Android 11, come sarà? Cosa dobbiamo aspettarci?

Android 11

Android 11, come sarà? Cosa dobbiamo aspettarci?

Android 10 è ancora un’utopia per molti utenti, ma era inevitabile che gli sviluppatori di Google iniziassero a lavorare su Android 11. Il nuovo aggiornamento sarà ufficialmente disponibile a partire dal 2020, probabilmente verso la fine dell’estate, ma possiamo già avere un’idea della roadmap e delle funzionalità future.


Android 11: quando sarà rilasciato?

Sì, è ancora troppo presto per parlare della data di rilascio di Android 11 poiché Android 10 è stato rilasciato solo tre mesi fa e su un numero limitato di dispositivi. Mentre Google, i produttori e gli operatori stanno lavorando per estendere l’aggiornamento ad Android 10, possiamo iniziare a parlare dell’11esima versione di Android.

Leggi anche: Come ottenere la modalità oscura ufficiale su WhatsApp [richiesto root]

Solo all’inizio della prossima primavera, 2020, alcuni utenti inizieranno a mettere le mani sulla prima versione beta di Android e forse sarà solo dopo l’I / O di Google a maggio che verranno svelate alcune delle funzionalità del nuovo sistema operativo. Fino a quando non sarà rilasciata la versione finale tra agosto e settembre.

Android 11: quello che sappiamo

Android 11 può integrare solo nuove funzionalità rispetto ad Android 10. Come sempre sarà necessario attendere la versione finale del software per conoscere le nuove funzionalità specifiche di Android 11 ma nei prossimi mesi non mancheranno le fughe di notizie che ci consentiranno di farci sapere in anticipo le novità di Google.

Lo spazio di archiviazione avrebbe dovuto far parte di Android 10 ma Google ha deciso di impiegare un po’ più di tempo prima di renderla disponibile e metterla in stand-by fino alla fase 3 della beta.

Lo scopo dello spazio di archiviazione è quello di ottimizzare la velocità di lettura e la privacy. Come? Generando una directory dedicata alle cartelle create dall’app in uso in cui è possibile leggere e sovrascrivere qualsiasi file senza l’autorizzazione dell’utente.


Cosa importante da sapere: questo spazio non è accessibile alle app esterne, ma solo a quelle preinstallate. Questa è una funzione dedicata alla privacy e alla sicurezza, ma renderà anche il processo di lettura più veloce.

Secondo i risultati del team di sviluppatori xda nel codice sorgente del sistema operativo, una delle nuove funzionalità di Android 11 potrebbe essere che il Bluetooth non verrà disattivato automaticamente con la modalità aereo. Questa non è una grande novità, ma per chi viaggia spesso in aereo ascoltando musica tramite il Bluetooth lo apprezzerà.

Android 11 potrebbe consentire di acquisire schermate estese senza dover installare un’applicazione di terze parti. La notizia proviene direttamente da un tweet di Dave Burke, uno degli ingegneri del team di Google. In effetti, questa funzione è attualmente disponibile su alcuni dispositivi, ma Android 11 potrebbe renderla nativa.

Android 11: i nostri desideri

Android Beam ti ha permesso di trasferire file da un dispositivo all’altro tramite NFC. Questa non è mai stata una caratteristica molto utilizzata tra gli utenti e, considerando le soluzioni implementate dai produttori stessi, non credo che manchi a molte persone, ma sarebbe bello se Google decidesse di offrire su Android 11 un’alternativa più efficace.

Quali funzionalità ti aspetti di trovare su Android 11 e quali desideri ormai da molto tempo?

Lascia un commento