16 migliori film di Mel Gibson classificati

By | Settembre 15, 2022
film di Mel Gibson

Pochi personaggi di Hollywood sono sopravvissuti a tanti scandali come Mel Gibson, la cui carriera di protagonista di serie A si è notoriamente interrotta nel 2006 quando è stato fermato per guida in stato di ebbrezza a Malibu. Il nativo di New York finì sotto tiro dopo che il rapporto della polizia (secondo quanto riportato dal Los Angeles Times) rivelò che aveva “sbottato in una raffica di commenti antisemiti”, e si trovò di nuovo nei guai qualche anno dopo quando trapelarono online alcune registrazioni in cui urlava contro Oksana Grigorieva, madre di sua figlia di un anno. Personaggi del calibro di Whoopi Goldberg, Jodie Foster e Robert Downey Jr. espressero il loro sostegno, ma Gibson sarebbe rimasto un paria a Tinseltown fino al suo ritorno trionfale con l’epopea della Seconda Guerra Mondiale, “Hacksaw Ridge”, nel 2016. Quando il film di Mel Gibson “Hacksaw Ridge” ha ricevuto una standing ovation di 10 minuti dopo la sua anteprima alla Mostra del Cinema di Venezia, ha segnato la fine del periodo di oblio. Ha ricevuto una nomination agli Oscar per la miglior regia e presto ha ripreso a lavorare con i grandi studios, apparendo in film come “Daddy’s Home 2” della Paramount. Sfortunatamente per Gibson, i suoi nuovi sforzi sulla macchina da presa non sono stati accolti altrettanto bene come i suoi vecchi lavori. Sebbene abbia recitato in un paio di successi a sorpresa da quando la sua carriera è implosa negli anni ’00, la maggior parte dei suoi film migliori appartengono a un’epoca passata del cinema, quando i capelli erano grandi, le esplosioni erano più grandi e gli studios non avevano paura di ingaggiare grandi star in film vietati ai minori. Ma quali sono i migliori film con Mel Gibson? Allora seguiteci nella classifica dei migliori film di Mel Gibson.


Leggi anche: I migliori film con Ryan Gosling, in classifica 

16 migliori film di Mel Gibson classificati

16. Mad Max oltre la sfera del tuono. Il terzo e ultimo film di “Mad Max” con Mel Gibson è senza dubbio il più debole, ma per i fan del franchise, “Beyond Thunderdome” del 1985 rimane un must. Il successo dei primi due film Mel Gibson ha fatto sì che lo sceneggiatore e regista George Miller avesse a disposizione un budget hollywoodiano con cui giocare questa volta, e si è visto. I set sono più elaborati (Max scopre Bartertown, il più grande avamposto della Terra Desolata e sede di un’arena gladiatoria chiamata Thunderdome) e c’è una vera e propria star che sostiene Gibson: Tina Turner interpreta la spietata leader di Bartertown. Tina Turner interpreta la spietata leader di Bartertown, che esilia Max e lo salva grazie a una tribù di bambini del deserto, discendenti dei sopravvissuti a un incidente aereo che vivono in un’oasi isolata. L’inclusione della tribù dei bambini conferisce a “Mad Max Beyond Thunderdome” un’atmosfera molto più adatta alle famiglie, ma una volta accettato il film per quello che è (una versione PG-13 del folle mondo distopico di Miller), c’è molto da apprezzare. La Turner offre un’interpretazione straordinaria nei panni della cazzuta zia Entity, vestita di cotta di maglia, una parte che Miller ha scritto per lei dopo che l’aveva conquistato in un’intervista televisiva. Il regista australiano ha “catturato Tina Turner su pellicola in un grande momento della sua vita”, ha dichiarato NME quando “Mad Max Beyond Thunderdome” ha compiuto 35 anni nel 2020. “Come Aunty Entity, era una sopravvissuta e una persona che guardava avanti, non indietro”. Il trequel, spesso trascurato, non manca di emozioni: la scena finale dell’inseguimento contiene acrobazie ad alta velocità a volontà.

15. Ransom – Il riscatto. Uno dei film più cupi del regista Ron Howard, “Ransom” vede Mel Gibson nel ruolo di un ricco padre che cerca disperatamente di ritrovare il figlio scomparso. Il multimilionario proprietario di una compagnia aerea Tom Mullen lascia che una squadra di agenti dell’FBI (guidati da Delroy Lindo) trasformi il suo attico in una base operativa quando suo figlio (Brawley Nolte) viene rapito da una fiera della scienza in pieno giorno. Dopo aver inizialmente accettato di pagare i 2 milioni di dollari di riscatto che gli sono stati chiesti, Mullen ha un ripensamento e – nel momento più importante del film – offre il denaro come taglia sulla testa dei rapitori. È una mossa coraggiosa che alla fine paga, ma ci sono molti colpi di scena prima che Mullen si riunisca al suo bambino. Non è certo il miglior lavoro di Gibson, ma la maggior parte dei critici rimase piacevolmente sorpresa quando “Ransom” arrivò nei cinema nel 1996(Variety lo definì “un thriller di grande impatto con alcuni colpi di scena insolitamente gustosi”, mentre il New York Times disse che il film era “un’avvincente storia di crimine che regala sorprese fino al filo”), e resiste ancora oggi. Rene Russo e Gary Sinise offrono entrambi interpretazioni sobrie ma efficaci, rispettivamente nei panni della moglie e dell’avversario di Mullen, ma questo è un film di Mel Gibson, che se ne appropria pienamente quando ribalta la situazione contro gli scioccati rapitori. Il rating R del film dà a Gibson la licenza di fare un po’ il matto, e dal momento in cui scatta, siamo presi dal panico.

14. Signs. M. Night Shyamalan ha attirato paragoni con Steven Spielberg e Alfred Hitchcock quando ha fatto irruzione sulla scena hollywoodiana con il suo thriller soprannaturale di grande successo “Il sesto senso” nel 1999, e l’influenza di entrambi i registi è forte in “Signs” del 2002. Mel Gibson recita in uno dei suoi ruoli più riservati, interpretando un agricoltore ed ex prete episcopale. Padre di due figli, Graham Hess ha perso la fede in Dio dopo che sua moglie è stata brutalmente uccisa in uno strano incidente stradale sei mesi prima degli eventi del film. È costretto a mettere da parte il lutto quando sulla sua terra e nelle fattorie di tutto il mondo compaiono strani cerchi nel grano, che si rivelano essere un mezzo di navigazione per una razza extraterrestre ostile. Quello che ne risulta è un film intimo sull’invasione aliena che Gibson dirige con tranquillo aplomb. La scena più memorabile del film (chi può dimenticare di aver visto il primo alieno, ripreso in un video casalingo alla festa di compleanno di un bambino, trasmesso al telegiornale?) è ancora oggi agghiacciante, e il film stesso rimane più attuale che mai, secondo Shyamalan. Quando si è seduto per un’intervista con The Ringer nel 2020, il regista ha detto che “le emozioni suscitate” in “Signs” sono diventate parte della vita reale di tutti i giorni durante l’apice della pandemia COVID-19. “L’abbiamo vissuto un po’ tutti proprio adesso, quest’anno”, ha detto. “L’impotenza nel proteggere le nostre famiglie, l’insicurezza su ciò che sta accadendo nel mondo”.

13. Il patriota. L’emozionante colonna sonora composta da John Williams per “Il patriota” è stata candidata all’Oscar, ma l’epopea della guerra rivoluzionaria di Roland Emmerich non avrebbe mai vinto alcun premio per l’accuratezza storica. Il Los Angeles Times si è affrettato a sottolineare “i non trascurabili fallimenti del film” in questo campo. I produttori, invece, hanno tenuto a sottolineare il fatto che i consulenti dello Smithsonian Institution hanno trovato il personaggio di Mel Gibson (un piantatore della Carolina del Sud che impiega ex schiavi liberati) “completamente credibile”, secondo il New York Times. In ogni caso, se vi aspettate un resoconto fedele di ciò che accadde durante la guerra d’indipendenza americana, rimarrete delusi. Se invece il vostro obiettivo è quello di vedere un vendicativo Mel Gibson prendere a calci nel sedere qualche britannico soffocante, allora “Il patriota” fa per voi. Gibson interpreta il rivoluzionario Benjamin Martin, un veterano della guerra franco-indiana che vive tranquillamente nel suo appezzamento di terra con i suoi sette figli dopo la perdita della moglie. Ben presto è costretto a scegliere da che parte stare nell’imminente guerra con gli inglesi, e la decisione è resa molto più facile quando lo scellerato colonnello Tavington di Jason Isaacs (una versione molto più brutale del soldato e politico reale Banastre Tarleton) uccide a sangue freddo uno dei suoi figli. Il personaggio di Gibson perde un altro figlio prima della resa dei conti con Tavington, mandandolo in piena modalità rabbia e sventolio di bandiere.

Leggi anche: Ecco i migliori film con Arnold Schwarzenegger, in ordine di importanza

12. Il Bounty. Nel 1789, un compagno di bordo di nome Fletcher Christian guidò un ammutinamento sulla nave mercantile della Royal Navy HMS Bounty, dando il via a una serie di eventi che sarebbero stati ricreati sul grande schermo in più di un’occasione. Mel Gibson assunse il ruolo di Christian nel film “Il Bounty” del 1984, precedentemente interpretato da Clark Gable e Marlon Brando. La parte del capitano rovesciato William Bligh (che trascorse sette settimane in mare dopo essere stato gettato alla deriva su una piccola barca con 18 uomini, completando un viaggio straordinario di 4.000 miglia fino a Timor) fu interpretata da Anthony Hopkins, che si esibì in “una delle interpretazioni più interessanti del 1984”, secondo il veterano critico cinematografico Roger Ebert. Ebert ha anche elogiato la forte ma silenziosa interpretazione di Gibson di Fletcher Christian, che alla fine si stabilì sull’allora disabitata isola di Pitcairn con alcune donne tahitiane e ciò che restava dei suoi uomini, sfuggendo alla cattura per il resto dei suoi giorni. Proprio come nella vita reale, la versione di Gibson del famoso ammutinato instaura una relazione con una ragazza tahitiana di nome Mauatua (Tevaite Vernette), e il regista Roger Donaldson (che qualche anno dopo avrebbe diretto Tom Cruise in “Cocktail”) rende davvero facile tifare per la bella coppia. “Il Bounty” è un film di cappa e spada romantico e ben fatto che i fan del giovane Mel Gibson non potrebbero perdersi.


11. We Were Soldiers – Fino all’ultimo uomo. Uscito nel 2002, il film sulla guerra del Vietnam di Mel Gibson “We Were Soldiers” è stato realizzato sulla scia di “Salvate il soldato Ryan” e “Black Hawk Down”, e sebbene non abbia ottenuto lo stesso successo di critica di questi due film, il protagonista ha ottenuto molti riconoscimenti personali. La produttrice e critica cinematografica di lunga data Debbie Lynn Elias (scrivendo sul suo sito web Behind the Lens) ha dichiarato: “L’interpretazione di Mel Gibson del [tenente colonnello] Hal Moore è indiscutibilmente la migliore della sua carriera, perfezionando la miscela di un soldato silenziosamente autorevole e affilato, con un’indiscutibile fedeltà a Dio, al suo Paese e ai suoi uomini, con una bussola morale che riflette la devozione e la tenerezza spensierata per la sua famiglia”. Definirlo il miglior lavoro di Gibson è forse una forzatura, ma è difficile non rimanere commossi dalla sua interpretazione. Basato sul libro “We Were Soldiers Once… and Young” (Eravamo soldati una volta… e da giovani) del vero tenente generale Moore, il film segue un comandante esperto che viene scelto per guidare un battaglione di giovani impreparati in quella che diventerà la prima grande battaglia della guerra del Vietnam. Il film non si addentra nella politica o pone domande difficili sulla presenza dell’America nel Sud-Est asiatico all’epoca, ma non rinuncia a mostrare la vera e sanguinosa natura della guerra. Infatti, è stato definito da Common Sense Media”uno dei film più violenti mai usciti”.

10. Viaggio in paradiso. La reputazione di Mel Gibson è stata nuovamente trascinata nel fango quando nel 2012 è uscito “Prendi il gringo”, ma la maggior parte dei critici ha scelto di recensire il film solo in base ai suoi meriti. E la stragrande maggioranza di loro ha trovato il film piuttosto divertente. Gibson interpreta un criminale di professione che viene arrestato in Messico e mandato in una prigione aperta, dove i gangster gestiscono lo spettacolo e le famiglie dei detenuti possono andare e venire a piacimento. Quando scopre che il capo della prigione ha intenzione di prelevare il fegato del ragazzo (ha un disperato bisogno di un trapianto e il ragazzo corrisponde al suo raro gruppo sanguigno), l’americano decide di dare una mano. Diretto da Adrian Grunberg, che è stato il primo assistente alla regia di Mel Gibson in “Apocalypto” del 2006, questo grintoso thriller d’azione fa leva sui punti di forza della star. Sembra quasi a suo agio nel girovagare per i vicoli disordinati del complesso carcerario simile a una baraccopoli e, quando iniziano a volare i proiettili, è nel suo elemento assoluto. Gibson aveva all’epoca circa 50 anni, ma “Get the Gringo” non sembra il tipico “film d’azione per vecchi”, e questo va a merito del regista, della star e del cast di supporto, poiché il film non avrebbe funzionato senza la matura interpretazione di Kevin Hernandez.

9. Padre di sangue. Se vi è piaciuto vedere un Mel Gibson cinquantenne alle prese con un esercito di gangster in “Get the Gringo”, probabilmente vi appassionerà “Blood Father” del 2016, un violento thriller poliziesco che si colloca nella stessa linea. Uscito nell’anno in cui Gibson ha compiuto 60 anni, l’ex rubacuori sfoggia una barba grigia e un po’ di rughe reali mentre cerca di tenere al sicuro la figlia (Erin Moriarty con un “fantastico ruolo di supporto” accanto a un Gibson “inaspettatamente coinvolgente”, ha detto il Guardian) dall’ex fidanzato tossicodipendente e dalla sua banda di assassini. Si scopre che il suo ex è un membro di un cartello messicano e, sapendo che lei ha visto fin troppo, non la lascerà andare facilmente. Il film procede a ritmo serrato e non perde mai di vista ciò che vuole essere. Si tratta di un film d’azione senza fronzoli dell’ultimo periodo di Mel Gibson, con il personaggio forse più “alla Mel Gibson” di sempre, John Link, un ex detenuto, veterano della guerra del Vietnam, ex Hell’s Angel e artista di tatuaggi. Nessuno aveva previsto che “Blood Father” sarebbe stato buono, tanto meno migliore di “Get the Gringo”, ma il regista francese Jean-François Richet (noto soprattutto per il remake del 2005 di “Assault on Precinct 13” di John Carpenter) e il suo storico direttore della fotografia Robert Gantz hanno centrato la loro visione. Il film è bellissimo e Gibson è sempre in forma.

8. Arma letale 2.  “Arma letale” di Richard Donner è stato un successo di critica e commerciale alla sua uscita nel 1987 e, naturalmente, ne è seguito un sequel. Donner è tornato alla regia per “Arma letale 2” del 1989, mentre i co-protagonisti Mel Gibson e Danny Glover sono tornati a vestire i panni di Martin Riggs e Roger Murtaugh, gli opposti partner della polizia di Los Angeles che il pubblico aveva imparato ad amare nel primo film. La loro seconda uscita insieme non ha raggiunto gli stessi livelli, ma “Arma letale 2” (che introduce nel franchise il testimone federale Leo Getz di Joe Pesci) rimane uno dei film d’azione più memorabili degli anni Ottanta. Le apparizioni di Pesci nei terribili sequel degli anni ’90, “Arma letale 3” e “Arma letale 4”, sembrano forzate, ma nel secondo capitolo funziona alla grande. Riggs e Murtaugh sono incaricati di proteggere il losco Getz, che alla fine li conduce alla banda di contrabbandieri sudafricani che inseguono all’inizio del film. Il ritorno dello sceneggiatore Shane Black (che ha scritto e diretto “Iron Man 3” del 2013) lascia a Gibson lo spazio necessario per mettere in mostra le sue doti comiche e riesce a evitare tutti i soliti trabocchetti, realizzando un sequel che non è “né prevedibile né convenzionale”, ha dichiarato Empire nella sua recensione, prima di aggiungere: “È semplicemente pieno di energia”.

7. Galline in fuga. “Chicken Run” è raramente il primo film che viene citato quando si parla della carriera di Mel Gibson, ma con il suo umorismo tagliente e la sua infinita quantità di cuore, merita di essere inserito nella nostra lista. Gibson si era già cimentato nel doppiaggio quando ha accettato il ruolo, avendo interpretato l’interesse amoroso dell’omonimo personaggio in “Pocahontas” della Disney. Tuttavia, John Smith era una proposta completamente diversa da quella del tranquillo gallo acrobatico Rocky Rhodes, e si può dire che l’attore si sia davvero divertito in quest’ultimo ruolo. Anche la critica si è divertita molto: è il film di Mel Gibson con la valutazione più alta su Rotten Tomatoes, con un punteggio quasi perfetto del 97%. In un team-up di cui non sapevamo di aver bisogno, la voce di Gibson si sposa perfettamente con il mondo delizioso e oscuro creato da Nick Park (“Wallace e Gromit”) e Peter Lord (“I Pirati! Band of Misfits”). Guidati da una gallina di nome Ginger (Julia Sawalha), i polli di “Chicken Run” sono ansiosi di fuggire perché gli allevatori hanno deciso di abbandonare le uova per dedicarsi al commercio di torte di pollo. Quando un giorno Rocky atterra nella fattoria dopo essere stato sparato da un vicino cannone da circo, le galline credono erroneamente che possa volare e lo pregano di insegnare loro. Guardare l’intera banda librarsi verso la libertà su uno sgangherato velivolo costruito dall’uomo (fatto dai polli?) non stanca mai.

6. Mad Max. Il film che ha dato il via a tutto per Mel Gibson, “Mad Max” del 1979, rimane una delle più grandi storie di successo del cinema, un vero e proprio lavoro d’amore per l’allora inesperto regista George Miller. “Il film più difficile che abbia mai fatto è stato il primo ‘Mad Max'”, ha detto Miller una volta a IndieWire. “Non sapevo molto di cinema ed era piuttosto sconcertante”. Il visionario australiano aveva a disposizione un budget di meno di 400.000 dollari, eppure il suo thriller distopico ha guadagnato oltre 100 milioni di dollari al botteghino mondiale e ha detenuto il record di film più redditizio mai realizzato fino all’uscita dell’horror portatile “The Blair Witch Project”, oltre due decenni dopo, secondo Vanity Fair. Gibson interpreta il ruolo di “Mad” Max Rockatansky, un membro della pattuglia autostradale australiana sempre più disilluso dal suo lavoro in questa cupa versione del futuro prossimo della Land Down Under. La società è al collasso, l’illegalità dilaga e i suoi colleghi cadono come mosche. Ma quando Max cerca di licenziarsi, Toecutter (Hugh Keays-Byrne, che in seguito interpreterà Immortan Joe nel sequel del 2015 “Mad Max: Fury Road”) e la sua banda di motociclisti uccidono sua moglie e suo figlio, investendoli sulla strada. Questo scatena quello che diventerà un tipico momento alla “Mel Gibson”: scatta il colpo di fulmine. Max impazzisce, si mette in viaggio e dà la caccia ai motociclisti, eliminandoli in una serie di folli acrobazie.


Leggi anche: I migliori film di Sylvester Stallone, in ordine di importanza

5. Braveheart – Cuore impavido. Gli scozzesi non erano entusiasti dell’imitazione del loro accento da parte dell’attore e regista Mel Gibson in “Braveheart” del 1995, ma il pubblico americano era disposto a perdonargli lo strano errore. Il suo ruolo di William Wallace, combattente per la libertà della Scozia del XIII secolo, sarebbe diventato una delle interpretazioni più amate dell’attore e, nonostante contenga una serie di inesattezze storiche, il suo film è “parte dell’identità culturale della Scozia”, secondo The Scotsman. Sorprendentemente, Gibson è stato scartato per quanto riguarda la recitazione quando è arrivato il momento delle nomination agli Oscar, ma è stato nominato miglior regista per “Braveheart”, che si è aggiudicato anche il premio per il miglior film. Scritto da Randall Wallace (che in seguito avrebbe diretto “We Were Soldiers”), “Braveheart” è un tipico film di Mel Gibson, che interpreta un eroe cazzuto ma completamente altruista, ma ciò che distingue William Wallace da molti altri suoi personaggi è che alla fine muore, e in modo memorabile. Il protagonista viene impiccato, sorteggiato e squartato (una forma di esecuzione brutale e davvero barbara) dopo essersi rifiutato di piegare il ginocchio ai suoi presunti signori inglesi, ma ha comunque l’ultima parola, gridando “libertà!” con il suo ultimo respiro in un momento iconico del film che è stato parodiato innumerevoli volte.

4. Un anno vissuto pericolosamente. Mel Gibson e Sigourney Weaver hanno avuto entrambi un grande 1979, sfondando con i rispettivi ruoli in “Mad Max” e “Alien”. Quattro anni più tardi, i due nuovi protagonisti sono apparsi l’uno di fronte all’altra in “L’anno del pericolo” di Peter Weir, un avvincente dramma romantico ambientato negli anni Sessanta e tratto dall’omonimo libro di Christopher Koch. Il giornalista australiano di Gibson si innamora dell’assistente dell’ambasciata britannica della Weaver dopo essere arrivato in Indonesia (dove il film è stato vietato per oltre due decenni), ma le cose si complicano per loro e per tutti gli altri nel paese quando c’è un tentativo di colpo di stato. Ben riassunto dal critico cinematografico Emanuel Levy come “un film simile a ‘Casablanca’ per il pubblico moderno”, “L’anno del pericolo” si avvicina più a una storia d’amore esotica che a un thriller politico, con la location tropicale che conferisce alla scappatella quel pizzico di eccitazione in più. L’intesa tra Gibson e la Weaver è sempre elettrizzante, ma questo è tutt’altro che un film d’amore per le vacanze. Gran parte dell’azione si svolge nella tentacolare città di Giacarta, in un periodo in cui il governo autoritario del presidente Sukarno era sull’orlo del collasso, e c’erano ancora tensioni quando “L’anno del pericolo” entrò in produzione anni dopo. Dopo il rifiuto dell’Indonesia, il regista ha scelto di girare nelle Filippine, ma è stato costretto ad abbandonare il set e a terminare le riprese in Australia dopo che la troupe ha ricevuto minacce anonime, come ha rivelato il New York Times.

3. Arma letale.  L’originale non è sempre il migliore, ma quando si tratta del franchise di “Arma letale” è vero. Il primo sequel è riuscito ad essere all’altezza dello standard stabilito da “Arma letale” del 1987, ma l’unico peccato commesso da “Arma letale 2” è stato quello di declassare il Martin Riggs di Mel Gibson da uno psicopatico borderline a una normale mina vagante. È bello che stia affrontando la tragica morte della moglie, ma nel primo film è ancora guidato da quel dolore crudo e persino il Roger Murtaugh di Danny Glover non sa cosa diavolo farà dopo. Il nuovo partner di Riggs stabilisce che si tratta di un vero e proprio suicida dopo che ha fatto scendere un potenziale saltatore da un edificio ammanettandosi all’uomo e saltando con lui nel vuoto. Segue una scena intensa e finemente recitata tra i due sergenti della polizia di Los Angeles, in cui Murtaugh offre la sua pistola… solo per ritirarla quando Riggs la usa quasi su sé stesso. Richard Donner non aveva intenzione di fare un film sulla salute mentale, ma guardando il film con una lente contemporanea si scoprono aspetti dell’interpretazione di Gibson che forse all’epoca non erano stati apprezzati abbastanza, messi in ombra dall’azione frenetica. Naturalmente, questo è comprensibile quando si ha a che fare con uno dei migliori film d’azione mai realizzati.

2. Gli anni spezzati. Prima che Mel Gibson e Peter Weir si unissero per “The Year of Living Dangerously”, hanno lavorato insieme al dramma bellico acclamato dalla critica “Gallipoli”, la storia di due giovani velocisti australiani che si arruolano per combattere a fianco degli inglesi durante la Prima Guerra Mondiale. Frank Dunne (Gibson) e il suo compagno, Archy Hamilton (Mark Lee), vengono mandati al fronte e Weir si assicura di mostrare com’era la vita delle truppe sul campo nella Prima Guerra Mondiale, dalla noia paralizzante delle trincee alla realtà straziante di ciò che accade quando le si supera. In una scena straziante, Frank è costretto a guardare Archy che viene fatto a pezzi dalle mitragliatrici nemiche dopo aver ricevuto l’ordine di avanzare dai suoi superiori. La rappresentazione delle truppe britanniche è stata messa in discussione (vengono mostrate mentre bevono il tè sulla spiaggia mentre i soldati australiani muoiono in battaglia, un mito di lunga data su Gallipoli), ma la critica londinese ha apprezzato il film a prescindere. Empire lo ha definito “un tributo toccante e commovente agli australiani che hanno sacrificato le loro vite nella Prima Guerra Mondiale”, mentre The Telegraph ha salutato “Gallipoli” come “uno dei più elegiaci film contro la guerra mai realizzati” in una recensione entusiastica. Gibson interpreta Frank con una fragilità che non siamo abituati a vedere nelle sue interpretazioni successive, e ti risucchia, costringendo gli spettatori a piangere con lui.

1. Interceptor – Il guerriero della strada. Ricordate quando vi abbiamo detto che l’originale non è sempre il migliore? Ebbene, “Mad Max” del 1979 è stato e sarà sempre un trionfo assoluto, ma Mel Gibson ha dato la sua interpretazione più memorabile dell’antieroe titolare nel tour de force di George Miller “Mad Max 2”, il suo sequel del 1981 acclamato dalla critica. Uscito negli Stati Uniti con il titolo “Il guerriero della strada”, il film ci riporta nell’arido mondo distopico di Miller, solo che sono passati alcuni anni e la civiltà come la conosciamo è ormai storia. Questa è l’immagine iconica di Max che si è radicata nella cultura popolare: un lupo solitario che viaggia attraverso il polveroso outback australiano, cercando carburante e cibo durante il viaggio. Miller perde poco tempo per presentare Max ai Marauders, la banda di pazzi motociclisti del sequel. Il regista mette il piede sull’acceleratore durante questo primo incontro e non lo molla fino ai titoli di coda. Questo è un “intrattenimento esilarante” secondo la rivista Time, che nella sua recensione originale ha definito il film “un manuale di cinema sofisticato e popolare”. La popolarità di “The Road Warrior” è cresciuta nei decenni successivi ed è difficile immaginare che la star possa mai superarla. Se oggi avete intenzione di guardare un solo film di Mel Gibson, scegliete questo.

Leggi anche: I migliori film di Ben Stiller, classificati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.