Vai al contenuto
Home » Guide Android » Come eseguire il backup di Android

Come eseguire il backup di Android

backup android

Non è raro che i dispositivi elettronici si guastino e portino con sé tutti i vostri preziosi dati. Ecco perché gli esperti consigliano sempre di eseguire un backup dei file. In questo articolo scoprirete come eseguire il backup del vostro telefono Android e proteggere le foto, le impostazioni, i contatti della rubrica e altri dati per evitare sorprese o semplicemente spostare i file su un nuovo smartphone. È innegabile che il moderno smartphone sia diventato un’estensione della vostra vita. Memorizzano una grande quantità di dati personali che spesso hanno un enorme valore affettivo per noi. Nell’eventualità di perdere il telefono o semplicemente di danneggiarlo, è molto probabile che si possano perdere tutti i dati preziosi. Fortunatamente, esistono molti strumenti per eseguire il backup Android per evitare che questo scenario si verifichi.

Sei alla ricerca di un modo semplice e veloce per effettuare il backup del tuo smartphone Android? In questo articolo ti spiegheremo come fare per salvare i tuoi dati in modo sicuro e affidabile. Il backup è un’operazione fondamentale per proteggere le tue informazioni personali e gli elementi più importanti del tuo dispositivo, come foto, contatti, documenti e molto altro.

Scopriamo insieme quali sono le opzioni a disposizione degli utenti Android per eseguire il backup dei propri dati e quali sono le migliori strategie per garantire la massima sicurezza e affidabilità del processo. Leggi tutto e non perderti nemmeno un consiglio!

Leggi anche: I 19 migliori antivirus gratis per PC, Mac, Android e iPhone

Le migliori app per fare backup Android

Ci sono molte app per fare backup su Android, ma ecco alcune delle migliori:

  1. Google Drive: l’applicazione di backup predefinita di Google per Android, che offre uno spazio di archiviazione gratuito di 15 GB. Con essa è possibile eseguire il backup di foto, video, contatti, documenti e altro ancora.
  2. Helium: un’app di backup completa che permette di salvare dati come app, messaggi, calendario e impostazioni su cloud storage o scheda SD. Helium funziona anche senza root.
  3. Super Backup & Restore: questa app di backup per Android supporta il backup su Google Drive, Dropbox e altre opzioni di archiviazione cloud, così come la copia di sicurezza di contatti, SMS, chiamate, calendario e app.
  4. Titanium Backup: un’app di backup per dispositivi Android rootati che offre molte funzionalità avanzate, tra cui il backup di app e dati, la pianificazione di backup automatici e il ripristino selettivo.
  5. Google One: un servizio di archiviazione in cloud di Google, che offre opzioni di backup avanzate, come il backup completo di foto, video, contatti, messaggi e altro ancora. Offre anche uno spazio di archiviazione più ampio rispetto a Google Drive.

Ognuna di queste app ha i propri punti di forza e debolezze, quindi la scelta dipenderà dalle tue esigenze specifiche. Tuttavia, sia Google Drive che Google One sono ottimi per gli utenti che cercano una soluzione semplice e gratuita, mentre Helium e Titanium Backup offrono funzionalità avanzate per utenti rootati e con esigenze più avanzate.

Come fare il backup del telefono Android utilizzando Google

Proteggere i dati del tuo telefono Android è fondamentale per evitare la perdita di informazioni importanti, come foto, video, contatti e documenti. Fortunatamente, effettuare un backup del tuo dispositivo è molto semplice e può essere fatto in diversi modi. Puoi utilizzare Google Drive, un servizio cloud gratuito che ti consente di archiviare i tuoi dati online in modo sicuro.

In alternativa, puoi utilizzare software di terze parti, come il famoso programma Titanium Backup, che ti permette di effettuare un backup completo del tuo dispositivo, compresi i dati dell’app e le impostazioni di sistema. Con il backup del tuo telefono Android, puoi stare tranquillo sapendo che i tuoi dati sono al sicuro e protetti.

I telefoni Android con Google Mobile Services – in pratica tutti gli smartphone mainstream non prodotti da Apple o Huawei – hanno la possibilità di eseguire il backup di tutti i loro contenuti nell’account Google associato (Google Drive per la precisione). Ci sono due modi per farlo: eseguire un backup manuale o attivare i backup automatici.

In entrambi i casi, è importante sapere cosa viene effettivamente salvato. I passaggi indicati di seguito dovrebbero essere sufficienti per la maggior parte degli utenti Android. Gli elementi di cui viene eseguito il backup quando si esegue un backup automatico/manuale con Google. Leggere attentamente.

  • Contatti
  • SMS E MMS
  • Password
  • Applicazioni e dati dell’applicazione (supportati solo per alcune applicazioni – potrebbe variare)
  • Impostazioni
  • Registro delle chiamate

Nota: questo metodo NON esegue il backup delle foto memorizzate sul telefono Android. Per il backup delle foto, esiste un metodo separato che tratteremo in una sezione a parte. Inoltre, i messaggi di Gmail, gli eventi del calendario di Google, i documenti di Google Docs/Fogli/Presentazioni e le note di Keep sono sempre archiviati online, quindi il backup avviene automaticamente.

Come fare backup Android in modo automatico utilizzando Google

Il backup automatico del telefono tramite Google è il modo migliore per assicurarsi di non ritrovarsi con i dati persi. Una volta attivato, questo vi garantirà l’accesso e il ripristino dei dati “persi” su un nuovo telefono. I passaggi indicati di seguito indicano come appare il menu su un telefono con Android 12 stock. Questo potrebbe variare da un telefono all’altro a seconda della skin Android che si sta utilizzando.

  1. Aprire l’applicazione Impostazioni.
  2. Selezionare l’opzione Sistema.
  3. Aprire il menu Backup. Se non riuscite a trovare questa opzione, utilizzate la funzione di ricerca e cercate backup.
  4. Attivare l’opzione Backup da Google One – questa opzione ha sostituito la precedente “Backup su Google Drive”. Selezionare l’account Google desiderato.
  5. Una volta eseguita questa operazione, il telefono eseguirà periodicamente un backup degli elementi sopra elencati e sarà possibile recuperarli quando si resetta il telefono o se ne acquista uno nuovo.

Fare backup Android utilizzando Google

Questa opzione è particolarmente utile se si sa in anticipo che il backup verrà ripristinato su un nuovo telefono o su un telefono che deve essere resettato. Un backup manuale assicura inoltre che siano inclusi anche i nuovi contenuti (ad esempio, gli SMS) che sono arrivati o inviati dopo il backup automatico (ad esempio, durante la notte).

Per farlo, è sufficiente toccare l’opzione Esegui backup ora dalle impostazioni “Backup” e il telefono creerà un nuovo backup manuale. Una volta completato, è possibile procedere rapidamente al ripristino dei dati su un nuovo telefono o su un telefono ripristinato.

Leggi anche: 7 migliori applicazioni IPTV Android e iOS

Come eseguire il backup delle foto sul telefono Android utilizzando Google

Oggi gli smartphone scattano foto fantastiche e hanno sostituito efficacemente le fotocamere point-and-shoot. Con l’aiuto degli smartphone catturiamo varie occasioni della nostra vita e le documentiamo. Nel caso in cui il telefono venga rubato/danneggiato, perdere queste foto può essere estremamente scoraggiante.

Fortunatamente, Google consente di eseguire il backup dati Android sicuro e automatico delle foto su Google Foto. Ecco come assicurarsi che tutte le foto vengano salvate online in modo sicuro per non perderle mai più. Mai. È molto probabile che sul vostro telefono sia già preinstallata l’applicazione Google Foto. Su alcuni telefoni, è l’app predefinita per la visualizzazione delle foto.

Se il vostro telefono non ha Google Foto preinstallato, potete scaricarlo dal Play Store. Una volta installata, accedete al vostro account Google preferito e seguite i passaggi seguenti.

  1. Aprire Google Foto.
  2. Fare clic sull’immagine del profilo nell’angolo in alto a destra per accedere al menu delle impostazioni.
  3. Toccare Attiva backup.
  4. Selezionare l’impostazione della qualità. Qualità originale: Memorizza video e foto online senza modificare la qualità. Risparmio di memoria (ex “Alta qualità”): Riduce leggermente la qualità di foto e video: 16 megapixel per le immagini, FullHD per i video.
    Express (disponibile solo in mercati selezionati): Consente di risparmiare ancora più spazio (e dati mobili) limitando le immagini a 3 megapixel e i video a 480p (qualità SD – DVD).
  5. Toccare Conferma.

Per impostazione predefinita, Google seleziona la cartella “Fotocamera” dello smartphone per il backup tramite Google Foto. È tuttavia possibile selezionare manualmente le cartelle di cui si desidera eseguire il backup:

  1. Fare clic sull’immagine del profilo nell’angolo in alto a destra per accedere al menu delle impostazioni.
  2. Toccare la voce Archiviazione account.
  3. Selezionare l’opzione Backup delle cartelle del dispositivo.
  4. Attivare il backup per le cartelle desiderate.

Una volta eseguita questa operazione, verrà eseguito automaticamente il backup di tutte le foto esistenti e di quelle nuove aggiunte a questa cartella. Con queto tipo di backup telefono Android, è possibile aggiungere le foto di WhatsApp e dei social media al backup. È inoltre possibile scegliere se utilizzare il Wi-Fi o i dati mobili per aggiornare i backup dello smartphone. Se si dispone di un piano dati costoso, si consiglia di disattivare l’opzione Usa dati cellulare.

Backup Android utilizzando altri servizi cloud

Sebbene Google Foto sia uno dei modi più semplici per eseguire il backup delle foto nel cloud, non è l’unica opzione disponibile. Se siete membri di Amazon Prime, avete la possibilità di utilizzare Amazon Drive per lo stesso scopo. I membri Prime hanno a disposizione un’archiviazione illimitata di foto e 5 GB di video senza dover sottoscrivere un piano aggiuntivo.

Microsoft offre agli utenti anche la soluzione di backup OneDrive. Sebbene non sia all’altezza dei piani offerti da Amazon o Google, se si è già abbonati ai servizi Microsoft, come i piani Office 365, è possibile utilizzare OneDrive come bonus aggiuntivo. Esistono altri servizi come Flickr e Dropbox che possono essere utilizzati per i backup Android nel cloud.

Come eseguire il backup dei contatti Android

Il metodo per il backup smartphone Android di Google già citato include anche i contatti. Tuttavia, c’è un problema. Alcuni produttori o operatori forniscono interfacce proprie per l’organizzazione dei contatti. Alcuni telefoni, per impostazione predefinita, salvano i contatti nella memoria interna e non necessariamente li sincronizzano con il sistema di contatti di Google.

Ciò significa che i contatti non vengono sincronizzati e sono limitati al dispositivo o alla scheda SIM. Per evitare questa situazione, controllate le impostazioni dell’app Contatti e assicuratevi che non sia impostato il backup in altri luoghi, quindi andate in Impostazioni > Backup come descritto sopra e assicuratevi che sia attivato. Assicurarsi inoltre che quando si aggiunge un nuovo contatto al telefono, questo venga sempre salvato nel proprio account Google e non altrove (compresa la memoria del telefono).

Eseguire il backup cellulare Android su PC

Se non vi fidate di Google per le vostre foto personali o di qualsiasi altro servizio di terze parti, avete la possibilità di eseguire manualmente il backup del telefono. È possibile eseguire facilmente il backup telefono Android su PC con una semplice connessione via cavo…

  1. Collegare il telefono Android al PC con un cavo USB.
  2. Aprire una finestra di Windows Explorer e navigare verso il telefono. (Sui Mac è necessaria un’applicazione chiamata Android File Transfer).
  3. Qui si trovano diverse cartelle, tra cui foto, video, musica e documenti.
  4. Entrate in ogni cartella e copiate/incollate il materiale che volete salvare sul vostro computer per conservarlo.

Si tratta di una cosa piuttosto utile da fare anche se si utilizzano altre soluzioni di backup, perché i backup non sono mai troppi. Se si desidera recuperarlo in un secondo momento, è necessario ricollegarlo al PC.

Come ripristinare i dati di backup da Google

Uno dei motivi per cui suggeriamo di affidarsi a Google per il backup dati Android e delle impostazioni è la semplicità del processo di ripristino su un nuovo telefono. Se si desidera impostare un nuovo telefono con i dati di un vecchio telefono di cui è già stato eseguito il backup delle impostazioni, è sufficiente eseguire il processo di configurazione iniziale sul nuovo telefono.

Una volta effettuato l’accesso al proprio account Google, verrà richiesto di “ripristinare il backup Android” dal telefono esistente e tutti i dati, compresi i registri delle chiamate, i dati delle app e gli SMS, verranno ripristinati sul nuovo telefono. Si noti che in alcuni casi il trasferimento dei dati delle app potrebbe non funzionare correttamente. Questo dipende quasi esclusivamente dallo sviluppatore dell’app e non da Google.

Per quanto riguarda le foto, è sufficiente accedere a Google e aprire l’app Foto per riottenere l’accesso alle immagini dei vecchi telefoni. Il telefono si sincronizzerà e alla fine mostrerà tutte le foto di cui è stato effettuato il backup nell’app. L’aspetto positivo di Google Foto è che è possibile visualizzare e scaricare le foto anche da un computer o da un altro dispositivo, semplicemente accedendo al sito web di Google Foto.

Sappiamo che esistono diversi altri metodi per eseguire il backup del telefono Android. Se volete solo trasferire i dati da un telefono all’altro, potete consultare questo articolo. Quelli elencati sopra, tuttavia, sono i più semplici da eseguire e saranno sufficienti per la maggior parte delle persone con telefoni Android. Se cercate una guida più completa che affronti altri modi per fare il backup del vostro telefono, lasciate un commento qui sotto!

Leggi anche: Come sbloccare un telefono Android tramite ADB (PIN e pattern)

FAQ su come fare backup applicazioni Android

Ecco alcune domande frequenti sul backup telefono Android:

1. Come posso fare il backup applicazioni Android?

Ci sono diversi modi per fare il backup delle applicazioni Android, tra cui l’utilizzo del servizio di backup integrato di Google, di un’applicazione di backup di terze parti o di un software di backup per Android sul tuo PC.

2. Come utilizzo il servizio di backup integrato di Google?

Il servizio di backup di Google salva automaticamente i dati delle app sul tuo account Google. Per verificare se il servizio di backup di Google è attivo, vai su Impostazioni > Backup e ripristino e assicurati che la voce “Backup su Google Drive” sia abilitata. Puoi anche scegliere quali app eseguire il backup e quando farlo.

3. Quali applicazioni di backup di terze parti sono raccomandate?

Ci sono diverse applicazioni di backup di terze parti disponibili sul Play Store di Google, tra cui Helium, Titanium Backup, Backup Your Mobile e molti altri. Assicurati di scegliere un’app affidabile con buone recensioni.

4. Come faccio a eseguire il backup app Android su PC?

Per eseguire il backup delle applicazioni Android sul tuo PC, puoi utilizzare software di backup come Wondershare MobileGo o MOBILedit. Tuttavia, dovrai prima abilitare la modalità di debug USB sul tuo telefono e scaricare i driver USB sul tuo PC.

5. Posso ripristinare le applicazioni Android dal backup?

Sì, puoi ripristinare le applicazioni Android dal backup utilizzando il servizio di backup integrato di Google o un’applicazione di backup di terze parti. Tuttavia, alcune applicazioni potrebbero non funzionare correttamente se ripristinate da un backup più vecchio.

Lascia un commento