Huawei e Xiaomi contro il coronavirus

Huawei e Xiaomi contro il coronavirus

Huawei e Xiaomi contro il coronavirus: ecco come i due marchi cinesi aiutano a non diffondere l’epidemia. Il coronavirus continua a tenere tutti in allerta mentre si diffonde senza freni attraverso la Cina, dove ha già ucciso 80 persone e infettato più di 2.700. L’incredibile velocità di questo virus mortale può essere conosciuto nel dettaglio nella mappa in tempo reale Coronavirus disponibile su Google Maps, in modo da poter seguire l’avanzamento globale del coronavirus.

Due dei giganti tecnologici del paese cinese, Xiaomi e Huawei, hanno voluto contribuire con un “piccolo gesto” in un momento complicato come questo per il loro paese. Pertanto, entrambe le società si sono mosse per dare il loro contributo, come l’invio di materiale o il posizionamento di stazioni 5G vicino all’ospedale in costruzione a Wuhan.

Epidemia in Cina: che cos’è il Coronavirus? Tutto quello che sappiamo

Huawei e Xiaomi contro il coronavirus: ecco come aiutano i due marchi cinesi

Le grandi aziende tecnologiche cinesi, Huawei e Xiaomi, hanno avviato varie misure per aiutare principalmente a Wuhan, la città dove è iniziata la diffusione del coronavirus ed è attualmente in quarantena. Dopo aver ritardato uno dei suoi principali eventi dell’anno a causa del virus, Huawei ha inviato un team di 150 collaboratori in città per aiutare Hubei Mobile e Hubei Unicom nella costruzione di stazioni 5G.

Secondo Gizchina, queste stazioni si trovano vicino all’ospedale che è in costruzione proprio ora a Wuhan e dovrebbe essere pronte prima del 3 febbraio. In soli 3 giorni, le società di telecomunicazioni hanno pianificato il progetto, creato le stazioni e messo in funzione.

Con questa misura, i tre operatori più importanti di Wuhan assicurano una connessione ultraveloce nell’area ospedaliera, che consentirà di eseguire con solvibilità servizi come l’accesso ai dati. Inoltre, Huawei ha istituito un’apparecchiatura di protezione speciale per il sistema di videoconferenza della Commissione per la salute e la medicina della regione di Hubei, per garantire che le comunicazioni possano essere stabilite senza problemi.

Per quanto riguarda Xiaomi, l’azienda ha collaborato fin dai primi giorni aggiungendo una scheda informativa sul coronavirus nell’app Mi Health per i suoi utenti cinesi. In questo modo, i cittadini possono rimanere informati con le ultime notizie su questo pericoloso virus.

Dopo questa misura, e come riporta Gizmochina, Xiaomi ha inviato a Wuhan il primo carico di materiale medico, costituito da maschere N95, maschere mediche e termometri. In totale, questa prima spedizione è stata valutata in 300.000 yuan, circa 40.000 euro.

OPPO, Vivo, Lenovo e TCL sono altre società che stanno aiutando contro il coronavirus

Inoltre, dal suo account Weibo ufficiale, Xiaomi ha confermato che sta ancora analizzando lo stato del coronavirus per inviare ulteriori forniture alla città di Wuhan nei prossimi giorni. Con questa misura, l’azienda si unisce al colosso delle vendite al dettaglio JD.com, che ha annunciato la donazione di 1 milione di maschere mediche.

Epidemia in Cina: le maschere mediche sono utili contro il coronavirus?

Non mancano neppure gli aiuti finanziari alla regione cinese più colpita dal coronavirus. Huawei ha donato 30 milioni di yuan, circa 4 milioni di euro, per la prevenzione e il controllo dell’epidemia, lo stesso importo che hanno inviato OPPO e Vivo, mentre TCL ha partecipato con una donazione di 10 milioni di yuan, circa 1,3 milioni di euro.

Come possiamo vedere con tutte queste azioni, le società tecnologiche cinesi (e anche di altri settori) si sono messe in moto per dare una mano nella lotta contro il coronavirus, un aiuto necessario per l’intera popolazione del paese che sta subendo le conseguenze di questo virus letale.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*