I migliori giochi di cavalieri per PC

By | Settembre 6, 2022
giochi di cavalieri

State cercando un elenco dei migliori giochi medievali per PC? I giochi di cavalieri per PC sono meno comuni di quanto si possa pensare. È raro il videogioco che non presenti almeno una spada, un’armatura o un pollo arrosto, ma di solito sono mescolati con eremiti barbuti che lanciano palle di fuoco magiche, di cui il contadino medievale medio aveva una conoscenza molto limitata. A tal fine, abbiamo stilato un elenco dei migliori giochi di cavalieri per PC che rinunciano a tutte le profezie e ai giochi pirotecnici per un po’ di buona vecchia azione acciaio su acciaio. Strane donne sdraiate in stagni che distribuiscono spade, dopo tutto, non è la base per un sistema di governo. Allo stesso modo, un negromante di livello dieci contro un fabbro che indossa un sacco di patate non è la base per un combattimento equo. Non c’è niente di più soddisfacente che rilassarsi nella taverna locale dopo una dura giornata passata a spulciare la porcilaia del vostro signore per ottenere qualche spicciolo. Quindi, mettete da parte la pozione curativa e preparatevi ad applicare abbondantemente le sanguisughe su tutte le ferite che potreste avere, prima di vivere una misera vita di povertà e probabilmente morire di peste. Ecco i migliori giochi di cavalieri per PC.


Leggi anche: 7 fantastici giochi di zombie per PC

Ecco i migliori giochi di cavalieri per PC

1. Game of Thrones: Winter is Coming. Ok, non arrabbiatevi, ma tecnicamente non si tratta di un gioco medievale. Tuttavia, quando ha creato il mondo di Westeros, è chiaro che George R. R. Martin è stato fortemente influenzato dalla storia medievale e, di sicuro, questo gioco riesce a catturare quella sensazione medievale nello stesso modo in cui i libri e la serie TV hanno fatto prima di lui. In Game of Thrones: Winter is Coming, si vestono i panni di un lord o di una lady che cercano di costruire la propria base di potere dopo la morte di Eddard Stark. Il gioco utilizza un gameplay MMORTS che consente di sviluppare la propria città e di costruire un esercito. È un ottimo modo per tradurre le complesse sfumature politiche di questo mondo fantasy nel mezzo del videogioco.

2. Conqueror’s Blade. Conqueror’s Blade è un MMO free-to-play ambientato nel cruento Medioevo, in cui si gioca nei panni di un signore della guerra al comando di un esercito, che guida le unità scelte in epiche battaglie PvP 15v15. È possibile sorvegliare il campo di battaglia sia da una prospettiva in terza persona che dall’alto, per assicurarsi di trarre ogni vantaggio dal proprio posizionamento. Partecipate a battaglie campali e d’assedio e potete esercitare un enorme controllo sul vostro stile di combattimento grazie all’enorme numero di armi e unità che potete personalizzare. Certo, si può andare in battaglia con spada e scudo, oppure il proprio signore della guerra può brandire glaives, mauls o persino un enorme nodachi giapponese. Per alzare la posta in gioco, potete unirvi a una casata e diventare parte di una forza combinata più grande: le casate si impegnano in battaglie su larga scala come le Guerre territoriali e, se siete fortunati, i vostri compagni di casata condivideranno ricompense e risorse per aiutarvi a far crescere la forza del vostro esercito.

3. Mount and Blade 2: Bannerlord capisce cosa significhi il combattimento nei giochi cavalieri, e cioè la sensazione di far parte di una fossa di mosche estremamente pericolosa, lottando per pochi centimetri di spazio per colpire con la mazza la fronte di qualcuno, che poi muore all’istante perché è così che funzionano le mazze e le fronti. Non si è mai più lontani di una freccia nell’occhio dalla morte, il che significa che le grandi battaglie di Bannerlord sono assolutamente piene di vitalità, tensione e pericolo. Se questo gioco medievale si limitasse a creare varchi e a scambiare colpi, sarebbe comunque un gran bel gioco, ma le squallide schermaglie di Mount and Blade 2: Bannerlord si svolgono in un enorme sandbox medievale. Fazioni e imperi in guerra, commercio, storie d’amore, incursioni di banditi, missioni secondarie, duelli nell’arena e gestione della città sono tutti elementi che coesistono. Inoltre, le battaglie stesse presentano un intero livello RTS, che consente di ordinare le truppe in formazioni e impartire ordini. Il gioco diventa un ibrido tra i vostri giochi di strategia preferiti, i giochi open-world, i giochi di simulazione e i giochi dei cavalieri, dando vita a qualcosa di totalmente e unicamente Bannerlord. Al momento in cui scriviamo, Mount and Blade 2: Bannerlord è ancora in fase di accesso anticipato, quindi ci sono ancora alcuni punti deboli da limare, crepe da appianare e corazze da recuperare. Tuttavia, anche in questa fase, è ancora uno dei migliori giochi medievali in circolazione. Per gli appassionati di battaglie enormi ed emozionanti, o semplicemente di spostamenti da una città all’altra vendendo grandi quantità di formaggio.

4. Crusader Kings 3. I giochi nel medioevo di grande strategia di Paradox Interactive hanno la reputazione di essere impenetrabili, ma scommettiamo che la situazione cambierà con l’uscita di Crusader Kings 3. Il gioco cavalieri non è solo il più accessibile dell’opera di Paradox, ma lo è anche senza sacrificare la profondità, il che lo rende uno dei migliori giochi medievali in circolazione. Non solo è il più immediatamente accessibile dell’opera di Paradox, ma lo fa senza sacrificare un centimetro di profondità, rendendolo uno dei migliori giochi medievali in circolazione. Crusader Kings 3 si distingue dalla massa dei giochi medievali per un motivo importante: parla di persone, non di imperi. Tanto un gioco di ruolo quanto un gioco di carte geografiche cariche di statistiche (forse anche di più), una sessione media di Crusader Kings 3 si concentra sui trionfi, i fallimenti, le vittorie e i dolori di un singolo sovrano e delle persone a lui vicine. È fondamentalmente una scatola magica su cui cliccare per far uscire storie fantastiche. Un giorno potreste incaricare il vostro spymaster di inventare le prove che vostro cugino di secondo grado ha praticato la stregoneria, solo per avere una scusa per imprigionarlo e privarlo di terre e titoli. Oppure, potreste trascorrere una vita dedicata alla vostra fede solo per creare il vostro ramo scissionista che adora la natura e passare gli anni del crepuscolo a governare nudi come stelle, ma con una gloriosa corona imperiale. Ce n’è per tutti i gusti, o almeno per tutti coloro che amano un po’ di connivenza, pugnalate alle spalle e tradimenti.

Leggi anche: I migliori giochi di fantasmi per PC

5. Mordhau. Ok. È ora di affrontare la domanda più scottante. Che senso hanno tutti questi giochi di cavalieri se nessuno di essi mi permette di aggirarmi per il campo di battaglia facendo la serenata ai giocatori con un liuto? Mordhau ti ascolta, amico. Mordhau è la risposta alle tue preghiere. Proprio come il noto gioco di carte The Witcher 3 ha costruito un intero RPG open-world attorno al Gwent, Mordhau presenta un intero gioco PvP in prima persona costruito attorno al suono del liuto. Sebbene il nucleo del combattimento di Mordhau sia un frenetico corpo a corpo con spada e scacchiera, sono presenti anche battaglie d’assedio, cavalli, combattimenti a distanza e costruzione di fortificazioni. Con il giusto equilibrio tra azione multigiocatore intensa e stupidità medievale, Mordhau è il gioco di cavalieri ideale per quando si ha assolutamente bisogno di far sembrare i propri avversari come il cavaliere nero del Santo Graal.


6. Kingdom Come: Deliverance. Oggi lo diamo per scontato, come dice l’antico detto, ma un singolo Dorito ha più sapore di nacho estremo di quello che un contadino del 1400 avrebbe ottenuto in tutta la sua vita. La vita era sicuramente dura a quei tempi e viene da chiedersi perché altri giochi medievali non abbiano sfruttato l’ambientazione. Ecco Kingdom Come: Deliverance, un gioco dei cavalieri che sa che avete bisogno di una fuga dalla realtà, e quindi vi permette di diventare un ventenne dal lavoro precario in un mondo pieno di incertezza, disuguaglianza e malattie dilaganti. Se solo fosse, eh? Kingdom Come: Deliverance si distingue dagli altri giochi di cavalieri gratis per il fatto di puntare sul disempowerment come meccanica centrale, pur offrendo quel tipo di mondo diretto e pieno di personaggi e missioni che manca a molti giochi di sopravvivenza dedicati. Ambientato nella Boemia medievale, ci si cala nei panni di Henry di Skalitz, figlio di un fabbro, e ci si lancia subito in missioni epiche come “butta la cacca a casa di un uomo” e “compra del carbone”. Le cose si movimentano presto, però, perché la vita di Henry viene presto stravolta dalla guerra civile che sta sconvolgendo il paese. La Boemia medievale è realisticamente fangosa e una vera bellezza da esplorare, sia a piedi che a cavallo. Per quanto riguarda i giochi medioevo che permettono di vivere la storia di un individuo decisamente non eroico, c’è poco altro di simile.

7. A Plague Tale: Innocence. Anche i giocatori che non sono normalmente interessati ai giochi del medioevo riconosceranno il recente lavoro dello sviluppatore Asobo Studio su Microsoft Flight Simulator 2020, e quelle stesse capacità tecniche sono in bella mostra in A Plague Tale: Innocence, infestato da topi e dall’atmosfera cupa. Prendendo spunto dai giochi stealth e di azione e avventura, Plague Tale segue il viaggio della quindicenne Amicia e del suo fratellino Hugo, che cercano di sopravvivere in un tetro mondo medievale colpito da un’epidemia quasi apocalittica di ratti soprannaturali. È intenso, cinematografico e, a volte, straziante. Un viaggio tutt’altro che facile, ma che vale la pena di intraprendere.

8. Total War: Medieval II. Prima che ci fossero i pirati zombie e i ratti che lanciano nuvole di Total War: Warhammer II, c’era un gruppo di tizi in armatura con bastoni appuntiti pronti a combattere e morire per il diritto del loro signore di mangiare pavone sette volte a settimana invece che solo sei. Total War: Medieval II non è solo un classico della serie Total War, ma anche uno dei migliori matrimoni tra giochi medievali e di grande strategia. Anche se forse offre un roster di unità meno vario rispetto ai giochi successivi, l’applicazione strategica immediatamente riconoscibile delle unità di fanteria, cavalleria e missili di Medieval II lo rende un ottimo punto di ingresso nella serie per i nuovi giocatori. È anche ricco di caratteristiche interessanti che non sono state introdotte nei giochi Total War più recenti, come gli entusiasmanti discorsi (spesso in stile Python) che i generali pronunciano prima di una battaglia.

9. For Honor. Molti dei giochi tipici del medioevo che abbiamo trattato finora si sono concentrati sugli aspetti strategici o di simulazione. For Honor, invece, si concentra sullo scontro immediato tra acciaio e acciaio. Sebbene presenti una campagna narrativa, For Honor è principalmente un’esperienza PvP dedicata. I giocatori scelgono una delle tre fazioni – vichinghi, cavalieri o samurai – e prendono parte a intense battaglie competitive a squadre, caratterizzate da un’atmosfera cinematografica grazie ai combattenti NPC di tutte le fazioni. For Honor è uscito da abbastanza tempo per trovare una comunità competitiva consolidata, quindi i nuovi giocatori potrebbero trovarsi di fronte a una curva di apprendimento ripida. Tuttavia, perseverando, sarete ricompensati con duelli graficamente impressionanti e ricchi di carne, oltre a una risposta alla vecchia domanda “il mio papà samurai potrebbe battere il tuo papà vichingo?”

10. Bad North. I titoli di strategia possono far pensare a interfacce complesse, statistiche infinite e menu a forma di bambola matrioska. Bad North è l’opposto e si rivolge agli appassionati di strategia con la sua interfaccia minimale ed elegante. Costruito sui solidi pilastri del genere, come gli abbinamenti sasso-carta-forbice e il posizionamento delle unità, Bad North vi vede difendere una serie di isole generate proceduralmente dagli invasori vichinghi. I potenziamenti tra le missioni e l’aumento costante della sfida e della complessità rendono le cose interessanti. Inoltre, è semplicemente bello da vedere, almeno fino a quando i vostri piccoli e adorabili soldati non vengono presi a colpi d’ascia in faccia e la neve fresca e invitante si macchia di rosso con le loro interiora. Come ho detto, roba adorabile.

11. Northgard. Gli amanti dei giochi vichinghi noteranno che questo gioco medioevo è molto simile all’ultimo che abbiamo elencato. Sì, entrambi contengono la parola “nord”. E sì, entrambi presentano vichinghi in qualche modo. Ma mentre Bad North è un uovo roguelite minimalista, Northgard è un gabbiano RTS in piena regola, che scende in picchiata per rubare il vostro tempo e forse le vostre fiches. Non si tratta di uno di quei giochi RTS del tipo costruisci-clicca-attacca. Ha quello, certo, ma anche un sistema di gestione delle città ben congegnato. Le nuove reclute possono essere assegnate a vari ruoli nei vostri insediamenti e le diverse condizioni di vittoria permettono di creare diversi stili di gioco. Inoltre, se si ottiene il DLC, ci sono i gatti da battaglia. Perfetto.


Leggi anche: I migliori giochi di calcio per PC

12. Age of Empires II. La data di uscita di Age of Empires 4 si avvicina ogni giorno di più, ma questo non ha impedito agli sviluppatori di stuzzicare il nostro appetito con un piatto di edizioni definitive e migliorate per l’amata serie. Certo, non si tratta di una serie di giochi medievali in senso stretto, ma ogni periodo storico che affronta viene gestito così bene da farci dire che è assolutamente importante. A dimostrazione di quanto fossero ben fatti questi titoli classici, non solo c’è una grande attesa per il prossimo capitolo, ma le edizioni definitive sono state accolte in modo estremamente positivo sia dai vecchi che dai nuovi giocatori. Il gioco è caratterizzato da combattimenti RTS classici con un’enorme varietà di unità, scambi commerciali e ampi alberi tecnologici. Il gioco ha ancora una scena competitiva piuttosto sana.

Ecco quindi i migliori giochi medievali per PC, per tutte le vostre esigenze di spaccare teste, indossare cotte e bere idromele. Sentitevi liberi di inviare i vostri suggerimenti via corvo, ma ricordatevi di condire e marinare accuratamente il corvo prima di farlo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.