Come visualizzare le password WiFi salvate su un cellulare Android

By | Febbraio 6, 2020

Da un po’ di tempo dipendiamo da Internet per molte delle attività quotidiane che svolgiamo, che hanno a che fare con il lavoro o il tempo libero, anche per comunicare con i nostri contatti abbiamo spesso bisogno di questa connessione. Il nostro caro WiFi è stato un vero toccasana per la nostra velocità di trasmissione dati.


Ma di tanto in tanto, per qualsiasi motivo, dobbiamo accedere alla password del nostro WiFi, sia per darlo a un ospite, sia per inserirlo in un altro dispositivo e non ce l’abbiamo a portata di mano.

In questi casi,  vi spiegheremo un paio di metodi che possono aiutarti a vedere la password della tua connessione WiFi che hai memorizzato sul tuo telefonino, ma ti avvertiamo che è necessario avere l’accesso come root.

Leggi anche: Come sbloccare facilmente il Bootloader sul tuo telefono Android


Utilizzo delle applicazioni del Google Play

Google Play, come può essere altrimenti, può sempre fornirci gli strumenti di cui abbiamo bisogno per i nostri scopi, anche per accedere a parti del nostro software del telefono che di solito sono nascoste. Le password del nostro WiFi non fanno eccezione, quindi qui lasciamo un paio di esempi con una piccola spiegazione di come funzionano.

Prima di tutto, dobbiamo avvisare che queste applicazioni non rivelano le password delle reti WiFi che non sono state precedentemente collegate allo smartphone o “crackate”. Detto questo, ora ti daremo un paio di buoni esempi di applicazioni che ti permettono di vedere le password WiFi salvate.

WiFi Key Recovery (needs root)


WiFi Key Recovery è un’app estremamente semplice, tutto ciò che devi fare dopo averla installata è eseguirla, dargli i permessi root e basta. Ti mostrerà il nome delle reti che hai salvato, la password di ciascuna (psk) e il suo protocollo di protezione. Se si fa clic su una delle reti, è possibile copiare la password, tutti i dati sulla rete o generare un codice QR per consentire a un’altra persona di eseguire la scansione e accedervi rapidamente.

Se premi il pulsante menu (nel mio caso era nella barra di navigazione), puoi esportare tutti i dati dalle reti o dalla parte che desideri sulla tua scheda microSD o condividerli con i tuoi contatti.

WiFi Password Recovery

Come l’app precedente, WiFi Password Recovery è molto semplice, anche se in questo caso non ti chiederà di assegnargli automaticamente i permessi di root, ma devi farlo manualmente con il pulsante blu che appare sulla schermata principale dell’applicazione. In questo caso avrai tre schede, le reti salvate, quelle che rilevi intorno a te e un’altra di suggerimenti per app (pubblicità). Solo nelle reti che hai salvato puoi vedere le password.


In ogni rete avrai un pulsante per condividerla direttamente e, se premuto, puoi copiare la password negli appunti, condividerla con un amico o generare un codice QR. In basso a destra c’è un pulsante mobile che esegue immediatamente un backup delle reti che hai memorizzato nell’account.

Se hai effettuato un backup, puoi recuperarlo facendo clic sul pulsante del menu nell’angolo in alto a destra e toccare “Backup WiFi”. Se lo desideri, puoi anche disconnetterti dal tuo account Google in questa applicazione se, ad esempio, desideri salvare le reti in un’altra.

Questi sono solo due esempi che ho potuto testare personalmente e che funzionano perfettamente, ma ci sono alcune altre applicazioni con le stesse funzioni in Google Play. Quelli descritti qui sono sembrati i migliori e i più facili da usare.

Utilizzando un esploratore di file


Se non si desidera scaricare applicazioni di terzi per visualizzare le password delle reti WiFi e si dispone dell’accesso root, è possibile utilizzare un browser di file che consente di accedere alle cartelle di sistema.

Nel mio caso, a questo scopo, ho usato Esplora File Root Browser e nonostante abbia provato ES Explorer e CM, nessuno mi ha mostrato le cartelle di cui avevo bisogno.

Una volta che le autorizzazioni di root sono state concesse al tuo browser di file, dovresti individuare solo il file “wpa_supplicant.conf” (senza virgolette), che si trova nel percorso “data / misc / wifi” . Quando lo hai davanti, aprilo con un editor di testo (può essere quello che utilizza il browser o uno esterno, non importa).


Una volta eseguito, vedrai le informazioni sul tuo terminale, comprese le reti salvate, con la tua password e il protocollo di sicurezza. Da qui puoi decidere se vuoi copiare qualsiasi parte del testo o puntarlo ovunque, ma almeno saprai cosa fare. Sebbene questo metodo sia un po’ più complicato del precedente, è altrettanto efficace.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *