L’antivirus Avast ti sta spiando. Ecco come

Avast ti sta spiando

L’antivirus Avast ti sta spiando. Ecco come. Avast è un antivirus che ha superato la prova del tempo ed è stato gratuito per quasi un decennio. L’antivirus non ha funzionalità avanzate ma fornisce abbastanza opzioni per aiutare le persone che non vogliono spendere soldi per un software antivirus premium. Tuttavia, sembra che ci sia una ragione per cui Avast è gratuito e non perché l’azienda vuole che tutti abbiano accesso all’antivirus.

Secondo un’indagine congiunta di PCMag e Motherboard, sembra che Avast stia raccogliendo i tuoi dati per pagare le loro spese e il software antivirus gratuito. Il rapporto si basa su documenti trapelati che includono i dati degli utenti, contratti e altri documenti aziendali. Questi documenti mostrano la vendita dei dati altamente sensibili raccolti dalla società. I dati principali provengono da Jumpshot, una filiale di Avast.

Perché fare il Root ad un vecchio Android

L’antivirus Avast ti sta spiando. Ecco come

Il sistema funziona in modo efficiente in cui Avast raccoglie i dati e Jumpshot riconfeziona i dati per venderli ai grandi nomi del settore tecnologico. L’elenco dei clienti di Jumpshot include Google, Yelp, Microsoft, McKinsey, Pepsi, Sephora, Home Depot, Condé Nast, Intuit e molti altri.

L’azienda fornisce un cosiddetto pacchetto “All Clicks Feed” in grado di tracciare il comportamento, i clic e persino i movimenti attraverso i siti Web. Questo aiuta aziende come Home Depot e Amazon ad apprendere il comportamento degli utenti con estrema precisione, comprese le abitudini di acquisto e di navigazione.

I dati raccolti sono così dettagliati che i clienti possono visualizzare i singoli clic che gli utenti effettuano durante le loro sessioni di navigazione, incluso il tempo trascorso al millisecondo. E mentre i dati raccolti non sono mai collegati al nome, all’indirizzo e-mail o all’indirizzo IP di una persona, la cronologia di ogni utente viene comunque assegnata a un identificatore chiamato ID dispositivo, che persisterà a meno che l’utente non disinstalli il prodotto antivirus Avast.

Fonte PCMag

PCMag ha affermato che il tracciamento include tutto, dalla navigazione allo shopping. Ad esempio, Avast potrebbe tenere traccia di un utente che naviga attraverso Amazon e seleziona un prodotto che viene quindi acquistato da detto utente.

PCMag sottolinea che mentre i dati sembrano innocui per te e per me, Amazon può utilizzare il tempo esatto per scoprire l’utente che ha effettuato l’acquisto. Questo cambierà improvvisamente i dati anonimizzati in uno che può essere identificato.

Avast ti sta spiando

Gli esperti di privacy sembrano concordare sul fatto che i dati raccolti da aziende come Amazon e i dati raccolti da Jumpshot sono piuttosto innocui quando separati. Tuttavia, le cose peggiorano quando si combinano entrambi i dati poiché le aziende improvvisamente hanno tutte le informazioni di cui hanno bisogno per individuare un singolo utente e le loro abitudini di navigazione / shopping.

Sfortunatamente, il peggio deve ancora venire. Secondo i registri esaminati da PCMag e Motherboard, la raccolta dei dati non finisce qui. Avast sembra aver raccolto dati su ricerche su argomenti banali, nonché su argomenti altamente sensibili come le preferenze sui contenuti per adulti.

Questa è un’informazione che nessuno vuole rimanere legato. Eppure queste informazioni esistono e combinate con altri dati, possono individuare l’utente esatto che ha effettuato la ricerca.

Non ci sono informazioni sul numero di aziende che hanno accesso ai dati. Il sito Web della società elenca IBM, Microsoft e Google come partner. Tuttavia, Microsoft ha confermato che la società non ha relazioni attualmente. IBM, d’altra parte, ha affermato di non avere “alcuna traccia” di non essere mai stato cliente di Avast o Jumpshot. Google ha rifiutato di commentare la questione.

Wladimir Palant è la persona che ha scatenato l’intera indagine quando ha notato qualcosa di strano con le estensioni del browser dell’azienda antivirus: stavano registrando tutti i siti Web visitati insieme a un ID utente e inviando le informazioni ad Avast. Non appena si è scatenato il putiferio, Mozilla e Google hanno rimosso l’estensione che è stata successivamente aggiunta quando Avast ha aggiunto nuove funzionalità di privacy.

Sia PC Mag che Motherboard hanno provato a contattare Avast e Jumpshot per chiarimenti, ma non hanno ottenuto risposta. Avast ha dichiarato che la società non raccoglierà più dati per scopi di marketing.

Noi di Notizietecnologia possiamo dirvi che è meglio pagare quando ci serve un software, soprattutto per garantire la tua privacy. Inoltre, è sempre una buona idea leggere l’informativa sulla privacy e assicurarsi che i dati raccolti vengano gestiti con cura.

Quindi consigliamo ai nostri utenti di disinstallare immediatamente Avast o AVG. Per gli utenti di Windows 10, Windows Defender di Microsoft offre quasi tutte le funzionalità di sicurezza necessarie. Oltre a ciò, puoi scegliere Malwarebytes per una protezione avanzata o acquistare uno degli antivirus premium disponibili sul mercato.

Non raccomandiamo mai di installare freeware finché non sei assolutamente sicuro delle loro politiche, specialmente quando si tratta di gestire parti critiche del tuo computer come sicurezza e privacy.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*