Come installare una recovery personalizzata TWRP su Android

By | Febbraio 6, 2020
TWRP

Questo è un passaggio essenziale quando si desidera eseguire il root di un dispositivo mobile Android o quando si desidera installare una ROM personalizzata. In questo modo è possibile accedere completamente al sistema Android ed eseguire le azioni pertinenti. Vediamo nel dettaglio come installare una recovery personalizzata TWRP su Android.


Che cos’è un ambiente di recupero?

La “Recovery” di un telefono Android è un software che viene visto raramente. È ciò che il telefono utilizza per installare gli aggiornamenti Android, ripristinare le impostazioni di fabbrica ed eseguire altre attività.

La modalità di ripristino predefinita di Google è piuttosto semplice, ma la recovery di terze parti come il progetto Team Win Recovery Project o TWRP – consente di eseguire copie di backup, installare ROM, eseguire il root del telefono e fare molto di più. Quindi, se stai cercando di modificare il tuo telefono, probabilmente ne avrai bisogno.


Che cos’è una recovery personalizzata?

TWRP ha l’opzione Install, che consente di eseguire il flashing dei file.ZIP. Questo è ciò che abilita l’opzione per installare MOD, ROM e kernel personalizzati, nonché applicazioni in pacchetto. Offre anche l’opzione di backup, finalizzata alla creazione semplice e rapida di copie di backup della memoria NAND. 

E ha anche l’opzione Mount, che è quella che dà accesso alle diverse partizioni – quando esistono – per essere in grado di scegliere quale vogliamo montare in ogni momento. Qualcosa che, ad esempio, ci consente di eseguire un doppio avvio con due versioni del sistema operativo Android sullo stesso smartphone.


Oltre a quanto sopra, TWRP offre l’opzione Avanzate con impostazioni aggiuntive come il file manager, l’opzione di controllo delle MOD MultiROM, il backup del registro attività e l’accesso alla console di comando ADB. 

E senza accedere a questa sezione abbiamo Wipe per eseguire un ripristino di fabbrica o hard reset e cancellare la cache e Dalvik, Ripristina per ripristinare un backup della NAND, Impostazioni per configurare il ripristino personalizzato e Riavvia per ripristinare il telefono intelligente.

Ora vediamo passo dopo passo come installare la recovery TWRP su Android

1. Sblocca il dispositivo e assicurati che sia compatibile

Questo processo funziona solo se hai sbloccato il tuo bootloader. Quindi, se non l’hai ancora fatto, consulta la nostra guida per sbloccare il bootloader, quando hai finito, torna qui.


Inoltre, assicurati che sia disponibile una versione di TWRP per il tuo telefono, vai sul sito Web degli sviluppatori TWRP e XDA.

È necessario avere Android Debug Bridge (ADB) installato sul computer per eseguire questo processo, così come i driver USB del telefono. Se il bootloader ufficiale è sbloccato, è probabile che tu li abbia già installati se no, vai sul sito web del produttore del tuo telefono.

Infine, fai un backup di tutto ciò che vuoi salvare sul tuo telefono. Questo processo non pulisce il telefono, ma copia le foto e altri file importanti sul PC è sempre una buona idea prima di modificare il sistema.

2. Abilitare il debug USB su Android

Successivamente, è necessario abilitare le opzioni sviluppatore sul telefono. Apri il menù delle app del telefono, tocca l’icona Impostazioni e seleziona «Informazioni sul telefono». Vai a “Numero build” e tocca 7 volte. Dovresti ricevere un messaggio che dice che ora sei uno sviluppatore.

Torna alla pagina principale delle Impostazioni e dovresti vedere una nuova opzione in fondo chiamata “Opzioni di sviluppo”. Apri quello e attiva l’opzione “Debug USB”.

Fatto ciò, collega il telefono al PC. Dovresti vedere una finestra pop-up intitolata “Consenti il ​​debug USB?” Sul tuo telefono. Seleziona la casella “Consenti sempre da questo dispositivo” e fai clic su OK.

3. Scarica TWRP per il tuo telefono

Quindi, vai al sito Web TeamWin > vai alla pagina Device > trova il tuo dispositivo > scarica la TWRP.

Nella parte superiore sono presenti i “Link per il download” e scarica la TWRP. Copiala nella cartella in cui è installato ADB e rinominala in twrp.img. Ciò renderà il comando di installazione un po’ più semplice.

4. Riavviare il telefono in Fastboot mode

Queste sono alcune delle combinazioni più utilizzate:

  • Riduzione del volume + On
  • Riduci volume + Aumenta volume + Attiva
  • Aumenta volume + Attiva

5. Installa TWRP sul tuo dispositivo Android

Una volta riavviato il telefono nella modalità Fastboot, collega il telefono al PC con un cavo USB. Il telefono deve indicare che il dispositivo è collegato. Sul computer, apri la cartella in cui hai installato ADB e premi il tasto Maiusc + clic destro su un’area vuota. Seleziona l’opzione “apri finestra di comando qui”. Quindi eseguire il comando seguente:

fastboot devices

Il comando deve restituire un numero seriale, che indica che è stato riconosciuto il tuo cellulare. In caso contrario, torna indietro e assicurati di aver fatto tutto correttamente fino a questo punto.

Se il dispositivo viene riconosciuto da fastboot, è tempo di eseguire il flash TWRP. Esegui il seguente comando:

fastboot flash recovery twrp.img

Se tutto va bene, dovresti vedere un messaggio nella finestra del prompt dei comandi.

6. Riavvia il telefono con TWRP Recovery

Scollega il telefono e utilizza il pulsante volume giù per scorrere fino all’opzione “Recovery” nel bootloader. Premere il pulsante volume su o power, a seconda del telefono per selezionare. Il telefono deve riavviarsi tramite TWRP.

Al termine, verrà visualizzata la schermata TWRP principale. È possibile utilizzarla per creare backup “nandroid”, ripristinare backup precedenti o eseguire il flashing di file ZIP come SuperSU o utilizzare una ROM, tra molte altre attività.

Al momento, la cosa più importante da fare è eseguire il backup Nandroid del telefono prima di apportare altre modifiche.

Toccare “Backup” nella schermata principale TWRP. Selezionare “Sistema” “Avvio” e “dati” e assegnare un “Nome” nella parte superiore del backup con un nome riconoscibile.

Il backup richiederà del tempo. Al termine, tornare al menu Backup. Disattiva tutte le opzioni e vai in fondo. Se hai una partizione speciale che appare dopo “Ripristino”, come WiMAX, PDS o SSC, esegui un altro backup.

Questa partizione di solito contiene le informazioni SSC o IMEI, che sono fondamentali. Se il telefono si danneggia, potrai perfino perdere la connettività. Per riparare ripristina questo backup per ripristinare le funzioni mobili.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *