Cosa fare quando il disco rigido non funziona

By | Novembre 24, 2021
disco rigido non funziona

Pensi che il tuo disco rigido è rotto? Ecco alcuni semplici metodi per verificare se il tuo disco rigido non funziona (e come salvare o recuperare i tuoi dati se è vero). La durata media di un disco rigido fisso è di circa cinque / dieci anni. Meno se l’unità è esposta a temperature variabili, umidità o botte. Realisticamente, il disco rigido di solito non dura più di 5 / 7 anni, e questo vale anche per gli SSD.


Come sapere se il tuo disco rigido non funziona: 3 sintomi

Nel migliore dei casi, i dischi rigidi si rompono un po’ alla volta, lasciandoti anche il tempo di salvare i tuoi dati prima di un guasto irreversibile. Ma come puoi esattamente sapere se il tuo disco rigido non funziona? Bene, allora …

1. Rallentamento del computer, frequenti blocchi, schermata blu della morte

Questa tripletta di guasti del tuo PC può avere un milione di cause diverse e un disco rigido rotto è una di queste. Se questi problemi si verificano dopo una nuova installazione o nella modalità provvisoria di Windows, la radice del male è quasi certamente l’hardware difettoso, probabilmente un disco rigido rotto.


Per escludere un problema con il tuo disco rigido, puoi eseguire una serie di strumenti diagnostici, ma dovresti iniziare esaminando i dati SMART (Self-Monitoring, Analysis and Reporting Technology) del tuo sistema operativo. Tieni presente che mentre Windows raccoglie automaticamente queste informazioni in background, è notoriamente inaffidabile nel prevedere un guasto del disco rigido e potresti riscontrare un malfunzionamento critico prima che si attivi un avviso SMART.

Per controllare manualmente lo stato SMART dell’unità, avrai bisogno di uno strumento di terze parti come CrystalDiskInfo. In Disco, seleziona il disco da scansionare e verifica lo stato di salute del tuo disco.


Se è possibile escludere problemi hardware dopo aver eseguito ulteriori strumenti di diagnostica, è necessario procedere al ripristino o alla reinstallazione del sistema operativo. Windows 10 ha un’opzione per conservare tutti i tuoi file, ma, per ogni evenienza, dovresti comunque fare un backup. Scorri verso il basso per ulteriori informazioni sul backup.

2. Dati corrotti e accumulo di settori danneggiati

I dati danneggiati possono essere visualizzati in innumerevoli modi diversi. Se vedi ripetutamente uno di questi sintomi, è probabile che il tuo disco rigido si sta per rompere:

  • Nomi di file o cartelle criptati
  • Messaggi di errore casuali durante l’apertura, lo spostamento o il salvataggio dei file
  • File che non si aprono
  • Dati danneggiati all’interno dei tuoi file
  • File o cartelle che scompaiono

Il danneggiamento dei dati si verifica al momento della creazione o dell’archiviazione dei dati. Potrebbe essere che un virus stia interferendo con i tuoi file, ma potrebbero anche essere solo settori danneggiati sul tuo disco rigido.


I settori danneggiati sono aree del disco rigido che non mantengono l’integrità dei dati. Windows maschera automaticamente i settori danneggiati, quindi non li noterai a meno che non si verifichino problemi con i dati danneggiati. Su un disco rigido rotto, i settori danneggiati possono accumularsi rapidamente, il che significa che vedrai questi problemi molto spesso.

Uno strumento di comando di Windows chiamato CHKDSK può aiutarti a recuperare i dati da settori danneggiati ed escluderli dall’uso futuro. Per una scansione rapida, premi Windows + E per aprire Esplora file, vai a Questo PC, fai clic con il pulsante destro del mouse sul disco o sulla partizione in errore e seleziona Proprietà.

All’interno della scheda Proprietà, passa alla scheda Strumenti e fai clic su Verifica. Se Windows rileva che “Non è necessario eseguire la scansione di questa unità”, puoi fare clic su Scansione unità per eseguire comunque lo strumento. Una volta fatto, puoi scegliere di correggere eventuali errori trovati.

Una scansione CHKDSK più approfondita può richiedere molto tempo e richiedere un riavvio. Se riesci a non utilizzare il tuo computer per un giorno, apri il prompt dei comandi come amministratore, ad esempio, fai clic con il pulsante destro del mouse su Start e seleziona Prompt dei comandi (amministratore), quindi esegui il seguente comando per recuperare i dati e correggere gli errori: chkdsk /rc: ( per il tuo C: drive). Inserire Y quando richiesto e CHKDSK verrà eseguito una volta riavviato il computer.

3. Strani suoni

Quando senti strani rumori provenire dal tuo disco rigido, sei nei guai. Un suono ripetitivo noto come il clic della morte è causato dalla testina che cerca di scrivere dati, fallisce, torna alla sua posizione iniziale e riprova più e più volte. Rumori stridenti indicano che alcune parti dell’hardware, come i cuscinetti o il motore del mandrino, non funzionano. A questo punto, sei fortunato se riesci a recuperare i dati dal tuo disco rigido

Cosa fare quando il disco rigido non funziona?

Quindi sospetti che un guasto al disco rigido sia dietro l’angolo? La verità è che probabilmente è cosi. Ecco cosa puoi fare.

Passaggio 1: eseguire il backup dei dati

La cosa migliore che puoi fare è mantenere sempre i backup dei tuoi dati su una seconda unità ed essere pronto a sostituirlo.

È improbabile che due unità si guastino contemporaneamente. Un’eccezione sarebbero i disastri naturali come inondazioni o incendi. In questi casi, ti consigliamo di conservare una copia dei tuoi dati più importanti in un luogo fisico diverso, ad esempio al lavoro o con un familiare o un amico.

Puoi anche utilizzare una soluzione di backup online come OneDrive o Google Drive. Se utilizzi Microsoft Office, valuta l’aggiornamento a un abbonamento a Microsoft 365, che ti offre la versione più recente di Office e 1 TB di spazio di archiviazione di OneDrive.

Passaggio 2: sostituire l’unità

Quando sei pronto per sostituire il tuo SSD o HDD, consulta la nostra guida su come scegliere l’unità giusta e installarla.

Passaggio 3: smaltisci in sicurezza il tuo vecchio disco

Prima di buttare via la tua vecchia unità, ricordati di cancellare l’unità per impedire a terze parti di recuperare i tuoi dati.

Qualunque cosa tu faccia, non gettare l’unità guasta nel cestino. L’elettronica contiene metalli preziosi e componenti tossici.

Non lasciare che il tuo disco rigido si guasti!

Non fare affidamento su segnali o software per sapere che il tuo disco rigido si sta rompendo. È più probabile che si romperà inaspettatamente e senza alcun segnale di avvertimento. Piuttosto che cercare di prevedere qualcosa che è ancora meno prevedibile del tempo, dovresti fare affidamento sul backup.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *