Come accedere alla cartella delle app di Windows in Windows 10

Come accedere alla cartella delle app di Windows in Windows 10

Come accedere alla cartella delle app di Windows in Windows 10

Il sistema operativo Windows ha una struttura di directory dei file che non è cambiata molto nelle versioni principali. Troverai i file di sistema di base nella cartella Windows, i dati del profilo utente nella cartella Utenti e i file di programma nelle cartelle Programmi e Programmi (x86).


E le app di Microsoft Store, tuttavia? A differenza di altre app desktop, le app di Microsoft Store rimangono nascoste in una cartella WindowsApps segreta. Windows limita l’accesso a questa cartella dagli account utente standard di Windows, quindi per visualizzarla o modificarla in qualsiasi modo, dovrai apportare alcune modifiche. Ecco cosa devi fare.

Cos’è la cartella WindowsApps in Windows 10?

La cartella WindowsApps, come abbiamo accennato, è una cartella con restrizioni contenente le app di Microsoft Store. Contiene anche alcune app di Windows che utilizzano lo stile di app UWP (Universal Windows Platform) (come introdotto in Windows 8), come l’app Il tuo telefono (yourphone.exe).

Da un punto di vista della sicurezza, ha senso limitare la cartella WindowsApps. Con il sandboxing delle app di Microsoft Store dal resto di Windows e la limitazione della proprietà dei file a un account utente TrustedInstaller nascosto, le app di Microsoft Store hanno accesso limitato al resto di Windows rispetto alle app desktop standard.

Sfortunatamente, questo significa che apportare modifiche alla cartella WindowsApps (o visualizzarla del tutto) è difficile. Dovrai prima prendere la proprietà della cartella, consentendoti di accedere per modificare la cartella in seguito.

Tuttavia, è importante considerare i rischi per la sicurezza prima di tentare questo. Mentre Microsoft valuta le app per qualità e sicurezza, limitando l’accesso alla cartella WindowsApps aggiunge un altro livello di protezione, impedendo l’accesso ad altri file o cartelle sensibili (come la cartella del profilo utente nella directory C: \ Users).

Assumendo la proprietà della cartella, riduci questa protezione aggiuntiva ed esponi più dati di sistema alle app di Microsoft Store. Se sei preoccupato, dovresti cercare malware in seguito per offrirti la massima tranquillità.


Utilizzo di Esplora file di Windows per accedere alla cartella WindowsApps

Per accedere alla cartella WindowsApp in Windows 10, il metodo più semplice è utilizzare Esplora file di Windows. Dovrai abilitare la visualizzazione delle cartelle nascoste e assumere la proprietà della cartella, dandoti la possibilità di visualizzare la cartella e apportare modifiche.

  1. Per iniziare, apri Esplora file sul tuo PC Windows. Windows nasconde alcune cartelle per impostazione predefinita, quindi dovrai prima disabilitarlo. Per fare ciò, seleziona Visualizza > Elementi nascosti. Questo farà apparire i file e le cartelle nascosti nell’elenco delle directory a destra.
  2. Con le cartelle nascoste accessibili, apri la directory Programmi (solitamente C: \ Programmi ) utilizzando la barra degli indirizzi. La cartella WindowsApp dovrebbe essere visibile nell’elenco delle directory.
  3. Per assumere il controllo di WindowsApps, fai clic con il pulsante destro del mouse sulla cartella e seleziona Proprietà.
  4. Nella finestra Proprietà, seleziona la scheda Protezione, quindi seleziona l’ opzione Avanzate.
  5. Nella finestra Impostazioni di sicurezza avanzate, seleziona il pulsante Modifica, elencato accanto alle informazioni sul proprietario in alto.
  6. Nella casella Seleziona utente o gruppo, digita il nome utente per il tuo account utente Windows, quindi seleziona Controlla nomi prima di selezionare OK. Per gli account Microsoft, digita invece il tuo indirizzo e-mail.
  7. La proprietà della cartella verrà aggiornata per riflettere il tuo nome utente (come mostrato nelle informazioni sul proprietario nella parte superiore della finestra). Assicurati di abilitare la casella di controllo Sostituisci proprietario su sottocontenitori e oggetti nella parte superiore del menu. Se sei felice di procedere, seleziona OK (o Applica > OK ) per apportare la modifica.
  8. Ora dovresti essere in grado di visualizzare e modificare la cartella WindowApps, insieme a tutte le sottocartelle e i file. Fare doppio clic sulla cartella WindowsApps nella directory C: \ Programmi per visualizzare il contenuto completo.

Ottenere l’accesso a WindowsApps utilizzando Windows PowerShell

Il metodo sopra ti garantirà l’accesso alla cartella WindowsApps e ti consentirà di assumerne la proprietà, ma può essere un processo piuttosto complicato da seguire. Se desideri cambiare rapidamente la proprietà della cartella WindowsApps e ottenere l’accesso completo, puoi invece utilizzare Windows PowerShell.

  1. Per aprire una nuova finestra di PowerShell, fare clic con il pulsante destro del mouse sul menu Start e selezionare l’ opzione Windows PowerShell (amministratore).
  2. Nella nuova finestra di PowerShell, digita takeown / f “C: \ Programmi \ WindowsApps” / r e premi Invio. Questo richiederà del tempo per essere completato. Utilizzando i flag / f (forza) e / r (ricorsivo), il comando takeown imporrà la modifica della proprietà della cartella WindowsApps, applicando la modifica a tutti i file e le sottocartelle.

Una volta completato il processo, la cartella WindowsApps (C: \ Programmi \ WindowsApps) sarà accessibile in Esplora file di Windows.

Comprensione della struttura delle cartelle di WindowsApps

A differenza della cartella Programmi, la cartella WindowsApp non è strutturata da un semplice nome di app. Una cartella dell’app di Microsoft Store in WindowsApps avrà una struttura di denominazione che in genere segue questo modello: nome, numero di versione, architettura (ad esempio x64 per PC con CPU standard a 64 bit) e ID editore di Microsoft Store

Ad esempio, la cartella dell’app Netflix è denominata 4DF9E0F8.Netflix_6.97.752.0_x64__mcm4njqhnhss8. Il componente 4DF9E0F8.Netflix è il nome dell’app interna, mentre 6.97.752.0 è la versione dell’app. 

L’architettura, x64, punta alla comune architettura della CPU a 64 bit, mentre mcm4njqhnhss8 è l’ID dell’editore per Netflix. Tutte le cartelle delle app nella cartella WindowsApps seguiranno in qualche modo questa struttura.


Potresti anche vedere alcune app con più di una cartella. Anche se il nome, la versione dell’app e l’ID dell’editore rimangono gli stessi, alcune cartelle avranno neutral o neutral_split.scale per l’architettura. Questo di solito punta a file di dati comuni (come i metadati delle app) che rimangono gli stessi, indipendentemente dall’architettura di destinazione.

I file core, tuttavia, si trovano nella cartella dell’architettura principale (come la cartella x64 ). Alcune app potrebbero avere file eseguibili che puoi eseguire direttamente, mentre altre sono app web, con javascript e altre risorse web visibili.

Netflix, ad esempio, è un’app basata sul web. All’interno della directory principale di Netflix x64, le cartelle denominate js, immagini, caratteri e obj puntano alle sue origini, con javascript e codice HTML. Altre app, come l’app Microsoft Bing News, vengono invece fornite con un file eseguibile e file DLL (Dynamic Link Library), simili alle app desktop standard.

Se sei curioso, puoi dare un’occhiata alle varie sottocartelle per capire come funzionano le app che installi, ma non sarai in grado di apportare modifiche al codice.

Risoluzione dei problemi relativi alle app di Microsoft Store su Windows 10

Una volta ottenuto l’accesso alla cartella WindowsApps, puoi esplorare le diverse app di Microsoft Store che hai installato e (se necessario) rimuoverle. Alcune app, come yourphone.exe, sono app di Windows fondamentali che non dovresti rimuovere, mentre altre (come quelle che installi tu stesso dallo Store) possono essere disinstallate in sicurezza.

Tuttavia, è probabilmente meglio disinstallare le app di Microsoft Store tramite lo stesso Microsoft Store o utilizzando il menu Impostazioni di Windows. Se hai problemi ad aggiornare le app che hai installato tu stesso, potrebbe essere necessario verificarne il motivo, incluso il controllo dei download lenti di Microsoft Store.


Lascia un commento