Covid-19 non è una pandemia

By | Ottobre 11, 2020
Covid-19 non è una pandemia

Il coronavirus ha un effetto più negativo sulle persone che soffrono di alcune malattie che possono essere prevenute. Nel corso dei mesi, le misure per prevenire la diffusione del Covid-19 sono state inasprite o rese più flessibili in diverse parti del mondo a seconda dell’aumento o della diminuzione dei casi.

Mentre molti paesi in Europa stanno restringendo le attività sociali e ordinando le quarantene dopo aver registrato un numero record di casi, la Nuova Zelanda, ad esempio, è andata al livello di allerta più basso.


Tuttavia, questa strategia per affrontare il coronavirus è, secondo l’opinione di molti scienziati, troppo limitata per fermarne l’avanzata.

“Tutti i nostri interventi si sono concentrati sul taglio delle vie di trasmissione virale, per controllare la diffusione del patogeno”, ha recentemente scritto in un editoriale Richard Horton, redattore capo della prestigiosa rivista scientifica The Lancet.

“Covid-19 non è una pandemia”: gli scienziati che credono che il coronavirus sia una sindemica (e cosa significa questo per il suo trattamento).

Ma la storia di covid-19 non è così semplice.


Da un lato, dice Horton, c’è il SARS-CoV-2 (il virus che causa il Covid-19) e dall’altro una serie di malattie non trasmissibili. E questi due elementi interagiscono in un contesto sociale e ambientale caratterizzato da una profonda disuguaglianza sociale.

Il contagio è molto più alto nelle comunità impoverite che non possono rispettare le norme igieniche e di distanza sociale.

Queste condizioni, sostiene Horton, esacerbano l’impatto di queste malattie e quindi dobbiamo considerare il Covid-19 non come una pandemia, ma come una sindrome.

Non si tratta di un semplice cambiamento di terminologia: comprendere la crisi sanitaria che stiamo attraversando da un quadro concettuale più ampio apre la strada a trovare soluzioni più appropriate.

Uno più uno fa più di due


Il termine sindemico (un neologismo che combina sinergia e pandemia) non è nuovo.

È stato coniato dall’antropologo medico americano Merrill Singer negli anni ’90 per spiegare una situazione in cui “due o più malattie interagiscono in modo tale da causare danni maggiori della semplice somma di queste due malattie”.

“L’impatto di questa interazione è facilitato anche dalle condizioni sociali e ambientali che in qualche modo mettono insieme queste due malattie o rendono la popolazione più vulnerabile al loro impatto”.

L’interazione con l’aspetto sociale è ciò che lo rende non semplicemente una comorbilità.

Il concetto è emerso quando lo scienziato e i suoi colleghi stavano studiando l’uso di droghe nelle comunità a basso reddito negli Stati Uniti più di due decenni fa.

Hanno scoperto che molti di coloro che hanno iniettato droghe soffrivano di una serie di altre malattie (tubercolosi, malattie a trasmissione sessuale, tra le altre), e i ricercatori hanno iniziato a chiedersi come questi coesistessero nel corpo e hanno concluso che, in alcuni casi, la combinazione ha amplificato il danno.

Nel caso del covid-19, “vediamo come interagisce con una varietà di condizioni preesistenti – diabete, cancro, problemi cardiaci e molti altri fattori – e vediamo un tasso sproporzionato di esiti avversi nelle comunità povere, a basso reddito e delle minoranze etniche.

E malattie come il diabete o l’obesità, che sono fattori di rischio per covid-19, sono più comuni negli individui a basso reddito, aggiunge Tiff-Annie Kenny, ricercatore presso la Laval University in Canada, che lavora nell’Artico con popolazioni colpite da insicurezza alimentare, cambiamenti climatici e condizioni abitative che rendono difficile il rispetto delle raccomandazioni sanitarie come lavarsi le mani o mantenere le distanze sociali.

Ma non è così per la maggior parte delle malattie? Il più delle volte, non hanno un impatto maggiore sui gruppi con meno accesso a salute, cibo, istruzione e igiene? Non sono quasi sempre migliorati se combinati con un altro o con una condizione medica sottostante?

Per quanto riguarda l’interazione biologica, questo non è necessariamente sempre il caso, sottolinea lo scienziato.

“Ci sono prove crescenti che l’influenza e il comune raffreddore siano controindemici. Cioè, la situazione non peggiora. Se una persona è infettata da entrambi (virus), una (delle malattie) non si sviluppa”.

E per quanto riguarda l’aspetto sociale, l’elemento chiave nel caso di una sindemia è che aggiunge l’interazione delle malattie.

Cambio di strategia

Analizzare la situazione attraverso la lente della sindemica, afferma Kenny, permette di passare dal classico approccio epidemiologico del rischio di trasmissione, a una visione della persona nel suo contesto sociale.

È una posizione condivisa da molti scienziati che ritengono che per fermare l’avanzata e l’impatto del coronavirus, sia fondamentale prestare attenzione alle condizioni sociali che rendono alcuni gruppi più vulnerabili alla malattia.

“Se davvero vogliamo porre fine a questa pandemia i cui effetti sono stati devastanti sulle persone, sulla salute, sull’economia, o con future pandemie di malattie infettive (ne abbiamo viste una dopo l’altra arrivare sempre più frequentemente: AIDS, Ebola , SARS, zika e ora covid-19), la lezione è che dobbiamo affrontare i fattori strutturali che rendono più difficile per i poveri l’accesso alla salute o ad una dieta adeguata”, aggiunge.

“Il rischio di non farlo è affrontare un’altra pandemia come il Covid-19 nel tempo necessario a una malattia esistente per sfuggire al mondo animale e passare agli esseri umani, come è avvenuto con Ebola e Zika, e che continuerà a verificarsi mentre continuiamo a invadere lo spazio delle specie selvatiche, o come risultato del cambiamento climatico e della deforestazione”.

Il direttore di Lancet Richard Horton è conclusivo: “Non importa quanto sia efficace un trattamento o quanto sia protettivo un vaccino, la ricerca di una soluzione puramente biomedica per COVID-19 fallirà”.

E conclude: “A meno che i governi non progettino politiche e programmi per invertire profonde disparità, le nostre società non saranno mai veramente al sicuro da COVID-19”.

Leggi anche: Carlo Acutis, il giovane influencer beatificato dal Papa


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *