Come eseguire il root del tuo telefono Android senza un computer

By | Maggio 30, 2020
Come eseguire il root del tuo telefono Android senza un computer

Il root del tuo telefono Android potrebbe essere: da molto semplice a moderatamente difficile per i principianti. Il processo di solito richiede un PC e ADB per iniziare. Questi saranno necessari per sbloccare il bootloader. Una volta sbloccato il bootloader sul tuo dispositivo, puoi eseguire l’installazione di una recovery personalizzata, a quel punto sarai in grado di eseguire il root del tuo telefono senza un PC.

Che cos’è il root?

Nei dispositivi Android, il root è il processo che consente a smartphone, tablet e altri dispositivi di ottenere un controllo privilegiato (noto come “accesso root “) all’interno del sottosistema Android.

Il root viene spesso eseguito con l’obiettivo di superare i limiti che operatori e produttori di hardware hanno messo su alcuni dispositivi. Pertanto, il root dà la possibilità (o l’autorizzazione) di alterare o sostituire le applicazioni e le impostazioni di sistema, eseguire app specializzate che richiedono autorizzazioni a livello di amministratore o eseguire altre operazioni altrimenti inaccessibili a un normale utente Android.

Su Android, il root può anche facilitare la completa rimozione e sostituzione del sistema operativo del dispositivo, di solito con una versione più recente del suo attuale sistema operativo. Il root di un dispositivo Android dà accesso simili autorizzazioni amministrative come su Linux o qualsiasi altro Unix-like sistema operativo come ad esempio FreeBSD o OS X.

L’accesso al root viene talvolta confrontato il jailbreak che si esegue sul sistema operativo Apple iOS. Tuttavia, questi sono concetti diversi. Il jailbreak non è altro che un bypass di diversi tipi di divieti Apple per l’utente finale: modifica del sistema operativo (applicato da un “bootloader bloccato”), installazione di app non approvate ufficialmente tramite sideloading e concessione all’utente elevati privilegi a livello di amministrazione.

Solo una minoranza di dispositivi Android blocca i propri bootloader e molti fornitori come HTC, Sony, Asus e Google offrono esplicitamente la possibilità di sbloccare i dispositivi e persino di sostituire completamente il sistema operativo. Allo stesso modo, la possibilità di eseguire il sideload delle app è generalmente consentita sui dispositivi Android senza autorizzazioni di root. Pertanto, è principalmente il terzo aspetto del jailbreak di iOS relativo alla concessione agli utenti di privilegi amministrativi come superutente che è direttamente correlato al root di un telefono Android.

Eseguire il root del telefono con Magisk

Per eseguire il root del telefono senza PC, devono essere presenti le seguenti condizioni: il bootloader deve essere sbloccato e bisogna avere installata una recovery personalizzata. Questo processo può essere leggermente diverso per ogni telefono, perciò fai attenzione al numero o versione del modello del tuo telefono Android.

Una volta fatto questo, sarai in grado di eseguire il root del tuo telefono usando Magisk. Scarica Magisk Manager da qui e segui i passaggi per installarlo tramite la recovery personalizzata. Una volta installato sul telefono, sarà possibile attivarti come Superutente e eseguire il root del telefono.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *