noti che la maschera ha una durata limitata, spesso alcune ore, oltre le quali non è più efficace. La maschera chirurgica deve essere buttata”non appena è bagnata o sporca, se possibile in un bidone della spazzatura dotato di un coperchio e provvisto di un sacchetto di plastica. L’eliminazione avviene mediante i rifiuti domestici. Un doppio imballaggio è raccomandato per preservare il contenuto nel caso di strappo del sacco esterno durante la raccolta“. Quindi lavarsi le mani con acqua e sapone o disinfettarle con una soluzione idroalcolica.

Le maschere mediche sono utili contro il coronavirus? Le maschere FFP2, per proteggerti

Le maschere per la protezione delle vie respiratorie, destinate alla protezione di chi le indossa, rientrano in diverse categorie (FFP1, FFP2 e FFP3). Si tratta di dispositivi di protezione individuale (DPI) che rientrano nella competenza del Ministero del lavoro.

La maschera FFP1 viene utilizzata principalmente nel lavoro fai-da-te come maschera antipolvere. È riconoscibile per le sue fasce elastiche gialle.

La maschera FFP2 è di per sé “intesa a proteggere chi lo indossa dai rischi di inalazione di agenti infettivi trasmissibili per via aerea. Inoltre, protegge dal rischio di trasmissione da parte delle goccioline“, spiega il Ministero della Salute.

È costituita da una maschera facciale (mezza maschera o maschera intera) e un dispositivo di filtrazione. La sua protezione varia tra le tre e le otto ore.

È destinata al personale sanitario. “Si consiglia di indossare maschere di tipo FFP2 per il personale sanitario durante le fasi di trasmissione interumana e pandemica e per le persone a maggior rischio di esposizione (vicinanza a meno di un metro da una persona malata), come i professionisti della salute a contatto con i malati“. I produttori hanno assegnato bande elastiche blu o bianche per identificarle più facilmente.

Le maschere FFP3 sono le più filtranti e hanno lo scopo di bloccare particelle molto fini come l’amianto. Sono riconoscibili per i loro elastici rossi.

Precauzioni quando si indossa una maschera

Dopo aver applicato bene la maschera sul naso e sulla bocca e dopo averla stretta per regolarla, si consiglia di rimanere a più di un metro dalle altre persone. Non rimetterla sul viso con le mani sporche e non riutilizzare mai la stessa maschera. Tutte le maschere, indipendentemente dalla loro categoria, hanno una durata limitata (che varia da poche ore per le maschere chirurgiche).

Anche quando si indossa una maschera, è importante continuare ad applicare le consuete norme igieniche per limitare il contagio. Lavarsi le mani regolarmente, starnutire o tossire nel gomito, usare tessuti monouso, ventilare le stanze e limitare il contatto fisico con gli altri, come le strette di mano.

Che dire delle maschere antinquinamento?

Le maschere anti-inquinamento, che dovrebbero proteggere dalle particelle fini, non sono efficaci nemmeno con i tubi di scappamento delle auto  secondo la National Food Safety Agency (ANSES). Rivela “l’insufficienza dei dati disponibili che attestano un beneficio per la salute” di queste maschere in un rapporto del 2018. È quindi meglio rivolgersi ad altre maschere.

Source : South China Morning Post


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *