I migliori giochi spaziali per PC

By | Agosto 12, 2022
giochi spaziali

Quali sono i migliori giochi spaziali per PC? I giochi più importanti di Steam e i migliori giochi gratuiti, come Eve Online e Stellaris. Quali sono i migliori giochi spaziali per PC nel 2022? Tra i giochi più importanti di Steam, come Kerbal Space Program, e i migliori giochi gratuiti, come Eve Online, ecco le epopee spaziali più sensazionali in circolazione. Cercare di scegliere i migliori giochi galattici per PC è una questione di dimensioni galattiche. Gli sviluppatori sfornano avventure spaziali fin dagli anni ’70 e, con tutti gli entusiasmi per Jupiter e con Kickstarter e il crowdfunding che permettono agli studios di partire da soli, al momento siamo un po’ ossessionati da ciò che c’è oltre la nostra piccola biglia blu e verde. Mentre aspettiamo che E.T. risponda alle nostre numerose chiamate perse, ammazziamo il tempo giocando a qualche straordinaria avventura intergalattica. Prendete a calci il collettore posteriore in Mass Effect 2. Giocare con l’adorabile scienza missilistica in Kerbal Space Program. Guardate con stupore la vastità dell’universo in Eve Online. Se volete andare dove solo Bill Shatner e i suoi amici hanno osato prima, questi sono i migliori giochi di fantascienza e spaziali per PC. Ricordate solo che nessuno vi sentirà urlare.


Leggi anche: I migliori giochi di Dio per PC

I migliori giochi spaziali sono:

1. Star Trek Online. Nei film e online, Star Trek ha fatto molta strada in un arco di tempo relativamente breve, anche se probabilmente è l’MMO inizialmente problematico che ha avuto il viaggio più lungo.Poco apprezzato al momento dell’uscita per la sua inadeguatezza, Star Trek Online ha finito per riempire piuttosto bene la sua uniforme di replica ed è ora considerato uno dei migliori MMORPGin circolazione. È utile pensare a Star Trek Onlinenon solo come a un gioco che riesce a catturare lo spirito dell’universo di Roddenberry – con le sue incursioni pionieristiche nell’ignoto, le battaglie tattiche uno contro uno e l’incontro con alieni curiosi e innamorati della storia umana – ma anche come a una convention di fan online. I giocatori mostrano la loro affiliazione alla TOS, alla TNG o alla DS9, si sbizzarriscono con le loro conoscenze della serie e partecipano a vari giochi spaziali di contorno, in particolare a missioni strutturate della squadra in trasferta e a battaglie nello spazio. Essendo un gioco finanziato da microtransazioni, si possono anche acquistare molti gadget, ma il punto è che Star Trek Online non è tanto un simulatore per i giocatori che amano Star Trek, quanto un ritrovo per i fan di Star Trek che amano giocare. E c’è molto da apprezzare, dal modo in cui si sviluppano il personaggio e gli ufficiali di plancia, alle missioni regolari degli episodi. È come viaggiare su una navetta aperta in ogni angolo della storia e della tradizione Trek. Tuttavia, il gioco eccelle durante le battaglie spaziali a squadre, in cui piccoli gruppi di navi si uniscono per abbattere indomabili navi NPC. Con la necessità di gestire gli scudi e i livelli di potenza, di considerare la velocità e il posizionamento, i fan veterani dei giochi spaziali di Comando della Flotta Stellare troveranno pane per i loro denti, soprattutto se fanno parte di una squadra ben addestrata di navi di prima linea e di supporto che fanno a pezzi la galassia. Sebbene Star Trek Online sia uscito molti, molti anni fa, continua a ricevere aggiornamenti regolari dei contenuti e persino espansioni. La più recente, Rise of Discovery, racconta la storia di un momento cruciale nella vita di Gabriel Lorca e Ellen Landry. Si rivivono gli eventi che hanno portato al primo episodio di Star Trek: Discovery, oltre a una revisione del modo in cui si sbloccano le migliori navi del gioco, rendendo questo aggiornamento molto più gentile per i nuovi giocatori.

2. Star Conflict. Star Conflict è un MMO gratuito che vede i piloti scontrarsi tra le cinture di asteroidi e sopra i pianeti in battaglie frenetiche. Sebbene si tratti principalmente di battaglie PvP, è possibile svolgere alcune missioni, esplorare rovine e dedicarsi al crafting. Sono le navi a fare il gioco, naturalmente. Dagli agili caccia alle robuste fregate e agli ingombranti cacciatorpediniere, c’è un gran numero di navi da sbloccare e potenziare, che determinano il vostro ruolo in qualsiasi conflitto vi troviate a combattere. Ci sono più di cento navi tra cui scegliere, ma per accedervi occorre un po’ di impegno. C’è anche un metagame: si combatte per la fazione prescelta, dando la caccia ai nemici e ingaggiando battaglie campali nel tentativo di diffondere l’influenza del proprio gruppo e ottenere delle belle ricompense. gratis

3. Eve Online. Sebbene Splitgate: Arena Warfare non è particolarmente ricco di storia, ma questo insolito gioco FPS vi porta in una serie di esotici luoghi fantascientifici. Alcune delle arene del gioco sono ambientate in lontane stazioni spaziali, mentre altre sembrano essere ambientate su pianeti alieni. Dal punto di vista visivo, le ambientazioni sono piuttosto varie. Tuttavia, ciò che distingue Splitgate dalla massa è il suo gameplay unico. Gli sviluppatori di 1047 Games hanno preso il meglio di Portal (le armi Portal) e il meglio di Halo (il multiplayer FPS) e li hanno fusi insieme per creare un’esperienza di gioco davvero piacevole. Si combatte contro una squadra di nemici, mentre tutti usano i wormhole per spostarsi da una parte all’altra. Se questo vi interessa, sarete lieti di sapere che il gioco è completamente gratuito, quindi perché non provarlo?

4. No Man’s Sky. È stato il gioco spaziale per eccellenza per così tanto tempo che si potrebbe pensare che sia l’unico gioco spaziale esistente. Senza dubbio, Eve Online è uno dei più interessanti, in parte grazie al fatto che il suo mezzo milione di abitanti online giocano sullo stesso mega-server invece di dover sopportare le realtà separate offerte dai suoi molti contemporanei fantasy. I giocatori si uniscono per formare flotte di migliaia di unità e alleanze di decine di migliaia, che assediano intere regioni per mesi e mesi, supportate da una vasta catena di rifornimento di minatori, commercianti, ricercatori e produttori. In termini di scala e sostanza, non c’è davvero niente di simile. Ad esempio, una nave di Eve del valore di 309 miliardi di ISK – una delle tre esistenti – è stata distrutta da una spia inserita nell’organizzazione del proprietario della nave. Sì, non c’è niente di meglio delle storie generate dalla sorprendente comunità di Eve. I giochi spaziali online di questa portata non sono privi di aspetti negativi. Ha la reputazione di essere bastardamente difficile da affrontare, ma dopo gli aggiornamenti all’interfaccia utente, alla grafica e alla quasi costante semplificazione di alcuni dei sistemi più oscuri del gioco, l’Eve di oggi non è più difficile da approcciare dei suoi amici single-player X ed Elite. Riceve anche aggiornamenti regolari come la recente espansione Eve Online: Invasion, il cui secondo capitolo arriverà il 26 novembre. All’inizio di quest’anno i giocatori sono stati colti alla sprovvista dall’improvvisa aggressività di una fazione di PNG precedentemente passiva, i Drifters, in una mossa studiata dagli sviluppatori per creare problemi, dimostrando che il pericoloso mondo di New Eden richiede una vigilanza e una cooperazione costanti. L’esperienza dei nuovi giocatori viene continuamente semplificata, ma può essere ancora impegnativa, soprattutto se il vostro obiettivo è quello di ritagliarvi un piccolo impero in poche settimane.

Leggi anche: I migliori giochi di sottomarini per PC

5. Stellaris. Lo spazio è un panorama sconfinato e senza fine. Questo desiderio di esplorare l’ignoto costituisce anche l’attrattiva di No Man’s Sky di Hello Games, che utilizza la generazione procedurale per garantire che non si arrivi mai alla fine della sua ricreazione dello spazio, che conta oltre 18 quintilioni di pianeti da esplorare. Tuttavia, l’esplorazione non è l’unica cosa che farete in No Man’s Sky, perché dovrete trovare il modo di sopravvivere. Per riuscire in questo intento è fondamentale padroneggiare il commercio e il combattimento del gioco. Il lancio di No Man’s Sky non è stato dei più semplici, ma da allora una serie di aggiornamenti ha stabilizzato la nave, aggiungendo di tutto, dall’esplorazione delle profondità marine alla costruzione di basi, e mantenendo una fanbase dedicata e affezionata che ha comprato un cartellone pubblicitario per ringraziarla.


6. Kerbal Space Program. Stellaris, l’ibrido di grand strategy 4X di Paradox, rende lo spazio di nuovo sorprendente grazie a catene di eventi che all’inizio evocano Crusader Kings II, ma che finiscono per andare molto oltre. In Stellaris, dovrete aspettarvi rivolte di mutanti, ribellioni robotiche e la scoperta di testi alieni che faranno dubitare i vostri cittadini del loro posto nella galassia. Non è solo un gioco 4X; è un gioco di ruolo galattico e una simulazione di impero, che offre una vasta gamma di opzioni ai giocatori, consentendo loro di creare specie spaziali uniche ed eccentriche. Si può giocare nei panni di una società fondamentalista costruita sulle spalle degli schiavi, o di lucertole iperintelligenti che si affidano ai robot per combattere o coltivare. Il robusto creatore di specie e una moltitudine di decisioni significative consentono di creare quasi tutti gli alieni che si possono immaginare. Alla base di tutto questo c’è l’attenzione del gioco per l’esplorazione. Mentre la maggior parte dei giochi 4X spaziali si limita a un solo metodo di viaggio interstellare, Stellaris ve ne offre tre tra cui scegliere, ognuno con i propri punti di forza e i propri svantaggi. In una partita, la galassia potrebbe essere una rete di iperpiani, mentre in quella successiva potreste ritrovarvi a costruire stazioni wormhole e a lampeggiare attraverso la galassia. Anche il multiplayer di Stellaris non è da meno, in quanto trasforma esseri umani rispettabili in tiranni alieni machiavellici in un batter d’occhio.

7. Homeworld Remastered Collection. Homeworld è il tipo di gioco che ti entra in testa e ci rimane. Uscito originariamente 15 anni fa, ha generato un’espansione, un eccellente seguito e, più recentemente, la Homeworld Remastered Collection. È una serie che rimane insuperata. È anche uno di quei rari giochi di strategia che hanno una grande storia, tragica e piena di speranza, piena di tensione. È un viaggio di scoperta, di conoscenza del passato e di lotta disperata per creare un futuro. È bello e un po’ triste. Grazie alla rimasterizzazione di Homeworld da parte di Gearbox, uno dei migliori giochi spaziali del passato è ancora più bello. Ora il gioco appare come nei nostri ricordi, anche quelli offuscati dalla nostalgia, con le sue navi splendidamente dettagliate e i suoi giganteschi fondali spaziali. E grazie all’interfaccia utente minimalista, nessuna di queste bellezze viene oscurata. Guardare il gioco in azione è come assistere a un balletto epico. Piccole navi volano in formazione in tutte le direzioni; massicce capital ship armate fino ai denti fluttuano intorno alla grande nave madre; diligenti raccoglitori di risorse lavorano per alimentare un’impresa imponente. Persino le navi più grandi sono ridotte al minimo dalle dimensioni delle mappe 3D e, quando la telecamera viene ingrandita, sembrano sole e vulnerabili. Ed è esattamente quello che sono.

8. Outer Wilds. Da non confondere con The Outer Worlds – un altro fantastico gioco spaziale del 2019 – Outer Wilds vi mette nei panni di un astronauta antropologo in giro per lo spazio a esplorare le rovine del vostro sistema solare. Il vostro obiettivo è imparare il più possibile sulla misteriosa razza aliena dei Nomai, ma sta a voi decidere come svelare il mistero. Ci sono diversi pianeti da esplorare e un ciclo temporale di 20 minuti che chiude le avventure in modo ordinato, quindi a ogni run dovrete scoprire un po’ di più sul mondo prima che i vostri progressi si azzerino parzialmente. Anima e ricco di mistero, Outer Wilds è un gioco che si fa apprezzare, sia che lo si assapori tutto d’un fiato, sia che si consideri ogni ciclo temporale di 20 minuti come un nuovo boccone.

9. Elite Dangerous. A 30 anni dalla sua prima apparizione sul BBC Micro, la serie Elite ritorna sotto forma di Elite Dangerous. È in circolazione da un po’ di tempo in forma di alpha e beta, un tempo sufficiente per essere scritto migliaia di volte e giocato da innumerevoli pirati, cacciatori di taglie, commercianti ed esploratori. Quindi sapevamo già che sarebbe stato impressionante. Il nostro parco giochi è un’intera galassia. E non una galassia qualsiasi. La Via Lattea è l’ambientazione di Elite Dangerous, costruita in scala spaventosa. È una galassia popolata da buchi neri, soli gargantueschi, anomalie spaziali e astronavi che si muovono come minuscoli granelli di polvere su un tavolo inconcepibilmente grande. È ancora familiare e autenticamente Elite, ma arricchito da una tecnologia che avrebbe sconcertato le menti nel 1984, quando 256 pianeti erano un’enormità.Il modo in cui ci si ritaglia una vita in questa galassia è comunque molto simile, sia che si diventi commercianti, riempiendo la stiva di alghe e microchip, sia che si diventi mercenari, combattendo in una guerra interstellare. È fantastico e, grazie alle mod di Elite Dangerous, i giocatori lo stanno migliorando con elementi come l’intelligenza artificiale delle navi che reagiscono ai comandi vocali. Frontier continua inoltre a ingrassarlo con aggiornamenti gratuiti insieme all’espansione Elite: Dangerous’ Horizon. E se siete abbastanza fortunati da possedere un Oculus Rift, allora vi aspetta un’esperienza fantastica, fino al momento in cui la vostra nave va fuori controllo e vi tuffate a capofitto in una sacca per le malattie.

10. Eve Valkyrie. Ci sono molte belle cabine di pilotaggio in VR, ma i creatori di Eve, CCP, hanno fatto del loro meglio quando hanno assunto il produttore di Mirror’s Edge, Owen O’Brien, per dirigere il loro gioco di simulazione di combattimento spaziale. Come il classico cult del parkour, Eve Valkyrie offre un’immersione in prima persona senza precedenti grazie a un centinaio di piccoli accorgimenti nelle animazioni, nell’arte e nel sound design: dal modo in cui la vostra nave si inclina in avanti mentre accelera fuori dall’hangar, alla vista delle vostre braccia al pannello di controllo, fino al rombo ovattato dei vostri propulsori. Ciò che Valkyrie cattura come altri giochi spaziali non fanno è la scala: la sensazione di pilotare una paperella di gomma in una vasca da bagno di proprietà di giganti di Eva come l’Amarr Titan. È impossibile non rendersi conto di essere a un passo da un parabrezza incrinato e da un vuoto freddo e spietato, con la sola manovrabilità a salvarvi dal fuoco feroce e inflessibile dei giocatori nemici. Non sorprende che Valkyrie sia uno dei migliori giochi spaziali VR su PC.

Leggi anche: I migliori giochi di cucina su PC

11. Endless Space 2. La storia, direbbe probabilmente un progettista di 4X, è qualcosa che emerge naturalmente dall’interazione dei sistemi in un gioco di strategia – lo scontro dei confini, una guerra non pianificata. Amplitude Studios non crede che questa sia una scusa valida.Hanno riempito Endless Space 2con tutta la fantascienza che può contenere, e dato che ha intere galassie da riempire, è già tanto. Qui incontrerete cristalli viventi, piccoli draghi, macchine da guerra riciclate e milioni di cloni di un tizio chiamato Horatio. È un universo ricco di idee stravaganti da godere e poi schiavizzare, se siete quel tipo di esploratori. Altrimenti, potrete impersonare un gruppo di alberi senzienti e spargere rami d’ulivo nello spazio conosciuto. I problemi sono risolti in un bellissimo motore di battaglia 3D che vede le vostre elaborate navi andare alla deriva nel vuoto in un drammatico balletto interplanetario. È come Football Manager, ma con monoliti cromati e più veloci della luce.


12. The Ur Quan Masters. Giocato da una prospettiva dall’alto, UQM è la lotta di un autostoppista per la galassia in un gioco di esplorazione, diplomazia, gioco di ruolo e combattimento. Il giocatore interpreta il comandante di una missione di ricerca perduta, inviata per ristabilire il contatto con la Terra. Tuttavia, una volta raggiunto il sistema Sol, si scopre subito che il terzo pianeta è stato conquistato dagli sgradevoli Ur-Quan. Senza i mezzi per liberare gli abitanti del pianeta o opporsi ai suoi oppressori, la vostra missione consiste nel partire per mondi lontani e trovare le risorse, gli alleati e gli indizi per aiutare a sconfiggere le bestie tentacolari con tre occhi che tengono in schiavitù l’umanità. Sebbene il modello di volo di UQM non sia molto più evoluto di una partita ad Asteroids, l’ampia galassia, popolata da centinaia di pianeti, stelle e lune – tutti scansionabili, visitabili e saccheggiabili – rende il gioco profondamente coinvolgente. Dover continuamente atterrare sui pianeti e raccogliere materiali da commerciare può diventare un po’ noioso, ma la scoperta di antichi segreti e la conversazione con le 18 razze uniche e spesso esilaranti del gioco (20 se si separano gli Zoq dai Fot e dai Pik) compensano ampiamente il fatto di dover affrontare costantemente così tanti pianeti identikit. Se l’incontro con il codardo capitano Fwiffo non vi fa innamorare immediatamente del gioco spaziale, allora probabilmente siete morti dentro.

13. Master of Orion 1 + 2. I fan discutono dal secolo scorso su quale dei giochi di Master of Orion sia il migliore della serie e sembrano essere d’accordo solo sul fatto che il terzo non lo sia affatto, il che rende il doppio pacchetto ampiamente disponibile con i primi due MOO un acquisto essenziale e privo di stress, almeno fino a quando Wargaming non finirà il suo reboot di MOO con l’aiuto di alcuni “membri chiave” del team originale. Uscito nel 1993, Master of Orion riprendeva i concetti del classico Civilization a turni di Sid Meier e li applicava a una galassia di pianeti anziché a una sola: invece di coloni umani di vario tipo e di biomi terrestri, i giocatori avevano a disposizione un’ampia gamma di tipi di pianeta e di razze da controllare e conquistare, come i Silicoidi, in grado di prosperare negli ambienti più ostili, anche se con un tasso di riproduzione glaciale. Se la forza trainante di Master of Orion e di tutti i migliori giochi di strategia successivi è stata il progresso tecnologico e il colonialismo, questo è stato il primo gioco spaziale del suo genere a puntare sulla diplomazia e a offrire un percorso di vittoria che permettesse di raggiungere una certa dose di pace galattica.Il seguito si spinse oltre, con razze personalizzabili e una vittoria politica che richiedeva l’elezione a Leader Supremo della galassia. Ciò che è innegabile è che MOO I e II sono importanti riferimenti storici, un’influenza seminale sulla conquista dello spazio a turni come i primi due giochi spaziali di Doom hanno stabilito e definito gli FPS. A differenza di Doom, però, MOO ha gettato un’ombra così lunga e monolitica sull’intero genere dei giochi spaziali che molti potrebbero affermare che i giochi Orion non sono ancora stati eclissati.

14. Mass Effect Legendary Edition. Mass Effect Legendary Edition rimasterizza i giochi spaziali originali in un unico pacchetto e offre l’esperienza definitiva per gli esploratori dello spazio. Come dice Jen nelle sue impressioni su Mass Effect Legendary Edition, “è il nuovo modo migliore per giocare alla trilogia”. Per i neofiti di Mass Effect, è vero che la trilogia non è caratterizzata da un gran numero di astronavi, ma si tratta comunque di un’avventura spaziale in cui si gira per i pianeti e si educano gli alieni, nonché di uno dei migliori giochi di ruolo di fantascienza a cui si possa giocare. Mass Effect vanta una storia e una serie di personaggi forti e, nonostante la totale mancanza di controllo diretto dell’astronave, si è al comando di una nave funzionante con la possibilità di esplorare la galassia. Sono stati fatti dei parallelismi – non da ultimo dalla stessa Bioware – tra la trilogia di Mass Effect e la serie classica di esplorazione Starflight, che alla fine degli anni ’80 si distingueva per essere uno dei primissimi giochi di esplorazione spaziale e che oggi si distingue per non essere mai stato superato in questo senso. In termini di trama, con tutta la tecnologia antica e la fine del mondo che conosciamo, la trama di Mass Effect è molto simile a quella di Starflight. In effetti Starflight potrebbe quasi essere visto come l’originale degli anni ’70 e la rivisitazione grintosa di Mass Effect in stile BSG, solo senza la risibile serie spin-off Galactica 80 a infangarne la reputazione.

15. FTL: Faster Than Light. Lo spazio è terribile e probabilmente vi ucciderà: questa è la lezione che FTL cerca di impartire ai coraggiosi spacefarer. Il gioco di gestione navale con permadeath è, in superficie, una semplice corsa per consegnare informazioni nelle mani dei vostri alleati, ma siete inseguiti. A ogni deviazione esplorata, la flotta nemica si avvicina sempre di più e anche se riuscite a precederli, la morte casuale è in agguato dietro ogni angolo. Incontri violenti casuali, shopping, nuovi mondi e razze, navi e configurazioni sbloccabili, un sacco di armi e strumenti strani e meravigliosi: c’è così tanto in FTL che ogni partita ha il potenziale per essere drammaticamente diversa. In una di queste partite potreste gestire un’astronave resistente che utilizza cannoni a ioni per disattivare i sistemi nemici e droni per bombardarli con i laser. Un altro potrebbe ispirarvi a usare il controllo mentale per sconfiggere i vostri nemici o i teletrasporti per riempire le loro navi con il vostro equipaggio. Molte cose possono andare storte. A volte è colpa tua, come quando sbagli un combattimento e finisci rapidamente a cercare di ricucire le falle dello scafo e spegnere gli incendi. Ma a volte la fortuna non è dalla vostra parte, come quando accettate di aiutare una stazione spaziale ad affrontare una pestilenza e uno dei vostri equipaggi si ammala. Ma ogni tentativo fallito è una storia completa, piena di avventure e disavventure, e un’ottima scusa per fare un altro valoroso tentativo.

Leggi anche: I migliori giochi di dinosauri su PC

16. Distant Worlds: Universe. Un altro gioco spaziale 4X da aggiungere alla lista, ma in realtà Distant Worlds è qualsiasi cosa vogliate che sia, e noi ne siamo rimasti piuttosto colpiti nella nostra recensione di Distant Worlds: Universe. È un gioco di esplorazione in cui si ha una nave che fa parte di un enorme impero e si passa tutto il tempo a girare per la galassia. Un gioco di commercio, in cui un occhio è sempre puntato sul vostro conto in banca, mentre l’altro osserva affamato gli alieni, alla ricerca di buoni affari e opportunità diplomatiche. Un gioco in cui si è padroni di tutto, mettendo il dito in ogni possibile pasticcio, dalle questioni militari alla colonizzazione. È enorme, incredibilmente, esageratamente enorme. Viene simulata un’intera galassia, da commercianti privati che fanno i loro affari a pirati che combinano guai.È il gioco spaziale 4X più ambizioso che si possa trovare. In fondo, è uno strumento per creare le proprie galassie in cui giocare. I giocatori possono curare il gioco a tal punto che una partita non potrebbe avere alcuna somiglianza con l’altra. Tutto, dall’età della galassia all’aggressività dei pirati, può essere dettato prima ancora di iniziare la partita.

17. Star Wars: TIE Fighter Special Edition. LucasArts potrebbe essere morta, e si potrebbe sostenere che è morta molto prima di chiudere ufficialmente, ma avremo sempre dei ricordi di ciò che era una volta, con giochi spaziali brillanti come il fenomenale Star Wars: TIE Fighter di Totally Studio, il sequel cattivo di X-Wing. Il suo predecessore era ottimo, non c’è dubbio, ma la campagna di TIE Fighter permette di giocare nei panni di un Imperiale, e il Diavolo è sempre più divertente. Inoltre, rispetto a X-Wing, il gioco è stato migliorato in tutti i suoi aspetti, dalla grafica – ora molto datata, è vero – all’aggiornamento del puntamento che permetteva ai piloti di concentrarsi su parti specifiche di una nave capitale o di una stazione nemica. Non si tratta di uno sparatutto spaziale arcade come il suo successore, la serie Rogue Squadron. Si tratta prima di tutto di una simulazione spaziale, che comporta una maggiore complessità ma anche un maggiore controllo. Ad esempio, se si viene colpiti dal fuoco laser di un fastidioso X-Wing e la nave è stata danneggiata, si assegna l’ordine di riparazione dei sistemi, consentendo di stabilire le priorità in modo da poter sopravvivere per qualche secondo in più. Quanto basta per vincere il combattimento. Essendo un gioco vecchiotto, dovrete smanettare un po’ per ottenere un’esperienza ottimale.


18. Sins of a Solar Empire: Rebellion. Un gioco che riesce a combinare il meglio della strategia in tempo reale in 3D – anche se senza una vera e propria campagna per giocatore singolo – con il tipo di costruzione dell’impero offerto solo dai migliori giochi spaziali 4X. Peccati di un Impero Solare: Rebellion si gioca su una rete di stelle definita dall’utente. I giocatori iniziano a creare un impero attorno ai pozzi gravitazionali dei pianeti con cantieri navali, avamposti di ricerca, estrattori e sistemi di difesa, quindi assemblano flotte che combinano fregate, corvette, incrociatori e navi capitali per mappare e infine conquistare i sistemi vicini. Nelle versioni precedenti di Sins of a Solar Empire, la conquista era in gran parte ottenuta secondo l’antico metodo degli RTS, ovvero trascinando un’enorme scatola attorno a ogni singola nave che si possedeva e dirigendola verso i sistemi nemici, in modo da permettere alla pura forza dei numeri di avere la meglio. Tuttavia, con l’introduzione delle vittorie diplomatiche in una precedente espansione e delle vittorie per la ricerca e l’occupazione come parte dello standalone Rebellion del 2012 – per non parlare delle nuove navi titano simili alla Morte Nera come necessaria controparte alle strutture ultra-difensive delle basi stellari – le situazioni di stallo che spesso causavano il fallimento delle partite possono essere perseguite come strategie potenzialmente vincenti. E non dimentichiamo i mod che permettono di giocare con le proprie fantasie su Star Wars o Battlestar Galactica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.