Prompt dei comandi a cosa serve e come accedere

By | Marzo 24, 2022
Prompt dei comandi

Se non hai familiarità con il prompt dei comandi di Windows, ecco una guida di base alla riga di comando per principianti. Molti utenti Windows non hanno mai toccato ne sentito parlare del prompt dei comandi. Con i sistemi operativi avanzati di oggi, è facile usare un computer senza mai preoccuparsi di inserire comandi di testo nella riga di comando. Tuttavia, sarebbe una cosa buona acquisire familiarità con le basi di questa funzionalità di Windows. Ti aiuta ad apprezzare di più il sistema operativo e può tornare utile per alcune attività o risolvere alcuni problemi. Se ti interessa, ecco una guida per principianti al prompt dei comandi di Windows.

Leggi anche: Come aprire il prompt dei comandi in Windows 10

Che cos’è prompt dei comandi?

Il prompt dei comandi, ufficialmente chiamato Processore dei comandi di Windows e spesso abbreviato in CMD, è l’interfaccia della riga di comando per i sistemi operativi Windows. Un’interfaccia a riga di comando è un modo per interagire direttamente con un computer utilizzando comandi di testo. Questi risalgono ai primi giorni dei computer, quando dovevi digitare i comandi nel terminale per eseguire processi sulla macchina. I primi sistemi operativi per PC, come MS-DOS, operavano esclusivamente tramite interfacce a riga di comando. Non c’erano il cursore del mouse, la gestione delle finestre o altri elementi dell’interfaccia utente grafica (GUI) come oggi diamo per scontato.

Un altro termine che dovresti conoscere è la parola “shell”, che viene utilizzata per descrivere un programma che consente all’utente di impartire comandi al computer. Quindi un’interfaccia a riga di comando, così come una GUI, sono entrambe shell. Le prime versioni di Windows, come Windows 3.1, funzionavano effettivamente come interfaccia visiva su DOS. Le versioni successive, compreso Windows 95 tramite Windows ME, includevano anche l’integrazione MS-DOS. Questi consentivano di eseguire comandi tramite il prompt di MS-DOS, come veniva chiamato in quel momento il prompt dei comandi.

A partire da Windows XP, Windows si è staccato da MS-DOS. Tuttavia, nelle versioni moderne di Windows, puoi ancora utilizzare il prompt dei comandi per interfacciarti direttamente con il tuo computer invece di fare clic sui vari menu. Il prompt dei comandi può anche eseguire file batch, che sono un ottimo modo per automatizzare le attività. Gli utenti esperti preferiscono il prompt dei comandi per alcune attività, poiché è possibile eseguire azioni con poche semplici sequenze di tasti che richiederebbero dozzine di clic nella GUI.

Leggi anche: Come avviare il Prompt dei comandi in Windows XP, 7 e 8

Come accedere al prompt dei comandi Windows 10

Esistono alcuni modi per avviare il prompt dei comandi in Windows. Di seguito i più adatti:


  1. Digita “prompt dei comandi” nel menu Start per cercarlo. Se preferisci, puoi anche digitare “cmd” (il nome breve dell’eseguibile che esegue il prompt dei comandi).
  2. Premi Win + R per aprire la casella Esegui, quindi digita “cmd” e premi Invio per aprirla.
  3. Premi Win + X (o fai clic con il pulsante destro del mouse sul pulsante Start) e scegli Prompt dei comandi dal menu. A seconda delle impostazioni di Windows, potrebbe invece essere visualizzato Windows PowerShell. PowerShell è più potente del prompt dei comandi, ma può eseguire tutti gli stessi comandi.

Ognuno di questi aprirà il prompt dei comandi con autorizzazioni regolari. Molti comandi utili richiedono i permessi di amministratore, che falliranno con una normale finestra CMD. Per accedere a prompt dei comandi come amministratore, tieni premuto Ctrl + Maiusc quando avvii una delle prime due opzioni sopra. Se utilizzi la terza opzione, scegli invece Prompt dei comandi (amministratore). Ciò richiederà di accettare un prompt UAC, quindi dovrai accedere a un account amministratore o fornire una password amministratore.

Leggi anche: Il PC non si spegne, 8 soluzioni

Nozioni di base sul prompt dei comandi

Nell’aprire il prompt dei comandi, vedrai alcune informazioni di base sulla tua attuale versione di Windows. Vedrai quindi una riga come la seguente:

C:\Utenti\Nome utente>


Questa è la tua posizione attuale. Tutti i comandi che esegui che si basano sulla posizione (come l’eliminazione di file) verranno eseguiti in questa cartella. Altri comandi CMD sono più generali e non si basano sul fatto che tu sia in una posizione specifica. È importante sapere che quando si lavora nel prompt dei comandi, è necessario digitare i comandi esattamente come dovrebbero essere. Poiché stai impartendo comandi direttamente al tuo computer, non capirà se digiti qualcosa di sbagliato. Se digiti un comando che il tuo computer non riconosce, vedrai un messaggio che dice [Comando] non riconosciuto… e Windows non farà nulla.

Questo non è un problema; è rischioso digitare accidentalmente il comando sbagliato o utilizzare un comando in un modo non previsto. Ad esempio, quando provi a eliminare un file, potresti dirgli accidentalmente di eliminare invece un’intera cartella. La riga di comando eseguirà tutto ciò che gli dici, purché sia ​​un’opzione valida. Quindi dovresti sempre controllare cosa hai scritto prima di premere invio.

Leggi anche: Come proteggere il PC, 5 metodi

Alcuni comandi del prompt dei comandi

Esistono molti comandi da utilizzare nel prompt dei comandi e la maggior parte di essi non sono intuitivi per i nuovi arrivati. Impararli richiede un po’ di tempo, quindi è meglio utilizzarne alcuni alla volta e costruire lentamente le tue conoscenze. Diamo un’occhiata a una manciata di comandi CMD che ne illustrano l’uso per un principiante. Tuttavia, questi sono solo un piccolo esempio di ciò che il prompt dei comandi può fare. Quando sei pronto per andare avanti, dai un’occhiata ad altri comandi CMD che dovresti conoscere, così come al nostro cheat sheet di comandi utili.

Ricevere aiuto

Digitando help verranno elencati molti comandi comuni che è possibile utilizzare. Questi ti consentiranno di iniziare, quindi non devi cercare i nomi dei comandi da solo. Se desideri informazioni più specifiche su come utilizzare un determinato comando, digitalo seguito da /?. Questo ti offre più aiuto, oltre a opzioni aggiuntive per modificare il modo in cui funziona.

Elenco e modifica di directory

Il comando dir, che è l’abbreviazione di directory, elencherà il contenuto della cartella in cui ti trovi attualmente. Come accennato in precedenza, puoi verificarlo guardando la cartella che appare a sinistra del comando corrente. Per cambiare la tua posizione attuale, usa cd (abbreviazione di change directory ) seguito dalla cartella che vuoi visitare. Le cartelle disponibili sono contrassegnate con <DIR> quando si esegue il comando dir. Quindi, ad esempio, per passare alla cartella Desktop dalla cartella utente predefinita, digitare cd Desktop. E per salire di una cartella, usa la scorciatoia cd

Creazione ed eliminazione di file e cartelle

Usa mkdir [nome nuova cartella] (crea directory) per creare una nuova cartella. Ad esempio, mkdir Awesome Pics creerà una cartella chiamata Awesome Pics. Allo stesso modo, rmdir [nome cartella] (rimuovi directory) eliminerà una cartella, ma solo se è vuota. Per eliminare un file, usa del [nome file].

Gestione CMD

Se c’è troppa confusione sullo schermo del prompt dei comandi, digita cls per cancellare il contenuto e ricominciare da capo. E se c’è un comando in esecuzione che vuoi annullare (forse sta impiegando troppo tempo), premi Ctrl + C per chiuderlo.

Comandi di rete e altro

Alcuni dei comandi del prompt dei comandi più utili riguardano la rete. Comandi come ping ti permettono di vedere se il tuo computer può raggiungere una destinazione remota e quanto tempo ci vuole. Nel frattempo, ipconfig ti consente di vedere la panoramica della rete per la tua connessione corrente.

Hai capito come si usa il prompt dei comandi?

Ora hai familiarità con il prompt dei comandi di Windows e anche con alcuni comandi, anche se non l’hai mai usato prima. Alcune attività, come la gestione di file e cartelle, sembreranno probabilmente goffe nella riga di comando se sei abituato a eseguirle con la GUI. Ma per altre attività, come sapere il tuo indirizzo IP, eseguire un comando CMD rapido è molto più indicato che fare clic su una serie di menu. Sebbene la maggior parte dei comandi CMD sono specifici per un ambiente Windows, Windows 10 ora consente di eseguire la shell Bash utilizzata da Linux, macOS e molti altri sistemi operativi. Vale la pena imparare se si utilizzano anche altre piattaforme.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.