Come utilizzare iVerify per proteggere il tuo dispositivo iOS dagli hacker

By | Aprile 30, 2020
Come utilizzare iVerify per proteggere il tuo dispositivo iOS dagli hacker

Ogni sistema operativo e dispositivo ha i propri strumenti di sicurezza. Se usi un computer desktop, avrai familiarità con la vasta gamma di firewall, antivirus e malware e consigli di sicurezza generali. E i tuoi smartphone e tablet? Con più persone che passano al mobile computing e più tablet utilizzati come computer di fatto, la necessità di una soluzione di sicurezza mobile diventa sempre più pressante. Si è presentata una nuova soluzione per dispositivi iOS, chiamata iVerify. Per 5€ proteggerà il tuo dispositivo a costo della sua vita.


Ma … i dispositivi iOS non possono essere hackerati!

C’è un po’ di una pericolosa illusione che i dispositivi iOS siano inespugnabili. Che la crittografia su di essi li rende immortali a qualsiasi tentativo di hacking. Questo è sbagliato. Si è vero che i dispositivi iOS hanno estremamente buone caratteristiche di crittografia (a patto di ricordarsi di attivarle!). Ma nulla è garantito. I bug vengono rilevati continuamente, inclusi dieci bug nel solo iMessage. iVerify monitora tutte le potenziali vulnerabilità di sicurezza e segnala qualsiasi cosa ritenga sospetta. Ti dà anche una lista di controllo delle cose che devi fare per bloccare completamente il tuo telefono per rendere ancora più difficile l’accesso al tuo telefono.

Configurazione di iVerify per iOS

iVerify funziona sia su iPhone che su iPad. L’acquisto per uno ti darà la versione per l’altro, quindi ti consigliamo vivamente di configurare l’app su entrambi i dispositivi se ne hai entrambi.

  • Una volta scaricata l’app, aprila e fai clic sul pulsante verde Continua.
  • Questo apre quindi la schermata principale per mostrare quelle che ritiene siano le quattro principali aree di sicurezza principali: Scansione dispositivo, Touch ID, Blocco schermo e la tua attuale versione di iOS.
  • Dal momento che li sto usando e aggiornando tutti, sono tutti attualmente verdi. Ma se qualcuno di loro fosse disabilitato o obsoleto, apparirebbe rosso, richiedendo attenzione immediata.
  • Se tocchi leggermente uno dei pulsanti, ti forniranno informazioni pertinenti.
  • Se ora scorri più in basso nella pagina, vedrai una lista di precauzioni di sicurezza che puoi prendere per bloccare ancora di più il tuo dispositivo.
  • Se tocchi il primo, Proteggi dai furti, otterrai un elenco dei consigli di iVerify in quella categoria. 
  • Ciò che è un po ‘meno è che iVerify non controlla se hai già fatto queste cose. Suppone solo che tu non l’abbia fatto. Se trovi qualcosa che hai già fatto, toccalo, scorri verso il basso, quindi tocca Ho recensito questo. Sarà quindi contrassegnato come completo.
  • Per qualcosa che non hai ancora fatto, toccalo e la pagina successiva ti darà le istruzioni complete su come raggiungerlo, incluso un pulsante per accedere alle impostazioni del dispositivo.
  • Una volta fatto, torna su iVerify, tocca Ho recensito questo e verrà contrassegnato come completo. Passa al successivo e ripeti.

iVerify rileva le minacce al tuo dispositivo iOS

Quando iVerify rileva una minaccia, genera un collegamento univoco a Trail of Bits, lo sviluppatore che ha creato iVerify. Questo link fornisce informazioni su cosa fare per eliminare la minaccia, oltre a segnalare la minaccia a Trail of Bits, per migliorare il suo database delle minacce. Come dice la schermata, apri il link su un altro dispositivo non infetto, chiudi il dispositivo infetto e segui le istruzioni nel link indicato.

Non perfetto al 100%, ma meglio di niente

Questo non dovrebbe essere visto come una soluzione perfetta per combattere spyware, malware e hacker. Niente è perfetto. Le minacce si evolvono continuamente e, ovviamente, se un cattivo o un governo sostenuto dallo stato viene coinvolto, allora qualcosa come iVerify sarà assolutamente inutile. Ma il 99% di noi non sarà preso di mira dai governi totalitari o da qualcuno che utilizza un dispositivo di confusione vocale che chiede loro di essere pagato un miliardo di dollari in cambio di non incasinare la rete elettrica. Per noi gente comune, iVerify potrebbe rivelarsi una risorsa molto preziosa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *